Salute 12 maggio 2015

Ebola è tornato in Italia. L’infermiere contagiato ricoverato allo Spallanzani

Si tratta del secondo caso registrato nel nostro Paese

Immagine articolo

Ebola di nuovo in Italia. Il secondo caso registrato nel nostro Paese riguarda un infermiere proveniente dalla Sierra Leone ricoverato inizialmente a Sassari e poi trasferito all’Istituto Nazionale per le malattie Infettive “Lazzaro Spallanzani” di Roma, che nelle ore precedenti aveva effettuato le analisi del sangue e comunicato l’esito positivo.

L’infermiere sardo era appena tornato dall’Africa, dove aveva collaborato con un’associazione di beneficenza. Al termine del viaggio, si era sentito male ed era stato ricoverato con sintomi compatibili con quelli dell’Ebola. Nei prossimi giorni l’Istituto “Spallanzani” darà il responso definitivo delle analisi del sangue effettuate sul paziente per capire se si tratta effettivamente del virus che da oltre un anno sta falcidiando l’Africa occidentale.

Nel frattempo però proprio lo studio del virus potrebbe diventare un’arma in più nelle mani degli operatori sanitari di tutto il mondo per prevenire e curare future epidemie analoghe. In che modo? Studiando l’evoluzione del virus dallo scoppio dell’ultima epidemia ad oggi attraverso campioni di sangue infetto prelevato in tempi e zone diverse. Lo rivela il “New York Times”, in un reportage che racconta di come gli scienziati impegnati nella ricerca di una cura definitiva al morbo che sta falcidiando l’Africa Occidentale ne stiano “mappando” lo sviluppo e i movimenti.

L’obiettivo è duplice: da un lato, questo lavoro serve per avere una precisa idea della portata delle mutazioni intervenute nelle sequenze geniche del virus in modo da prevederne i nuovi possibili sviluppi per trovare una cura; dall’altro, le informazioni raccolte nel corso dello studio circa elementi come modalità di trasmissione, fattori che agevolano il contagio e la velocità di risposta delle strutture sanitarie all’emergenza, potrebbero essere utilizzate per aumentare le capacità di prevenzione, diagnosi e trattamento.

Un quadro completo della situazione, al momento, non c’è ancora. Fatto sta che sono state fatte scoperte molto interessanti. Sempre il “New York Times” rivela, ad esempio, che mutazioni del virus rilevate la scorsa primavera in Sierra Leone sono state trovate successivamente in Mali e in Liberia.

Fondamentali sono, però, non solo le analisi scientifiche effettuate, ma anche le informazioni raccolte “porta a porta” dalle persone che sono direttamente o indirettamente venute a contatto con la malattia. Incrociando i dati raccolti in laboratorio con i loro racconti è possibile infatti ricostruire con maggior precisione il passaggio e l’evoluzione del virus, in modo da tentare di prevedere i prossimi “movimenti” della malattia ed attrezzarsi per contrastare epidemie simili.

Su questo tema è di recente intervenuta anche Chelsea Clinton, figlia dell’ex presidente degli Stati Uniti Bill e della candidata democratica alle prossime presidenziali Hillary. In un articolo sul “The Guardian” ha infatti messo in guardia il mondo sul rischio di sottovalutare, come è stato già fatto con Sars, influenza aviaria, influenza suina e Mers, il virus Ebola: “La nostra miopia – scrive – è stata un fattore determinante nell’impedirci di elaborare una risposta ad Ebola rapida ed efficace”. Secondo Chelsea Clinton le misure da adottare nell’immediato per arginare l’epidemia sono tre: “Bisogna elaborare una migliore definizione della sicurezza sanitaria; dobbiamo ascoltare ciò che chiedono i governi in tema di assistenza; investire su donne e ragazze con una strategia a lungo termine”.

Nel frattempo, per tutti gli italiani che vogliono spostarsi in maniera sicura – ed essere informati su quali zone del mondo sono a rischio Ebola e quali no – è a disposizione il sito “Viaggiare Sicuri”. Si tratta di un portale gestito da Farnesina e Unità di Crisi che viene costantemente aggiornato con le notizie più recenti e precise disponibili sul tema Ebola – ma anche su tutte le altre possibili emergenze – raccolte direttamente dalle zone interessate.

Nel sito è infatti presente una mappa interattiva dell’intero globo che permette la consultazione, in tempo reale, dei vari alert elaborati dal ministero degli Esteri e relativi alle varie situazioni di pericolo che è possibile trovare in giro per il mondo. Insomma, se una zona non è sicura, “Viaggiare Sicuri” lo comunica in tempi rapidissimi.

Il sito ha al suo interno anche una corposa sezione relativa a tutte le informazioni e le procedure da conoscere per non farsi trovare impreparati in nessuna occasione.  Che si tratti dei documenti necessari per viaggiare, dell’assicurazione sanitaria, dei centri di vaccinazione o delle malattie infettive che è possibile contrarre e le relative modalità di trasmissione, “Viaggiare Sicuri” mette a disposizione dell’utente tutto quel di cui ha bisogno per muoversi in maniera informata e, dunque, consapevole.

Articoli correlati
Rapporto operatori sanitari-pazienti. Renzo, Presidente CAO: «Centrale la figura dei giornalisti»
Il Presidente della Commissione Albo Odontoiatri della FNOMCeO ai nostri microfoni: «Solo con una corretta informazione i cittadini possono scegliere dove farsi curare e venire a conoscenza di situazioni da denuncia»
Chi abita in periferia vive 4 anni di meno. Vella (Presidente AIFA): «Accesso alle cure, junk food e sport i problemi principali»
Numerosi studi epidemiologici dimostrano che chi ha un tenore di vita più alto ha un diverso accesso alle cure e una differente predisposizione alla prevenzione: «A Torino 4 anni di differenza nell’aspettativa di vita tra zone più ricche e meno abbienti»
Più rischio di morte se il medico è anziano. Lo studio britannico
E’ il risultato raggiunto da una ricerca condotta da Yusuke Tsugawa della Harvard T. H. Chan School of public health e pubblicata nei giorni scorsi dal British Medical Journal. Osservando per tre anni, dal 2011 al 2014 circa 730mila pazienti ultra sessantacinquenni seguiti da 19mila medici statunitensi, i ricercatori hanno studiato il tasso di mortalità […]
Meditazione zen, veleno di vipera e danza del ventre: bellezza e salute al Festival dell’Oriente
Si è conclusa a Roma la kermesse internazionale che ha portato nella Capitale italiana il meglio dell’arte, dei rimedi naturali e delle pratiche di benessere provenienti da ogni parte del mondo
Dalla Martines a Dolcenera gli appelli per giornata salute donna su vaccini e prevenzione
Una maratona giornaliera dedicata alla salute al femminile che si aprirà con la presentazione, da parte del Ministro Beatrice Lorenzin, del calendario della salute della donna – un vero e proprio vademecum tascabile con i consigli più importanti di prevenzione. Poi gli interventi di tante donne del mondo dello spettacolo, dello sport, youtubers che hanno […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...