Salute 30 maggio 2017

«L’Italia rispetti di più i medici e la scienza vera» parola di Michele Mirabella

«Bisogna distinguere la scienza medica dalle deduzioni arbitrarie. Un’informazione non assume attendibilità solo perché veicolata dai social», spiega il conduttore televisivo, volto storico della medicina in tv con Elisir, ai microfoni di Sanità Informazione

Falsi miti e superstizioni, una scienza presunta e priva di contenuti autentici e soprattutto verificati. Questo il male dei nostri tempi, sostiene Michele Mirabella, giornalista e volto di Elisir, trasmissione storica dedicata alla salute, intervistato a margine della presentazione del libro Le mie amiche streghedella conduttrice televisiva Silvia Bencivelli. L’argomento pseudoscienza è particolarmente attuale al giorno d’oggi, soprattutto in relazione alla polemica sui vaccini e all’indomani della morte di un bambino a Pesaro per un’otite curata solo con l’omeopatia senza l’ausilio di antibiotici. Ma a spaventare più di qualsiasi credenza o misticismo, è la consapevolezza che, ad allontanarsi dalla scienza medica, talvolta siano gli stessi camici bianchi.

«Basta pensare che l’autore di quella balla globale, circa l’autismo connesso alla vaccinazione trivalente, era un medico che si è rivelato essere un mascalzone – spiega Mirabella -. I dulcamara sono sempre esistiti con una differenza: che non avevano l’accesso alle produzioni d’informazione. È Tolstoj che scrive quanto la differenza tra le persone consista soltanto nella possibilità che hanno di approvvigionarsi di sapere. Tuttavia non sarà una maggioranza immensa a trasformare una stupidaggine in una verità scientifica: ancorché seguita e creduta da miliardi di persone rimane una sciocchezza. Il problema, oggi, è che con i social network, lo ‘sciocchezzaio’ non è solamente recettivo, è produttivo: qualsiasi persona può immettere su facebook o su altri social network informazioni non verificate. Il solo fatto che siano state messe in circolazione sul web, li rende (per chissà quale misterioso sortilegio) credibili, ed è questo l’errore: non si può pensare che per una malintesa idea della cosiddetta ‘par condicio’, si legittimi la presenza di una ‘fattucchiera’ che si oppone a uno scienziato».

In ogni caso, aggiunge il conduttore televisivo, «i medici lavorano bene e io sono convinto di questo. I medici sono una comunità che merita rispetto e nella stragrande maggioranza dei casi si tratta di professionisti coscienziosi, alcuni più competenti altri meno, ma come in tutte le professioni, bisogna portare rispetto a questa professione».

Articoli correlati
Corte Costituzionale: «Legittimo obbligo vaccini»
La Corte Costituzionale “ha dichiarato non fondate tutte le questioni prospettate”. Così ha risposto la Consulta in merito al ricorso della Regione Veneto sul decreto legge n. 73 del 2017, convertito nella legge n. 119 del 2017, in materia di vaccinazioni obbligatorie per i minori fino a 16 anni di età. In una nota si […]
Più di 37mila non sono in regola con l’obbligo vaccinale
Secondo quanto stabilito dalla nuova legge sui vaccini, il termine ultimo per presentare a scuola i certificati vaccinali o l’autocertificazione era il 31 ottobre scorso. Come si legge sul sito della Regione Lombardia, a due settimane dalla scadenza sono più di 37mila bambini e ragazzi – dai 6 fino ai 16 anni – che non […]
Vaccini, emendamento alla manovra. Stop autocertificazione, Asl invieranno liste non vaccinati alle scuole
Dopo mesi di dibattiti, discussioni e polemiche si è arrivati ad una semplificazione dell’iter vaccinale: come riporta Il Messaggero, dal prossimo anno saranno direttamente le Asl a inviare alle scuole i certificati sulle vaccinazioni degli studenti. Ѐstato approvato ieri, infatti, il provvedimento pensato per ridurre tempi e disagi alle famiglie con un emendamento al decreto fiscale collegato alla […]
Roberto Burioni, il paladino dei vaccini tra allarme tubercolosi e ‘somari’ all’italiana…
«La medicina non è democratica e chi si rivolge al dottor Google e alla dottoressa Wikipedia è ‘un somaro’». La  parola al virologo del San Raffaele ‘paladino’ dei vaccini e autore di un nuovo libro
di Lucia Oggianu
Udine, pallanuoto: escluso giocatore perché non vaccinato
Un giovane giocatore di pallanuoto della società sportiva di Cividale del Friuli è stato escluso dall’attività agonistica perché, dai controlli effettuati, non risultava coperto da nessun vaccino, nemmeno per l’antitetanica. Come riporta il Sole24ore, a decretare lo stop all’attività sportiva è stato il medico di medicina sportiva facendo riferimento alla Legge nazionale 292 del 1963 che “impone la specifica profilassi […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazi...
Sanità internazionale

Elogio della medicina generale, che può veramente salvarci la vita

«Mi sono iscritto a medicina perché ero attirato dalla sua aura di eroismo, dalla possibilità di intervenire per risolvere un problema pericoloso. È stata la sala operatoria, ovviamente, a cattura...
Salute

Al via la prova d’esame delle specializzazioni mediche: «Basta con il concorso ‘lotteria’ dove vince il più fortunato…»

Parte il concorso tanto atteso dai medici neolaureati. Ecco le nuove regole stabilite dal Miur: prova unica nazionale così come la graduatoria finale. Fedeli: «Introdotte novità qualificanti». Ma ...