Salute 28 ottobre 2014

Ebola, dopo la paura è il momento della speranza

Pronto il farmaco blocca emorragia, iniziati i primi test del vaccino

Immagine articolo

Dopo la guarigione di Teresa Romero, l’infermiera spagnola che aveva contratto Ebola, anche gli altri quattro pazienti affetti dal virus negli Stati Uniti sono riusciti a debellare la malattia.

Inoltre, nonostante in Africa occidentale l’epidemia continui a mietere vittime (ormai 10mila i contagiati), in alcune regioni sembra che il virus abbia subìto una battuta d’arresto. La Nigeria, originariamente a rischio dato il confine prossimo ai Paesi colpiti, è stata dichiarata “libera”: Ebola, per fortuna, lì non è riuscito ad attecchire. Un segnale positivo, anche perché dimostra che le operazioni di quarantena e contenimento stanno, tutto sommato, funzionando.

L’altra buona notizia è che l’Istituto chimico farmaceutico militare (Icfm) di Firenze ha terminato la sperimentazione di fase I per un farmaco “blocca emorragia”, che può essere un valido strumento contro i sintomi del virus Ebola. Mille dosi del farmaco, richieste da una Ong in prima linea nel combattere la malattia, sono già in viaggio per la Sierra Leone. E’ importante sottolineare, tuttavia, che il farmaco è un anti emorragico, ed interviene dunque sul sintomo più drammatico della malattia ma non serve a debellare il virus. Al momento, infatti, data la mancanza di un vaccino e di terapie antivirali specifiche, l’unica cura è data proprio dalle terapie di sostegno. Solo in qualche caso si sono provati prodotti sperimentali, con risultati alterni e ancora non utilizzabili, quindi, su larga scala. Il farmaco era stato inizialmente concepito per fini militari, cioè per curare le ferite, ma constatandone l’efficacia si è pensato di usarlo anche contro Ebola. Se la molecola dovesse rivelarsi utile allo scopo, altre dosi potrebbero essere spedite in Africa.

L’importante risultato, annunciato dal ministro Beatrice Lorenzin, fa il paio con un altro traguardo, anche questo “tricolore”: un team di ricercatori nei laboratori dell’Irbm Science Park di Pomezia, in provincia di Roma, ha sviluppato il più promettente vaccino contro Ebola, i cui primi test su alcuni volontari sono appena iniziati in Mali. Se daranno i risultati sperati, una sperimentazione su larga scala potrebbe partire già a dicembre.

Articoli correlati
Brescia, bimba di 4 anni muore di malaria. Non era mai stata all’estero
Una bimba trentina di 4 anni è morta di malaria nel reparto di malattie infettive agli Ospedali Civili di Brescia,  dove era stata trasferita d’urgenza per un ultimo tentativo di cura. La malaria, infatti, le era già stata diagnosticata all’ospedale Santa Chiara di Trento. I medici stanno cercando di capire come possa essere avvenuto il […]
Sì viaggiare: il punto sulle vaccinazioni obbligatorie all’estero
È noto a tutti quelli che viaggiano molto, sia per lavoro che per diletto, che è sempre meglio informarsi prima di giungere a destinazione...
Radiazione del medico anti vaccini? “Udienza” all’OMCeO Milano: parla il Presidente Roberto Carlo Rossi
Convocato il medico 'no-vax' e un suo collega con posizioni simili. Il presidente dell’Ordine: «Sul caso specifico non posso esprimermi, ma quando un medico dice che i vaccini generano l’autismo fa un danno rilevante. Puntare su formazione»
Vaccini, in dirittura d’arrivo l’accordo sul Piano. Niente scuola senza coperture: gli obblighi Regione per Regione
In dirittura d’arrivo l’accordo sul Piano Vaccini per rendere obbligatorie tutte le coperture. Molte le Regioni che si sono già mosse, ecco la mappa degli obblighi da nord a sud…
Movimento 5 Stelle fuori dal coro, Davide Barillari: «No vaccini obbligatori per motivi commerciali. Valutare casi»
Parla il Consigliere regionale M5S del Lazio: «Noi vogliamo vaccinare, dando però piena informazione alle persone che possono scegliere liberamente sulla base della storia clinica del singolo bambino»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazi...
Salute

Fabrizio Frizzi: «Sulla salute non si scherza, ecco perché voglio medici aggiornati e voglio sapere tutto…»

Il popolare conduttore ai microfoni di Sanità Informazione parla del suo rapporto con la salute ed i camici bianchi: «Non sono ipocondriaco, ma sto attento ai segnali». Il racconto di quando donò ...
Lavoro

Cumulo contributivo, la carica dei 130mila. Oliveti: «Siamo pronti ma non è giusto che sia l’Inps a pagare i medici…»

«Il cumulo è diritto di civiltà, ma l’Enpam già prevedeva totalizzazione interna gratuita». A Sanità Informazione, il commento del Presidente della Cassa previdenziale dei medici Alberto Olive...