Salute 15 maggio 2015

Ebola, «Informazione corretta per evitare allarmismi»

Intervista ad Emilia De Biasi, presidente Commissione Sanità del Senato

Immagine articolo

Ebola è tornato in Italia, scuotendo di nuovo le nostre paure. Le istituzioni naturalmente non restano indifferenti alla vicenda.

Il ministro Lorenzin ha sottolineato il fatto che tutti i protocolli siano stati rispettati, e che pertanto i rischi di diffusione sono pressoché nulli. Sanità informazione ha ascoltato sul tema la presidente della Commissione Igiene e Sanità al Senato, Emilia Grazia De Biasi del Pd.

«Innanzitutto faccio tanti auguri di pronta guarigione all’infermiere – dichiara la presidente –. Sono certa che lo Spallanzani con le sue capacità professionali e scientifiche lo prenderà in carico adeguatamente, affinché tutto si risolva. Ho chiesto che il Governo riferisca in Parlamento sul tema, rispettando la giusta procedura di fornire un’informazione corretta e veritiera ai cittadini, senza allarmismi – continua de Biasi – facendo luce sulle problematiche e verificando se i protocolli sanitari e l’intervento di emergenza su questa gravissima situazione siano adeguati ed efficienti, e se il personale è correttamente formato. Ma le verifiche si fanno sul campo e non a tavolino».

Le istituzioni immediatamente reagiscono: oltre all’appello al Governo anche la Farnesina si è mossa e  lo Spallanzani, eccellenza mondiale, ha preso immediatamente in carico la faccenda.
«L’Italia è riconosciuta unanimemente nel mondo come un’eccellenza in questo campo. Io insisto su un punto – sottolinea la presidente – e cioè che bisognerebbe riuscire a non far entrare soggetti a rischio. Rinnovo quindi anche l’appello perché questi straordinari volontari abbiano cura di sé, consapevoli di far parte di una comunità, e siano quindi i primi ad attuare la prevenzione. I dati internazionali sono confortanti: l’epidemia si sta affievolendo in modo consistente – conclude De Biasi – e ora ancor di più bisogna fare attenzione alla formazione e alle corrette procedure igieniche, di profilassi, di prevenzione, per evitare che il personale sanitario a contatto coi malati venga contagiato».

Articoli correlati
Brescia, bimba di 4 anni muore di malaria. Non era mai stata all’estero
Una bimba trentina di 4 anni è morta di malaria nel reparto di malattie infettive agli Ospedali Civili di Brescia,  dove era stata trasferita d’urgenza per un ultimo tentativo di cura. La malaria, infatti, le era già stata diagnosticata all’ospedale Santa Chiara di Trento. I medici stanno cercando di capire come possa essere avvenuto il […]
Sì viaggiare: il punto sulle vaccinazioni obbligatorie all’estero
È noto a tutti quelli che viaggiano molto, sia per lavoro che per diletto, che è sempre meglio informarsi prima di giungere a destinazione...
Radiazione del medico anti vaccini? “Udienza” all’OMCeO Milano: parla il Presidente Roberto Carlo Rossi
Convocato il medico 'no-vax' e un suo collega con posizioni simili. Il presidente dell’Ordine: «Sul caso specifico non posso esprimermi, ma quando un medico dice che i vaccini generano l’autismo fa un danno rilevante. Puntare su formazione»
Vaccini, in dirittura d’arrivo l’accordo sul Piano. Niente scuola senza coperture: gli obblighi Regione per Regione
In dirittura d’arrivo l’accordo sul Piano Vaccini per rendere obbligatorie tutte le coperture. Molte le Regioni che si sono già mosse, ecco la mappa degli obblighi da nord a sud…
Movimento 5 Stelle fuori dal coro, Davide Barillari: «No vaccini obbligatori per motivi commerciali. Valutare casi»
Parla il Consigliere regionale M5S del Lazio: «Noi vogliamo vaccinare, dando però piena informazione alle persone che possono scegliere liberamente sulla base della storia clinica del singolo bambino»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi: 62 milioni di euro di rimborsi. Ma arriva la prescrizione…

Lavra (OMCeO Roma): «Felice per i colleghi rimborsati, Consulcesi patriottica». Andrea Tortorella (Ad Consulcesi): «Cifra emblematica, consigliamo a tutti i camici bianchi di muoversi prima della p...
Lavoro

Medici di famiglia, Lorenzin: «Sono le nostre braccia sul territorio. Più risorse da Def e fondi regionali»

«Investiamo sul capitale umano, i nostri medici di famiglia sono l’anello forte della catena» così il Ministro Lorenzin intervistata al 74° Congresso Nazionale Fimmg. Ecco le ultime novità su D...
Lavoro

«Ritardi e penalizzazioni, no a Italia senza medici» parla Noemi Lopes (FIMMG Giovani), in piazza il 28 settembre

«Un ricambio generazionale sempre più ingessato, una fuga di cervelli sempre più massiccia, crollo della medicina generale: ecco il futuro del comparto medico italiano». Bando per l’accesso alle...