Salute 20 gennaio 2015

Ebola, l’Europa tira un sospiro di sollievo ma in Africa è ancora emergenza

E l’OMS richiede più poteri per la gestione delle crisi sanitarie

Immagine articolo

Inghilterra e Italia unite ad accogliere con sollievo, e un pizzico d’orgoglio, la guarigione dei loro pazienti zero. Dopo le dimissioni di Fabrizio Pulvirenti dallo Spallanzani di Roma, anche Pauline Cafferkey, infermiera britannica che aveva contratto l’Ebola mentre lavorava come volontaria per l’organizzazione Save the Children in Sierra Leone, “non versa più in condizioni critiche”.

Lo ha annunciato il Royal Free Hospital, l’ospedale londinese che l’ha in cura dal 30 dicembre. Sono le storie a lieto fine di eroi silenziosi, che mettono le proprie competenze e il proprio coraggio al servizio delle popolazioni flagellate dall’epidemia. Il personale sanitario è il tributo più grande che il virus sta esigendo in termini di vite umane: solo in Sierra Leone, quasi 200 le vittime tra medici e operatori. A livello globale, l’ultimo bollettino diramato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità parla di 8371 morti a fronte di oltre 21mila contagiati nei Paesi dell’Africa occidentale, in particolare Guinea, Sierra Leone, Liberia.

Ed è proprio l’Oms ad aver chiesto il conferimento di ancora più poteri per poter efficacemente gestire non solo questa emergenza ma anche altre, analoghe, che si presenteranno in futuro. Come? Ampliando il mandato dell’agenzia, e creando squadre di esperti e strutture in grado di gestire al meglio i fondi e le informazioni. Dietro a questa richiesta ci sarebbe, in realtà, un j’accuse dell’Organizzazione nei confronti dei governi, colpevoli di non aver tenuto fede ai loro obblighi durante la crisi di ebola in Africa, e di aver messo a rischio le “International Health Regulations” con azioni quali la chiusura delle frontiere e discriminando i viaggiatori provenienti dalle zone colpite dal virus.

Come se non bastasse, gli Stati che hanno reagito in modo corretto all’emergenza, garantendo adeguati sistemi di sorveglianza, preparazione e comunicazione del rischio, si conterebbero sulla dita di una mano. Criticità peraltro già riscontrate nella gestione di altre emergenze, anche non di carattere strettamente sanitario, cui è necessario porre rimedio.

Articoli correlati
Bollettino Ebola, in Congo già registrati 27 morti e 58 casi
Esattamente 20 giorni fa, il Ministro della Salute della Repubblica Democratica del Congo ha dichiarato il ritorno di ebola. Per la nona volta negli ultimi 40 anni, il Paese è costretto ad affrontare nuovamente un’emergenza che già conta decine di morti. L’ultimo bollettino dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, pubblicato lo scorso 23 maggio, riporta i numeri […]
Ebola è tornata. Roberto Cauda (Gemelli): «In realtà il virus non se n’è mai andato, c’è sempre stato»
«L'infezione rimane latente in alcuni animali definiti 'serbatoi' e quando l'uomo entra in contatto con qualche specie infetta ecco che torna il focolaio». L'intervista al Direttore dell'Area Malattie Infettive del Policlinico Gemelli di Roma
Ebola, arriva il vaccino per combattere l’epidemia in Congo
«La distribuzione del vaccino contro l’Ebola nella Repubblica Democratica del Congo (RDC) potrebbe dare un impulso vitale alla lotta contro la malattia» ha affermato il Dottor Seth Berkley, CEO di Gavi, The Vaccine Alliance, una partnership pubblico-privata dedicata a salvare le vite dei bambini e a proteggere la salute delle persone tramite l’incremento di un […]
OMS, al via l’Assemblea Mondiale. L’agenda del Direttore Tedros: più sanità per tre miliardi di persone
Pubblicato il World Health Statistics 2018. Ecco gli obiettivi dei prossimi cinque anni che i delegati dei 194 Paesi membri dell'Organizzazione Mondiale della Sanità stanno discutendo a Ginevra
Ebola in Congo, OMS: «Rischio da ‘alto’ a ‘molto alto’. 4mila dosi di vaccino pronte, ne servono più di 7mila»
Di nuovo l'incubo, dopo gli 11mila morti causati dall'epidemia del 2013-16, il virus torna e provoca 25 decessi in pochi giorni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Leucemia infantile, tra le cause anche la mancata esposizione ai microbi. La ricerca pubblicata su Nature

Il Professor Greaves, autore dello studio: «L’incidenza della leucemia linfoblastica acuta infantile è maggiore nei Paesi sviluppati, non a causa di onde elettromagnetiche o agenti chimici, ma deg...