Salute 7 luglio 2015

EBOLA, MERS E LE ALTRE PANDEMIE. Ecco il piano interforze per la sicurezza dei cittadini

Il questore di Roma Nicolò D’Angelo ed il generale Salvatore Luongo, comandante provinciale dei carabinieri, rassicurano: «Personale formato per questo tipo di emergenze, ma mai abbassare la guardia».Intanto Ebola, Mers e le altre pandemie continuano a far paura nel mondo

Immagine articolo

Formazione ed informazione sono ormai riconosciute come le principali armi per affrontare Ebola, MERS (Middle East Respiratory Syndrome) e le altre epidemie che minacciano il mondo. E’ proprio di oggi la notizia che, secondo l’OMS, “l’epidemia di Ebola continua a costituire una Emergenza Internazionale di Salute Pubblica, e che le raccomandazioni formulate fin qui ai paesi colpiti dovrebbero essere estese”.

Ma sul piano della sicurezza come siamo messi? Possiamo contare su un piano di emergenza nel caso in Italia dovesse svilupparsi una pandemia?
Proprio questa perplessità è stata espressa da diversi cittadini, che ai microfoni di Sanità informazione, hanno riconosciuto e sottolineato i progressi della ricerca e della scienza ed i risultati raggiunti, palesando, però, una certa preoccupazione, generata principalmente da un nemico di cui si conosce ancora troppo poco. A rasserenare gli animi il coordinamento interforze da tempo già attivo e le parole del questore di Roma, il dottor Nicolò D’Angelo e del comandante provinciale dei carabinieri di Roma, il generale Salvatore Luongo. Fianco a fianco nell’appuntamento di Federfarma, incentrato proprio sulla sicurezza dei cittadini attraverso un innovativo sistema di videosorveglianza all’esterno delle farmacie, hanno fugato i dubbi espressi dai cittadini nel “vox populi” di Sanità informazione.

Parlando specificatamente di Roma, il questore è stato chiaro: «Abbiamo tutte le energie, le capacità e le professionalità adatte per far fronte a questo tipo di emergenze. Credo che il personale –  sia medico sia appartenente alle forze dell’ordine – sia adeguatamente formato». Ed al riguardo il generale Luongo fa notare che «Roma si è già trovata, in molte occasioni, a fronteggiare situazioni a rischio epidemia dovute all’afflusso di un numero elevatissimo di persone, dimostrando di riuscire a gestirle». Viene da chiedersi se ci siano però risorse sufficienti per affrontare una eventuale emergenza. « Le risorse sono quelle su cui possiamo contare oggi – aggiunge il comandante provinciale dei carabinieri –  e quelle che dobbiamo mettere nel sistema, proprio perché c’è un’opera continua di razionalizzazione ma anche di sviluppo di nuove progettualità. Queste risorse sarebbero in grado di assolvere al compito».

Parole rassicuranti che arrivano proprio mentre MERS continua a confermarsi una pericolosa minaccia e l’incubo Ebola torna a far paura anche in Liberia, che era stata dichiarata libera dal virus il 9 maggio scorso dall’ Organizzazione mondiale per la Sanità. Un ragazzo di 17 anni è morto la scorsa settimana, e un secondo caso è stato confermato nei giorni scorsi nello stesso villaggio, Nedowein, a 40 km a sud dalla capitale.  L’Italia, dopo essersi dimostrata un’eccellenza nella cura, con i risultati raggiunti dall’istituto per le malattie infettive “Lazzaro Spallanzani” (nella gestione dei due casi italiani registrati), punta ad essere anche una roccaforte della sicurezza. Questo può avvenire facendo il massimo nella formazione del personale impegnato in prima linea e con una corretta informazione. Resta fondamentale, però, non abbassare la guardia tenendo bene a mente che Ebola ha già fatto 11.200 vittime. Ben venga, in tal senso, anche l’attenzione delle forze dell’ordine, che anche su questo fronte confermano la totale disponibilità a collaborare per garantire la sicurezza dei cittadini.  «La sinergia interforze è fondamentale – chiosano il questore D’Angelo ed il generale comandante  Luongo – e da tempo ormai abbiamo aperto un tavolo di confronto e di scambio di informazioni cui lavoriamo quotidianamente per migliorare la risposta ai cittadini e aderire alle loro esigenze di sicurezza».

Articoli correlati
Brescia, bimba di 4 anni muore di malaria. Non era mai stata all’estero
Una bimba trentina di 4 anni è morta di malaria nel reparto di malattie infettive agli Ospedali Civili di Brescia,  dove era stata trasferita d’urgenza per un ultimo tentativo di cura. La malaria, infatti, le era già stata diagnosticata all’ospedale Santa Chiara di Trento. I medici stanno cercando di capire come possa essere avvenuto il […]
Sì viaggiare: il punto sulle vaccinazioni obbligatorie all’estero
È noto a tutti quelli che viaggiano molto, sia per lavoro che per diletto, che è sempre meglio informarsi prima di giungere a destinazione...
Radiazione del medico anti vaccini? “Udienza” all’OMCeO Milano: parla il Presidente Roberto Carlo Rossi
Convocato il medico 'no-vax' e un suo collega con posizioni simili. Il presidente dell’Ordine: «Sul caso specifico non posso esprimermi, ma quando un medico dice che i vaccini generano l’autismo fa un danno rilevante. Puntare su formazione»
Vaccini, in dirittura d’arrivo l’accordo sul Piano. Niente scuola senza coperture: gli obblighi Regione per Regione
In dirittura d’arrivo l’accordo sul Piano Vaccini per rendere obbligatorie tutte le coperture. Molte le Regioni che si sono già mosse, ecco la mappa degli obblighi da nord a sud…
Movimento 5 Stelle fuori dal coro, Davide Barillari: «No vaccini obbligatori per motivi commerciali. Valutare casi»
Parla il Consigliere regionale M5S del Lazio: «Noi vogliamo vaccinare, dando però piena informazione alle persone che possono scegliere liberamente sulla base della storia clinica del singolo bambino»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi: 62 milioni di euro di rimborsi. Ma arriva la prescrizione…

Lavra (OMCeO Roma): «Felice per i colleghi rimborsati, Consulcesi patriottica». Andrea Tortorella (Ad Consulcesi): «Cifra emblematica, consigliamo a tutti i camici bianchi di muoversi prima della p...
Lavoro

Medici di famiglia, Lorenzin: «Sono le nostre braccia sul territorio. Più risorse da Def e fondi regionali»

«Investiamo sul capitale umano, i nostri medici di famiglia sono l’anello forte della catena» così il Ministro Lorenzin intervistata al 74° Congresso Nazionale Fimmg. Ecco le ultime novità su D...
Lavoro

Enpam: «Pronti da subito a pagare pensioni in cumulo. Ora il problema sono i tempi»

Prime reazioni alla pubblicazione della circolare Inps che dà operatività al cumulo contributivo gratuito. «Resta il problema di quando queste pensioni saranno pagate» precisa la Fondazione