Salute 23 giugno 2015

«Ebola e Mers? Noi possiamo fermare l’epidemia in ItaliaIndispensabile puntare su metodi di formazione innovativi»

Intervista al professor Claudio Modini, direttore Reparto Emergenze Policlinico Umberto I di Roma

Immagine articolo

E’ dalle loro mosse che può dipendere la sicurezza di una nazione intera. Sono i reparti di Emergenza di ospedali e strutture sanitarie a costituire la “prima linea” nel soccorso e nella diagnosi delle pandemie più minacciose come Ebola e Mers.

I due casi italiani di Ebola, gestiti dall’eccellenza sanitaria dell’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive “Lazzaro Spallanzani” di Roma, hanno evidenziato la necessità, per ogni struttura sanitaria italiana, di essere pronti a tutto. Ed è dalla corretta formazione del personale che prende in carico il paziente che tutto può dipendere.

Sanità informazione ha intervistato, sul tema, il professor Claudio Modini, direttore del Reparto Emergenze del Policlinico Umberto I di Roma. «I due casi di Ebola hanno avuto il merito di accendere i riflettori sul tema delle epidemie, facendo sì che tutte le strutture sanitarie del Paese si allertassero per contrastare una eventuale esplosione del virus. Il più grande problema dell’umanità è rappresentato dalle malattie infettive: va da sé che la formazione è fondamentale, sia per gli infermieri, costantemente in prima linea e che devono garantire la continuità assistenziale, che per i medici alle prese con informazioni in continua evoluzione. Il punto è che raggiungere un livello di formazione adeguato richiede ore, ore che vengono sottratte all’assistenza, e questo si scontra con la carenza di organico di cui soffriamo – soprattutto nei reparti emergenze – a causa del blocco del turn over».

Se alla formazione tradizionale se ne affiancasse una supportata da ciò che la tecnologia e i nuovi modelli di comunicazione mettono a disposizione, in primis l’utilizzo di materiali audio-visivi, i vantaggi sarebbero molteplici, in termini di fruibilità e di efficacia. La pensa così il professor Modini: «Il presente e il futuro della professione è questo, con nuovi modelli di formazione che passano anche attraverso filmati audio-visivi di qualità e che illustrino, nel dettaglio, le procedure di sicurezza da adottare».

Articoli correlati
AIOP Giovani, Michele Nicchio è il nuovo Presidente: «Tecnologie e formazione per vincere la sfida della sanità del futuro»
Succede a Lorenzo Miraglia. Guiderà l’associazione fino al 2021. «Vogliamo cambiare la cultura sanitaria in Italia, far capire che non è un costo ma un investimento per l’economia, per le nostre imprese ma soprattutto per il benessere dei pazienti e dei cittadini italiani», ha detto ai microfoni di Sanità Informazione
Responsabilità professionale e formazione ECM: medici non aggiornati a rischio nei contenziosi (e pagano assicurazioni più salate)
La Legge Gelli sulla responsabilità medico-sanitaria ha compiuto il suo primo anno di vita e, in attesa degli ultimi decreti attuativi che ne chiuderanno definitivamente il perimetro, l’aggiornamento professionale è lo snodo centrale della normativa
Simeu, XI Congresso nazionale. Le sfide del futuro, la Presidente Ruggieri: «Fermare aggressioni e aumentare posti scuole di specializzazione»
«Nei Pronto Soccorso italiani, oltre alle emergenze sanitarie, tutto il personale è chiamato a gestire altre due grandi sfide: le aggressioni ai danni dei sanitari e il sovraffollamento. Preoccupante la riduzione dei posti nelle scuole di specializzazione». È questo lo scenario delineato da Maria Pia Ruggieri, Presidente e Responsabile Scientifico del Congresso Nazionale Simeu, all’apertura dei lavori della XI edizione
di Isabella Faggiano
Ebola è tornata. Roberto Cauda (Gemelli): «In realtà il virus non se n’è mai andato, c’è sempre stato»
«L'infezione rimane latente in alcuni animali definiti 'serbatoi' e quando l'uomo entra in contatto con qualche specie infetta ecco che torna il focolaio». L'intervista al Direttore dell'Area Malattie Infettive del Policlinico Gemelli di Roma
Maxi simulazione in esterna a Lampedusa: 130 medici italiani si formano sull’emergenza sanitaria
È in corso la II edizione del SIAARTI Academy CREM (Critical Emergency Medicine), evento formativo innovativo della Società Italiana di Anestesia, Analgesia, Rianimazione e Terapia Intensiva rivolto ai medici in formazione provenienti dalle 39 scuole di specializzazione in Anestesia, Rianimazione, Terapia Intensiva e del Dolore. Fino al 26 maggio Lampedusa sarà teatro naturale dell’evento SIAARTI […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»

L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai st...
Lavoro

Silvestro (Past President FNOPI): «Copiamo i medici e introduciamo infermieri di famiglia e infermieri specialisti»

L’ex Senatrice PD descrive la figura dell’infermiere di famiglia elencandone ruoli e benefici e auspica il riconoscimento delle specializzazioni infermieristiche
Lavoro

Comparto sanità, sottoscritto in via definitiva il contratto. Sindacati soddisfatti, ma Nursing Up non firma

Se Sergio Venturi (Presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità) si dice contento del risultato e Serena Sorrentino (Segreteria generale Fp Cgil) è già al lavoro per il CCNL 2019/2021, Antonio...