Salute 20 gennaio 2015

Ebola, l’Europa tira un sospiro di sollievo ma in Africa è ancora emergenza

E l’OMS richiede più poteri per la gestione delle crisi sanitarie

Immagine articolo

Inghilterra e Italia unite ad accogliere con sollievo, e un pizzico d’orgoglio, la guarigione dei loro pazienti zero. Dopo le dimissioni di Fabrizio Pulvirenti dallo Spallanzani di Roma, anche Pauline Cafferkey, infermiera britannica che aveva contratto l’Ebola mentre lavorava come volontaria per l’organizzazione Save the Children in Sierra Leone, “non versa più in condizioni critiche”.

Lo ha annunciato il Royal Free Hospital, l’ospedale londinese che l’ha in cura dal 30 dicembre. Sono le storie a lieto fine di eroi silenziosi, che mettono le proprie competenze e il proprio coraggio al servizio delle popolazioni flagellate dall’epidemia. Il personale sanitario è il tributo più grande che il virus sta esigendo in termini di vite umane: solo in Sierra Leone, quasi 200 le vittime tra medici e operatori. A livello globale, l’ultimo bollettino diramato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità parla di 8371 morti a fronte di oltre 21mila contagiati nei Paesi dell’Africa occidentale, in particolare Guinea, Sierra Leone, Liberia.

Ed è proprio l’Oms ad aver chiesto il conferimento di ancora più poteri per poter efficacemente gestire non solo questa emergenza ma anche altre, analoghe, che si presenteranno in futuro. Come? Ampliando il mandato dell’agenzia, e creando squadre di esperti e strutture in grado di gestire al meglio i fondi e le informazioni. Dietro a questa richiesta ci sarebbe, in realtà, un j’accuse dell’Organizzazione nei confronti dei governi, colpevoli di non aver tenuto fede ai loro obblighi durante la crisi di ebola in Africa, e di aver messo a rischio le “International Health Regulations” con azioni quali la chiusura delle frontiere e discriminando i viaggiatori provenienti dalle zone colpite dal virus.

Come se non bastasse, gli Stati che hanno reagito in modo corretto all’emergenza, garantendo adeguati sistemi di sorveglianza, preparazione e comunicazione del rischio, si conterebbero sulla dita di una mano. Criticità peraltro già riscontrate nella gestione di altre emergenze, anche non di carattere strettamente sanitario, cui è necessario porre rimedio.

Articoli correlati
In Africa la prima campagna di vaccinazione su larga scala contro la malaria
Sono circa 430mila le persone che ogni anno muoiono a causa della malaria, malattia causata dalla puntura di alcune specie di zanzara. Il 92% di questi casi si registra in Africa. Ecco perché l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha annunciato che in tre stati africani, Kenya, Ghana e Malawi, nel 2018 si darà il via […]
Sì viaggiare: il punto sulle vaccinazioni obbligatorie all’estero
È noto a tutti quelli che viaggiano molto, sia per lavoro che per diletto, che è sempre meglio informarsi prima di giungere a destinazione...
Radiazione del medico anti vaccini? “Udienza” all’OMCeO Milano: parla il Presidente Roberto Carlo Rossi
Convocato il medico 'no-vax' e un suo collega con posizioni simili. Il presidente dell’Ordine: «Sul caso specifico non posso esprimermi, ma quando un medico dice che i vaccini generano l’autismo fa un danno rilevante. Puntare su formazione»
Vaccini, in dirittura d’arrivo l’accordo sul Piano. Niente scuola senza coperture: gli obblighi Regione per Regione
In dirittura d’arrivo l’accordo sul Piano Vaccini per rendere obbligatorie tutte le coperture. Molte le Regioni che si sono già mosse, ecco la mappa degli obblighi da nord a sud…
Movimento 5 Stelle fuori dal coro, Davide Barillari: «No vaccini obbligatori per motivi commerciali. Valutare casi»
Parla il Consigliere regionale M5S del Lazio: «Noi vogliamo vaccinare, dando però piena informazione alle persone che possono scegliere liberamente sulla base della storia clinica del singolo bambino»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...