Formazione 30 maggio 2017

«L’Italia rispetti di più i medici e la scienza vera» parola di Michele Mirabella

«Bisogna distinguere la scienza medica dalle deduzioni arbitrarie. Un’informazione non assume attendibilità solo perché veicolata dai social», spiega il conduttore televisivo, volto storico della medicina in tv con Elisir, ai microfoni di Sanità Informazione

Falsi miti e superstizioni, una scienza presunta e priva di contenuti autentici e soprattutto verificati. Questo il male dei nostri tempi, sostiene Michele Mirabella, giornalista e volto di Elisir, trasmissione storica dedicata alla salute, intervistato a margine della presentazione del libro Le mie amiche streghedella conduttrice televisiva Silvia Bencivelli. L’argomento pseudoscienza è particolarmente attuale al giorno d’oggi, soprattutto in relazione alla polemica sui vaccini e all’indomani della morte di un bambino a Pesaro per un’otite curata solo con l’omeopatia senza l’ausilio di antibiotici. Ma a spaventare più di qualsiasi credenza o misticismo, è la consapevolezza che, ad allontanarsi dalla scienza medica, talvolta siano gli stessi camici bianchi.

«Basta pensare che l’autore di quella balla globale, circa l’autismo connesso alla vaccinazione trivalente, era un medico che si è rivelato essere un mascalzone – spiega Mirabella -. I dulcamara sono sempre esistiti con una differenza: che non avevano l’accesso alle produzioni d’informazione. È Tolstoj che scrive quanto la differenza tra le persone consista soltanto nella possibilità che hanno di approvvigionarsi di sapere. Tuttavia non sarà una maggioranza immensa a trasformare una stupidaggine in una verità scientifica: ancorché seguita e creduta da miliardi di persone rimane una sciocchezza. Il problema, oggi, è che con i social network, lo ‘sciocchezzaio’ non è solamente recettivo, è produttivo: qualsiasi persona può immettere su facebook o su altri social network informazioni non verificate. Il solo fatto che siano state messe in circolazione sul web, li rende (per chissà quale misterioso sortilegio) credibili, ed è questo l’errore: non si può pensare che per una malintesa idea della cosiddetta ‘par condicio’, si legittimi la presenza di una ‘fattucchiera’ che si oppone a uno scienziato».

In ogni caso, aggiunge il conduttore televisivo, «i medici lavorano bene e io sono convinto di questo. I medici sono una comunità che merita rispetto e nella stragrande maggioranza dei casi si tratta di professionisti coscienziosi, alcuni più competenti altri meno, ma come in tutte le professioni, bisogna portare rispetto a questa professione».

Articoli correlati
«Ricerca scomparsa dalla campagna elettorale», l’allarme di Nature in vista delle elezioni
L'autorevole rivista scientifica dedica un dettagliato articolo alla crisi della scienza in Italia. Dal 2008 il budget a disposizione delle università si è ridotto di circa un quinto. L’economista Mario Pianta: «Siamo sull’orlo del collasso»
Formazione, assunzioni e stop liste d’attesa, la ricetta di De Poli (Udc) per il rilancio della Sanità
Il presidente del partito guidato da Lorenzo Cesa illustra a Sanità Informazione le sue priorità in ambito sanitario. E rilancia l’allarme sulla carenza di medici: «14 milioni di italiani rischiano di rimanere senza medici. Servono maggiori finanziamenti alle Scuole di Medicina e rivedere la programmazione ministeriale dei posti nelle Scuole di specializzazione medica»
Bologna, nuovo test per scoprire l’autismo
Un team di ricercatori dell’Università di Bologna, Istituto di Scienze neurologiche (Irccs) del Bellaria, Università di Warwick e di Birmingham, ha scoperto un «bio marcatore» che potrebbe individuare la presenza dell’autismo anche nei bimbi piccoli. Lo studio ha coinvolto 38 bambini in cura presso l’Irccs e i risultati sono stati pubblicati sulla rivista «Molecular Autism». […]
‘Dottore ma è vero che?’ il portale FNOMCeO per combattere le fake news
«Un'arma di difesa per il cittadino confuso dalla cattiva informazione e un supporto per il professionista sanitario» così Alessandro Conte del gruppo di lavoro comunicazione della FNOMCeO
Vaccini in Italia dal 1900 ad oggi, lo studio dell’ISS: «Evitati 4 milioni di casi e decine di migliaia di morti»
I dati analizzati dal Dipartimento Malattie Infettive dell’Istituto Superiore di Sanità e pubblicati sulla rivista Vaccine parlano chiaro. L’autore Pezzotti: «I programmi di vaccinazione universale rappresentano lo strumento di prevenzione più efficace contro le malattie infettive ed i risultati di questo studio devono rafforzare la fiducia dei cittadini»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Salute

Contratto medici, partita la trattativa. Sciopero revocato, ma l’aumento deve superare gli 85 euro

Partita all'Aran la trattativa per il rinnovo del contratto dei medici. Il primo effetto concreto è stato la revoca dello sciopero fissato per il 23 febbraio. Ma per arrivare alla agognata firma atte...
Lavoro

Scadenze fiscali: slitta all’8 febbraio il termine per invio dati tessera sanitaria. Ecco le altre date…

Stefano Rigo, Presidente della Commissione Fisco FIMMG: «Gli MMG hanno un’organizzazione fiscale semplice ma pagano lo scotto della posizione tra liberi professionisti e ‘pseudo-dipendenti’». ...