Salute 13 maggio 2015

Ebola, pronta invenzione italiana per diagnosi”Kit portatile individua malattia in 75 minuti”

La ricerca Clonit-Fleming Research e STM, insieme all’Istituto Spallanzani

Riconoscere Ebola e stroncarne all’istante il suo diffondersi. Un obiettivo raggiunto finora dai centri ospedalieri d’eccellenza europei, in primis l’Istituto Spallanzani di Roma. Ma ora, il caso di Sassari accende i riflettori sulla necessità che l’immediatezza diagnostica e contenitiva avvenga ben prima che il paziente infetto raggiunga le strutture ospedaliere. Ebola non deve oltrepassare le frontiere degli aeroporti, perché dopo potrebbe essere troppo tardi. La risposta a quest’esigenza potrebbe arrivare a breve dalle nuove tecnologie, e dal dispositivo a cui sta lavorando la Clonit – Fleming Research: un dispositivo, sullo stampo di quelli già attivi per Antrace e Sars, che permetta di identificare immediatamente la presenza del virus nel sangue del paziente, anche in assenza di sintomi. Lo ha rivelato a Sanità Informazione il CEO della Clonit, il dott. Carlo Roccio: “Si tratta di un kit realizzato in collaborazione con lo Spallanzani e la STMicroelectronics, perfezionato nella sua versione da laboratorio, e a breve disponibile anche nella versione portatile, grazie a cui  – continua Roccio – si potrà diagnosticare la malattia in tempi rapidissimi, sia in Africa che nei principali punti a rischio diffusione, come gli aeroporti. Il responso infatti  si ha nell’arco di 75 minuti”.

Il kit ha le dimensioni di un mouse da computer, il suo funzionamento è basato sulla Real Time PCR (Polymerase Chain Reaction) ed è composto da quattro componenti fondamentali: un estrattore, sul quale viene caricato il sangue da cui viene estratto l’RNA del virus; un microchip in silicio che funge da reattore in miniatura riproducendo, su scala micrometrica, l’intero processo di amplificazione e rivelazione genetica sul quale viene caricato l’RNA estratto, per essere poi retro-trascritto in DNA e amplificato secondo la metodologia della RT PCR; i reagenti specifici che, precaricati sul chip, permettono di eseguire una real time PCR Quantitativa (viral load) avendo a bordo tutti gli standard e i controlli richiesti dalle normative di controllo di qualità internazionali; un lettore ottico portatile, che rileva la presenza del DNA del virus nel campione analizzato e invia i dati al PC che li elabora in forma grafica. Tutto ciò che il paziente deve fare è inserire il dito nel dispositivo per permettere il rilevamento, dopodiché attendere poco più di un’ora prima di conoscere il risultato.

Articoli correlati
Brescia, bimba di 4 anni muore di malaria. Non era mai stata all’estero
Una bimba trentina di 4 anni è morta di malaria nel reparto di malattie infettive agli Ospedali Civili di Brescia,  dove era stata trasferita d’urgenza per un ultimo tentativo di cura. La malaria, infatti, le era già stata diagnosticata all’ospedale Santa Chiara di Trento. I medici stanno cercando di capire come possa essere avvenuto il […]
Sì viaggiare: il punto sulle vaccinazioni obbligatorie all’estero
È noto a tutti quelli che viaggiano molto, sia per lavoro che per diletto, che è sempre meglio informarsi prima di giungere a destinazione...
Radiazione del medico anti vaccini? “Udienza” all’OMCeO Milano: parla il Presidente Roberto Carlo Rossi
Convocato il medico 'no-vax' e un suo collega con posizioni simili. Il presidente dell’Ordine: «Sul caso specifico non posso esprimermi, ma quando un medico dice che i vaccini generano l’autismo fa un danno rilevante. Puntare su formazione»
Vaccini, in dirittura d’arrivo l’accordo sul Piano. Niente scuola senza coperture: gli obblighi Regione per Regione
In dirittura d’arrivo l’accordo sul Piano Vaccini per rendere obbligatorie tutte le coperture. Molte le Regioni che si sono già mosse, ecco la mappa degli obblighi da nord a sud…
Movimento 5 Stelle fuori dal coro, Davide Barillari: «No vaccini obbligatori per motivi commerciali. Valutare casi»
Parla il Consigliere regionale M5S del Lazio: «Noi vogliamo vaccinare, dando però piena informazione alle persone che possono scegliere liberamente sulla base della storia clinica del singolo bambino»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi: 62 milioni di euro di rimborsi. Ma arriva la prescrizione…

Lavra (OMCeO Roma): «Felice per i colleghi rimborsati, Consulcesi patriottica». Andrea Tortorella (Ad Consulcesi): «Cifra emblematica, consigliamo a tutti i camici bianchi di muoversi prima della p...
Lavoro

Medici di famiglia, Lorenzin: «Sono le nostre braccia sul territorio. Più risorse da Def e fondi regionali»

«Investiamo sul capitale umano, i nostri medici di famiglia sono l’anello forte della catena» così il Ministro Lorenzin intervistata al 74° Congresso Nazionale Fimmg. Ecco le ultime novità su D...
Lavoro

«Ritardi e penalizzazioni, no a Italia senza medici» parla Noemi Lopes (FIMMG Giovani), in piazza il 28 settembre

«Un ricambio generazionale sempre più ingessato, una fuga di cervelli sempre più massiccia, crollo della medicina generale: ecco il futuro del comparto medico italiano». Bando per l’accesso alle...