Salute 3 febbraio 2015

Ebola fa sempre paura, forse ora più contagioso. Non si esclude la trasmissione aerea

E la battaglia si combatte anche dal web. Raccolta fondi dalla Ndemic Creations, produttrice di videogiochi on line

Immagine articolo

Una nuova insidia potrebbe nascondersi dietro le notizie lievemente più rassicuranti delle scorse settimane. Secondo gli scienziati che studiano l’epidemia di Ebola in Guinea, il virus sarebbe in continuo mutamento.

Resta da capire se questo mutamento lo abbia reso meno letale ma più contagioso. E’ a questo che stanno lavorando i biologi dell’Institut Pasteur in Francia (gli stessi che, lo scorso marzo, isolarono il virus), per capire se la mutazione influirà sulle modalità di contagio e sul decorso. “Siamo di fronte a vari casi del tutto asintomatici – sottolinea il genetista Anavaj Sakuntabhai – e le persone che non presentano sintomi rischiano di diffondere maggiormente il virus”. Ma la preoccupazione maggiore è che questa mutazione possa determinare la temutissima modalità di contagio per via aerea, finora esclusa. “Per il momento il metodo di trasmissione è lo stesso, basta evitare il contatto con le persone malate – affermano dall’Institut Pasteur  – ma come scienziati non possiamo affermare che non cambierà: forse lo farà”.

E intanto dal mondo della tecnologia arriva un messaggio di solidarietà, molto concreto, nei confronti dei Paesi colpiti. I creatori di Plague Inc., videogioco sviluppato dalla Ndemic Creations che simula pandemie di microrganismi letali per la razza umana, sfruttando il picco di download in concomitanza con l’epidemia di Ebola, hanno organizzato lo scorso novembre una di raccolta fondi per supportare la lotta contro il virus in Africa. Il sito della campagna è stato visitato da ben 800mila utenti e, ad oggi, la cifra raccolta ammonta a circa 76mila dollari (67mila euro) a favore di numerose associazioni impegnate sul campo. Così il capo di Ndemic Creations, James Vaughan: “L’epidemia del virus Ebola è molto preoccupante e ho voluto fare qualcosa per aiutare. La natura stessa del videogioco evidenzia il rischio delle malattie infettive e fa capire ai giocatori l’importanza di intervenire”. Un’idea decisamente innovativa per raggiungere un target ancora inedito di potenziali “combattenti” che, dal mondo virtuale, supportano una battaglia terribilmente reale.

Articoli correlati
Brescia, bimba di 4 anni muore di malaria. Non era mai stata all’estero
Una bimba trentina di 4 anni è morta di malaria nel reparto di malattie infettive agli Ospedali Civili di Brescia,  dove era stata trasferita d’urgenza per un ultimo tentativo di cura. La malaria, infatti, le era già stata diagnosticata all’ospedale Santa Chiara di Trento. I medici stanno cercando di capire come possa essere avvenuto il […]
Sì viaggiare: il punto sulle vaccinazioni obbligatorie all’estero
È noto a tutti quelli che viaggiano molto, sia per lavoro che per diletto, che è sempre meglio informarsi prima di giungere a destinazione...
Radiazione del medico anti vaccini? “Udienza” all’OMCeO Milano: parla il Presidente Roberto Carlo Rossi
Convocato il medico 'no-vax' e un suo collega con posizioni simili. Il presidente dell’Ordine: «Sul caso specifico non posso esprimermi, ma quando un medico dice che i vaccini generano l’autismo fa un danno rilevante. Puntare su formazione»
Vaccini, in dirittura d’arrivo l’accordo sul Piano. Niente scuola senza coperture: gli obblighi Regione per Regione
In dirittura d’arrivo l’accordo sul Piano Vaccini per rendere obbligatorie tutte le coperture. Molte le Regioni che si sono già mosse, ecco la mappa degli obblighi da nord a sud…
Movimento 5 Stelle fuori dal coro, Davide Barillari: «No vaccini obbligatori per motivi commerciali. Valutare casi»
Parla il Consigliere regionale M5S del Lazio: «Noi vogliamo vaccinare, dando però piena informazione alle persone che possono scegliere liberamente sulla base della storia clinica del singolo bambino»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi: 62 milioni di euro di rimborsi. Ma arriva la prescrizione…

Lavra (OMCeO Roma): «Felice per i colleghi rimborsati, Consulcesi patriottica». Andrea Tortorella (Ad Consulcesi): «Cifra emblematica, consigliamo a tutti i camici bianchi di muoversi prima della p...
Lavoro

Medici di famiglia, Lorenzin: «Sono le nostre braccia sul territorio. Più risorse da Def e fondi regionali»

«Investiamo sul capitale umano, i nostri medici di famiglia sono l’anello forte della catena» così il Ministro Lorenzin intervistata al 74° Congresso Nazionale Fimmg. Ecco le ultime novità su D...
Lavoro

«Ritardi e penalizzazioni, no a Italia senza medici» parla Noemi Lopes (FIMMG Giovani), in piazza il 28 settembre

«Un ricambio generazionale sempre più ingessato, una fuga di cervelli sempre più massiccia, crollo della medicina generale: ecco il futuro del comparto medico italiano». Bando per l’accesso alle...