Salute 14 aprile 2015

ECM obbligatoria: ai radar del Ministero non si sfugge 

La novità assoluta della consultazione delle banche dati e subito il caso emblematico dei migliaia di medici competenti depennati. L’Ad di Sanità In-Formazione, Andrea Tortorella: “La legge è chiara, importante una formazione di qualità”

Immagine articolo

In tema di Ecm sempre più serrati i controlli del Ministero della Sanità. L’obbligo formativo per tutti i medici è già previsto dalla legge, ma ora i controlli del dicastero per la Salute sono diventati più stringenti.

E l’assoluta novità dell’utilizzo delle banche dati ha prodotto i primi drastici provvedimenti per chi non aveva maturato i crediti previsti. A farne le spese ora sono stati migliaia di medici competenti, depennati con una netta sforbiciata che ha fatto scattare l’allarme per tutti gli operatori sanitari. Mai come ora, dunque, i radar del Ministero sono in funzione. La conferma arriva direttamente dal Ministero della Salute, particolarmente attento al rispetto delle norme sulla formazione, nonostante – proprio in questi giorni – gli uffici abbiano come priorità la risoluzione della vicenda dei medici competenti. A questi ultimi, oltre ad essere stato concesso un anno in più (rispetto il triennio 2011-2013) per maturare i crediti, è stata concessa da gennaio ad oggi  la possibilità di comunicare ufficialmente il loro aggiornamento. Degli 11mila medici in lista, solo 4,6 mila lo hanno fatto entro marzo ed altri 2,5 mila nelle ultime settimane. Un afflusso che ha mandato in tilt i terminali ministeriali, passati ora ad un aggiornamento manuale che da trimestrale è diventato settimanale. Da Lungotevere Ripa arrivano rassicurazioni, soprattutto rivolte a chi ha maturato i crediti, ma non vede il suo nome nella lista degli “attivi”: a breve la situazione sarà sanata. Va sottolineato che all’appello mancano circa 4 mila medici. Ci sono senza dubbio pensionati e defunti, altri avranno anche cambiato lavoro, ma resta una fetta consistente che ad oggi ha perso l’idoneità e solo nelle prossime settimane verrà chiarito se a non essere aggiornati sono i professionisti oppure la banca dati ministeriale. Del caso abbiamo parlato con Andrea Tortorella, amministratore delegato di Sanità In-Formazione, provider di riferimento per la formazione in Italia ed a livello internazionale.

“Questo ‘altolà’ del Ministero non ci coglie certo impreparati – afferma Tortorella. Le penalità per chi non ottempera a quest’obbligo sono demandate ai vari ordini professionali, ma sull’obbligatorietà il Ministero e il legislatore sono chiari da anni. Noi, come Sanità In-Formazione, siamo vicini al Ministero e collaboriamo in tal senso”.

I numeri della “sforbiciata” sono in via di definizione, ma il messaggio ai medici italiani è chiarissimo…
Ed è un segnale importante il fatto che per la prima volta il Ministero ha utilizzato le banche dati a sua disposizione per esprimere la propria volontà, e ribadire in modo fermo l’obbligatorietà dell’ottenimento dei crediti necessari e l’importanza di una formazione di qualità per la professione medica.

In questo senso Sanità in-Formazione dimostra di avere tutte le carte in regola.
Sì, possiamo affermare con orgoglio di essere i leader tra i provider del Ministero della Sanità. Il nostro obiettivo è dare l’opportunità a tutti i medici di entrare con facilità nel mondo della formazione, un fattore che riteniamo di primaria importanza alla luce delle ultime notizie dal Ministero. Proprio negli ultimi giorni abbiamo messo in campo un nuovo progetto, che a breve sarà fruibile dai professionisti – non solo italiani, ma in tutta Europa e nel mondo – e che prevede un nuovo modo di veicolare l’informazione: l’utilizzo di film su temi di primaria attualità e di assoluta importanza didattica. L’offerta formativa che siamo in grado di fornire in Italia è in costante aumento, per quantità di corsi e per qualità ed innovatività degli stessi. Penso ad esempio al “paziente virtuale”, o ai nostri corsi di lingua ad hoc per i medici, tramite canali informatici e facilmente fruibili.

Articoli correlati
Pazienti a rischio suicidio, come prevenire e superare shock. Innamorati (psicoterapeuta): «Occorre formazione per tutti reparti»
«Non bisogna pensare che solo i pazienti ricoverati in psichiatria possono compiere gesti estremi, per questo tutti i medici e gli operatori – di qualsiasi settore - devono essere preparati» ai microfoni di Sanità Informazione Marco Innamorati, psicologo e psicoterapeuta
Contratto, parla Carlo Palermo (Anaao): «Per firmare va sbloccata Retribuzione Individuale di Anzianità. Ecco come fare…»
Dai nodi da scogliere per arrivare a sbloccare il contratto alle soluzioni per rispondere alla carenza di specialisti, passando per le “autodimissioni” dei medici ospedalieri fino al taglio delle pensioni d’oro: l’intervista a tutto tondo al segretario nazionale di Anaao Assomed
Chi identifica gli obiettivi formativi?
Gli obiettivi formativi di rilievo nazionale sono definiti dalla CNFC e devono essere riconducibili alle attività sanitarie e socio-sanitarie collegate ai LEA (Livelli Essenziali di Assistenza). Gli obiettivi formativi di rilievo regionale ed aziendale sono definiti dalle Regioni e dalle Aziende sanitarie e tengono conto dei piani sanitari regionali e delle specifiche mission aziendali. Anch’essi […]
Condominio installa telecamere nel palazzo, si possono avere problemi in termini di privacy con i pazienti?
Se il condominio con la maggioranza prevista dalla legge approvasse l’istallazione delle telecamere di videosorveglianza, la presenza di uno studio medico all’interno dello stabile e la possibilità dunque che si possa rilevare un trattamento dei dati sensibili dei pazienti che si recano presso il suo studio imporrà l’utilizzo di cautele molto specifiche. A titolo esemplificativo: […]
Che differenza c’è tra crediti formativi acquisiti da Provider accreditati a livello nazionale e regionale?
I crediti formativi attestati ai professionisti della Sanità da un Provider accreditato a livello regionale, hanno valore a livello nazionale. Da ricordare che per la FAD erogata da Provider accreditati a livello regionale i crediti dovranno essere erogati solo ai professionisti sanitari che svolgono la loro attività nella Regione o Provincia Autonoma che ha accreditato […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...