Salute 11 novembre 2014

Ebola, il verdetto è scritto nei nostri geni

Lo rivela la sperimentazione dell’Università di Washington, ma per la soluzione resta in pole l’Okairos di Pomezia

Immagine articolo

E’ una corsa contro il tempo, ormai, quella che vede impegnati ricercatori e scienziati di tutto il mondo nella ricerca di un vaccino contro Ebola.

Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, durante il convegno sulle vaccinazioni tenutosi a Roma nei giorni scorsi, ha rassicurato circa “l’accelerata dell’Europa e delle Autorità sanitarie mondiali nella messa a punto di un vaccino efficace e sicuro” che possa essere quindi prodotto e distribuito su larga scala. In pole position la soluzione, tuttora in fase sperimentale, ad opera del team italiano della Okairos. Alle parole del ministro fanno eco quelle del direttore generale dell’Aifa, Luca Pani, che nella medesima sede ha sottolineato la necessità che “i test siano fatti secondo le regole seguendo una sperimentazione clinica precisa”.

Gli sforzi di esperti e scienziati però non si concentrano solo sul vaccino, ma anche su come l’organismo umano reagisce e combatte la presenza del virus. Uno studio coordinato dai ricercatori dell’Università di Washington, in collaborazione con il National Institutes of Health e l’ateneo della Carolina del Nord, ha utilizzato topi geneticamente modificati in laboratorio per riprodurre le caratteristiche principali della malattia nell’uomo. Scopo dell’esperimento è stato valutare il ruolo giocato da particolari caratteristiche genetiche nella maggiore o minore aggressività del decorso di Ebola. La scoperta? Guarire o morire di Ebola è perlopiù questione di geni. Una rivelazione che, si spera, potrebbe tornare utile proprio nella produzione di un vaccino.

Intanto in West Africa emergono con violenza le conseguenze di un disastro che non è solo sanitario e umanitario, ma economico. L’epidemia sta imponendo costi esorbitanti a Paesi già disastrati, ora letteralmente in ginocchio. Gli orfanotrofi sono al collasso e la crisi alimentare è dietro l’angolo; per evitarla, saranno necessari ancora più fondi messi a disposizione dalla comunità internazionale. La disoccupazione in Liberia e in Sierra Leone sta toccando cifre vertiginose: il lavoro agricolo si è drasticamente ridotto e il cordone sanitario – ovvero la chiusura dei confini – ostacola il commercio e l’entrata dei generi alimentari. I pochi reperibili costano troppo, in un circolo vizioso che, purtroppo, non accenna a spezzarsi.

Articoli correlati
Brescia, bimba di 4 anni muore di malaria. Non era mai stata all’estero
Una bimba trentina di 4 anni è morta di malaria nel reparto di malattie infettive agli Ospedali Civili di Brescia,  dove era stata trasferita d’urgenza per un ultimo tentativo di cura. La malaria, infatti, le era già stata diagnosticata all’ospedale Santa Chiara di Trento. I medici stanno cercando di capire come possa essere avvenuto il […]
Sì viaggiare: il punto sulle vaccinazioni obbligatorie all’estero
È noto a tutti quelli che viaggiano molto, sia per lavoro che per diletto, che è sempre meglio informarsi prima di giungere a destinazione...
Radiazione del medico anti vaccini? “Udienza” all’OMCeO Milano: parla il Presidente Roberto Carlo Rossi
Convocato il medico 'no-vax' e un suo collega con posizioni simili. Il presidente dell’Ordine: «Sul caso specifico non posso esprimermi, ma quando un medico dice che i vaccini generano l’autismo fa un danno rilevante. Puntare su formazione»
Vaccini, in dirittura d’arrivo l’accordo sul Piano. Niente scuola senza coperture: gli obblighi Regione per Regione
In dirittura d’arrivo l’accordo sul Piano Vaccini per rendere obbligatorie tutte le coperture. Molte le Regioni che si sono già mosse, ecco la mappa degli obblighi da nord a sud…
Movimento 5 Stelle fuori dal coro, Davide Barillari: «No vaccini obbligatori per motivi commerciali. Valutare casi»
Parla il Consigliere regionale M5S del Lazio: «Noi vogliamo vaccinare, dando però piena informazione alle persone che possono scegliere liberamente sulla base della storia clinica del singolo bambino»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Lavoro

«Ritardi e penalizzazioni, no a Italia senza medici» parla Noemi Lopes (FIMMG Giovani), in piazza il 28 settembre

«Un ricambio generazionale sempre più ingessato, una fuga di cervelli sempre più massiccia, crollo della medicina generale: ecco il futuro del comparto medico italiano». Bando per l’accesso alle...