Salute 10 marzo 2015

Ebola, il paziente zero Pulvirenti al Senato: “Formazione cardine della buona sanità”

La presidente della XII Commissione, De Biasi: “Felici per Fabrizio e per il nostro Ssn che, a volte, fa veri miracoli”

Immagine articolo

L’emergenza Ebola si è sin da subito imposta all’attenzione dell’opinione pubblica e delle istituzioni, nazionali ed internazionali.

Poi, l’esperienza italiana: il contagio, la malattia e la guarigione del medico di Emergency Fabrizio Pulvirenti sono stati la cartina al tornasole di un’Italia che, nella gestione dell’emergenza, ha dimostrato vette di eccellenza esemplari. Un modello formativo da esportare che, ancora una volta, non ha lasciato indifferenti le istituzioni. Un’attenzione culminata nell’incontro, avvenuto la scorsa settimana, tra Pulvirenti e la Commissione Igiene e Sanità del Senato. “E’ stato un privilegio poter esprimere il mio punto di vista alla 12° Commissione del Senato – afferma Pulvirenti –  Ho vissuto questa malattia in prima persona, da operatore e da paziente. Credo di aver maturato un’esperienza e una visione quasi unica nei riguardi della malattia, di cui ho esposto ai colleghi alcuni aspetti procedurali e epidemiologici”.

Un confronto che trova il plauso della presidente della Commissione Emilia Grazia De Biasi: “Il nostro auspicio è riuscire sempre più a sostenere il lavoro di Emergency e degli operatori sanitari, non solo nei momenti di massima allerta. Al tempo stesso, vorremmo che la sostenibilità del nostro Servizio sanitario nazionale si estendesse a questi casi, non limitandosi a quelli di ordinaria amministrazione. Colgo l’occasione – continua De Biasi – per dire che, innanzitutto, siamo felicissimi per la guarigione del dottor Pulvirenti;  ma anche per sottolineare con orgoglio che a guarirlo sia stata una struttura pubblica italiana, l’Istituto Spallanzani. Con tutto il male che si dice della nostra sanità, riflettiamo sul fatto che a volte siamo in grado di fare miracoli.

E perché non si parli più di “miracoli” ma di buona prassi consolidata, l’informazione e la formazione rivestono un ruolo essenziale. Ne sa qualcosa il dottor Pulvirenti: “Questi elementi rappresentano il cardine di ogni buon intervento di sanità pubblica. Sono rimasto colpito, ad esempio, dalla campagna di informazione su Ebola promossa in Sierra Leone, con gigantografie che mostravano le misure di prevenzione per evitare il contagio”.

Al medico di Emergency fa eco la presidente De Biasi: “Abbiamo avuto la prova, ove mai fosse necessaria, che Ebola non arriva con i barconi dei migranti, ma è confinata in West Africa ed è lì che dobbiamo concentrare i nostri sforzi. I finanziamenti sono essenziali, certo, ma serve una marcia in più: la formazione degli operatori e rapporti con i governi locali, per sostenere una svolta che sia anche culturale, e che aiuti a superare quegli elementi di superstizione ancora radicati in quei luoghi, che mettono in pericolo il diritto alla salute di questi popoli. Un diritto che, per essere garantito, non può sottostare al relativismo etico, né conoscere distinzioni di ceto e collocazione geografica”.

Articoli correlati
OMCeO, Panti (Firenze) lascia e si sfoga: «La politica ha smesso di ascoltare i medici. Ritroviamo la nostra voce…»
«Giovani medici e futuro del SSN. Ritrovare l'unità dei medici». Intervista al Presidente uscente dell'OMCeO Firenze a margine del XXXI Congresso Nazionale CIMO. Elezioni dell'Ordine 19-21 novembre: in corsa Piero Tosi, Teresita Mazzei e Pasquale Morano
Robot in corsia: il Careggi già in pista. La tecnologia ruberà lavoro ai medici? L’intervista al Direttore dell’AOU di Firenze
Sempre più ospedali tecnologicamente virtuosi si dotano di macchinari all’avanguardia che sostituiscono l’operato dell’uomo. Saranno spazzati via milioni di posti di lavoro? La risposta di Monica Calamai, Direttore Generale dell’Ospedale Careggi di Firenze...
Congresso CIMO a Firenze, il sondaggio tra i medici: «Basta burocrazia, #Liberalaprofessione»
Tra scienza medica e medicina amministrata, una sanità in costante evoluzione tecnologica ma in crisi di valori e di risorse. Questo lo spunto per l’assise del sindacato degli ospedalieri dal 21 al 24 settembre che eleggerà al Gran Hotel Mediterraneo a Firenze anche il nuovo Presidente
Anelli (Omceo Bari): «Per ECM servono qualità, indipendenza e innovazione. Puntare su casi simulati e nuove tecnologie»
Sergio Bovenga (FNOMCeO): «Sempre più il sistema giudiziario e delle assicurazioni porranno la loro attenzione sullo stato di aggiornamento dei professionista eventualmente coinvolto in un contenzioso professionale e farsi trovare impreparati, ovvero non in regola con le norme Ecm, non aiuterà di certo". Un motivo in più per fare formazione e tenersi sempre aggiornati
80° Congresso Nazionale SIMLII, la medicina del lavoro dalla ricerca alla professione
Dibattiti, confronti, corsi di aggiornamento specifici e linee guida su tutte le tematiche inerenti la medicina del lavoro: ecco le tematiche che verranno affrontate durante l'incontro
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazi...
Salute

Fabrizio Frizzi: «Sulla salute non si scherza, ecco perché voglio medici aggiornati e voglio sapere tutto…»

Il popolare conduttore ai microfoni di Sanità Informazione parla del suo rapporto con la salute ed i camici bianchi: «Non sono ipocondriaco, ma sto attento ai segnali». Il racconto di quando donò ...
Lavoro

Cumulo contributivo, la carica dei 130mila. Oliveti: «Siamo pronti ma non è giusto che sia l’Inps a pagare i medici…»

«Il cumulo è diritto di civiltà, ma l’Enpam già prevedeva totalizzazione interna gratuita». A Sanità Informazione, il commento del Presidente della Cassa previdenziale dei medici Alberto Olive...