Formazione 30 maggio 2017

«L’Italia rispetti di più i medici e la scienza vera» parola di Michele Mirabella

«Bisogna distinguere la scienza medica dalle deduzioni arbitrarie. Un’informazione non assume attendibilità solo perché veicolata dai social», spiega il conduttore televisivo, volto storico della medicina in tv con Elisir, ai microfoni di Sanità Informazione

Falsi miti e superstizioni, una scienza presunta e priva di contenuti autentici e soprattutto verificati. Questo il male dei nostri tempi, sostiene Michele Mirabella, giornalista e volto di Elisir, trasmissione storica dedicata alla salute, intervistato a margine della presentazione del libro Le mie amiche streghedella conduttrice televisiva Silvia Bencivelli. L’argomento pseudoscienza è particolarmente attuale al giorno d’oggi, soprattutto in relazione alla polemica sui vaccini e all’indomani della morte di un bambino a Pesaro per un’otite curata solo con l’omeopatia senza l’ausilio di antibiotici. Ma a spaventare più di qualsiasi credenza o misticismo, è la consapevolezza che, ad allontanarsi dalla scienza medica, talvolta siano gli stessi camici bianchi.

«Basta pensare che l’autore di quella balla globale, circa l’autismo connesso alla vaccinazione trivalente, era un medico che si è rivelato essere un mascalzone – spiega Mirabella -. I dulcamara sono sempre esistiti con una differenza: che non avevano l’accesso alle produzioni d’informazione. È Tolstoj che scrive quanto la differenza tra le persone consista soltanto nella possibilità che hanno di approvvigionarsi di sapere. Tuttavia non sarà una maggioranza immensa a trasformare una stupidaggine in una verità scientifica: ancorché seguita e creduta da miliardi di persone rimane una sciocchezza. Il problema, oggi, è che con i social network, lo ‘sciocchezzaio’ non è solamente recettivo, è produttivo: qualsiasi persona può immettere su facebook o su altri social network informazioni non verificate. Il solo fatto che siano state messe in circolazione sul web, li rende (per chissà quale misterioso sortilegio) credibili, ed è questo l’errore: non si può pensare che per una malintesa idea della cosiddetta ‘par condicio’, si legittimi la presenza di una ‘fattucchiera’ che si oppone a uno scienziato».

In ogni caso, aggiunge il conduttore televisivo, «i medici lavorano bene e io sono convinto di questo. I medici sono una comunità che merita rispetto e nella stragrande maggioranza dei casi si tratta di professionisti coscienziosi, alcuni più competenti altri meno, ma come in tutte le professioni, bisogna portare rispetto a questa professione».

Articoli correlati
Medici e genitori anti-vax: come comportarsi di fronte agli ‘scettici’? Lo spiega il virologo Roberto Burioni
«Un medico che sconsiglia i vaccini è come un poliziotto della stradale che incoraggia il cittadino a guidare ubriaco» lo dichiara il virologo divenuto una ‘star’ del web per la sua battaglia pro-vax
Vaccini, Maio (Fimmg): «Aumenta richiesta d’informazione per pazienti e formazione per medici»
Il Segretario Nazionale Continuità Assistenziale FIMMG spiega ai nostri microfoni le nuove esigenze della popolazione e degli operatori sanitari con Legge sull’obbligo vaccinale: «In cinque città con Comunità Sant’Egidio vaccineremo gratuitamente gli “invisibili”…»
Novità sul contratto e nuovo ruolo della Medicina Generale: tutto questo al 74° Congresso Nazionale Fimmg-Metis
Rinnovo della Convenzione, meritocrazia e valorizzazione e soprattutto il ruolo della medicina generale nel sistema. Tutto questo al centro dei dibattiti protagonisti nel 74esimo Congresso nazionale Fimmg-Metis
Catania, allarme morbillo: quattro decessi da inizio anno
Ancora una morte causata dal virus del morbillo in Sicilia. Si tratta di un uomo di 42 anni di Catania, non vaccinato ed immunodepresso. La morte è avvenuta nel reparto Malattie infettive dell’Ospedale Ferrarrotto di Catania, nella settimana 18-24 settembre ed è stato notificato il 20 settembre dalla Azienda sanitaria provinciale (Asp). Sarebbero le mancate vaccinazioni […]
Obbligo vaccini: iniziano le scuole e partono le verifiche. Ecco tutte le novità per rimanere sempre aggiornati
Sono otto milioni gli studenti che tornano tra i banchi: all'avvio dell'anno scolastico scattano anche i controlli vaccini. Ecco il vademecum per genitori e figli per non incorrere in sanzioni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi: 62 milioni di euro di rimborsi. Ma arriva la prescrizione…

Lavra (OMCeO Roma): «Felice per i colleghi rimborsati, Consulcesi patriottica». Andrea Tortorella (Ad Consulcesi): «Cifra emblematica, consigliamo a tutti i camici bianchi di muoversi prima della p...
Lavoro

Medici di famiglia, Lorenzin: «Sono le nostre braccia sul territorio. Più risorse da Def e fondi regionali»

«Investiamo sul capitale umano, i nostri medici di famiglia sono l’anello forte della catena» così il Ministro Lorenzin intervistata al 74° Congresso Nazionale Fimmg. Ecco le ultime novità su D...
Lavoro

«Ritardi e penalizzazioni, no a Italia senza medici» parla Noemi Lopes (FIMMG Giovani), in piazza il 28 settembre

«Un ricambio generazionale sempre più ingessato, una fuga di cervelli sempre più massiccia, crollo della medicina generale: ecco il futuro del comparto medico italiano». Bando per l’accesso alle...