Salute 14 ottobre 2014

Ebola bussa alle porte dell’Europa: l’allarme aumenta

L’Oms esclude un’epidemia in Occidente, ma raccomanda l’implementazione delle misure di sicurezza

Immagine articolo

La notizia della morte del primo paziente affetto da Ebola negli Stati Uniti (e quella del contagio di un’infermiera che lo aveva in cura), aggiunge un altro tassello a quella che rischia di diventare una delle psicosi più giustificate del nostro secolo.

La notizia arriva in concomitanza con quella del primo caso di contagio in Europa, precisamente in Spagna: si tratta di un’infermiera, quarantaquattrenne, che aveva assistito uno dei missionari rimpatriati dalla Sierra Leone, poi deceduto. L’infermiera attribuisce il contagio ad un errore procedurale da lei commesso durante le cure somministrate al malato, ma la Spagna rischia di essere, oltre che primo focolaio europeo dell’epidemia, anche teatro di una bagarre istituzionale. Il Governo giudica infatti la situazione “sotto controllo”, ma la Commissione europea pone seri interrogativi circa l’adeguatezza del sistema sanitario iberico nel far fronte ad una tale emergenza sanitaria, e chiede conto della comprovata falla nella struttura ospedaliera dove si è verificato il contagio.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità, dal canto suo, definisce “inevitabile il verificarsi di casi sporadici di Ebola in Europa, visti i viaggi verso i Paesi colpiti”, ma al tempo stesso “estremamente basso il rischio di diffusione del virus “. L’Europa insomma non avrebbe motivo di preoccuparsi, a patto di non abbassare mai la guardia e di rispettare scrupolosamente i protocolli e le misure di prevenzione. Il ministro Lorenzin, in audizione straordinaria al Senato, tranquillizza e ufficializza l’assenza di casi in Italia (dopo tanti falsi allarmi), e sottolinea che non si corrono rischi ma che, soprattutto in Sicilia, le misure di controllo dovranno essere implementate a causa della posizione geografica dell’isola.

Per Thomas Frieden, il capo del Cdc (Centers for Disease Control), l’epidemia di Ebola in Africa è senza precedenti dai tempi dell’Aids all’inizio degli anni Ottanta. “Sarà una guerra lunga”, ha detto Frieden a proposito di Ebola nel corso di una tavola rotonda a Washington organizzata dalla Banca Mondiale. Intanto, il virus continua a stringere l’Africa occidentale nella sua morsa letale: i morti sfiorano quota 4.000 a fronte del doppio dei contagiati.

Articoli correlati
Brescia, bimba di 4 anni muore di malaria. Non era mai stata all’estero
Una bimba trentina di 4 anni è morta di malaria nel reparto di malattie infettive agli Ospedali Civili di Brescia,  dove era stata trasferita d’urgenza per un ultimo tentativo di cura. La malaria, infatti, le era già stata diagnosticata all’ospedale Santa Chiara di Trento. I medici stanno cercando di capire come possa essere avvenuto il […]
Sì viaggiare: il punto sulle vaccinazioni obbligatorie all’estero
È noto a tutti quelli che viaggiano molto, sia per lavoro che per diletto, che è sempre meglio informarsi prima di giungere a destinazione...
Radiazione del medico anti vaccini? “Udienza” all’OMCeO Milano: parla il Presidente Roberto Carlo Rossi
Convocato il medico 'no-vax' e un suo collega con posizioni simili. Il presidente dell’Ordine: «Sul caso specifico non posso esprimermi, ma quando un medico dice che i vaccini generano l’autismo fa un danno rilevante. Puntare su formazione»
Vaccini, in dirittura d’arrivo l’accordo sul Piano. Niente scuola senza coperture: gli obblighi Regione per Regione
In dirittura d’arrivo l’accordo sul Piano Vaccini per rendere obbligatorie tutte le coperture. Molte le Regioni che si sono già mosse, ecco la mappa degli obblighi da nord a sud…
Movimento 5 Stelle fuori dal coro, Davide Barillari: «No vaccini obbligatori per motivi commerciali. Valutare casi»
Parla il Consigliere regionale M5S del Lazio: «Noi vogliamo vaccinare, dando però piena informazione alle persone che possono scegliere liberamente sulla base della storia clinica del singolo bambino»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Lavoro

«Ritardi e penalizzazioni, no a Italia senza medici» parla Noemi Lopes (FIMMG Giovani), in piazza il 28 settembre

«Un ricambio generazionale sempre più ingessato, una fuga di cervelli sempre più massiccia, crollo della medicina generale: ecco il futuro del comparto medico italiano». Bando per l’accesso alle...