Salute 5 maggio 2015

Dossier Ebola

Ora il virus cambia forma: vietato abbassare la guardia

Immagine articolo

Il virus Ebola sta mutando. Per questo diventa sempre più difficile da riconoscere e, dunque, da affrontare con tempestività. Lo rivela Nicola Petrosillo, direttore dell’Unità Operativa Complessa infezioni sistemiche dell’Istituto Nazionale per le malattie infettive “Lazzaro Spallanzani” di Roma.

“La portata del virus – spiega Petrosillo, che ha fatto parte del team dello Spallanzani che ha curato Fabrizio Pulvirenti, il medico di Emergency guarito dal virus contratto in Sierra Leone alcuni mesi fa – si sta riducendo nell’Africa Occidentale e si spera che finisca, ma ci sono ancora alcuni focolai. La cosa emersa da diversi studi è che, con l’evolversi dell’epidemia, è cambiata la presentazione clinica del virus: non è mutato sostanzialmente ma nel 15% dei casi si presenta senza febbre”.

Siamo dunque ancora lontani – ad oltre un anno di distanza dallo scoppio dell’epidemia – da una soluzione definitiva del problema. “Non ci sono cure efficaci – continua Petrosillo – e siamo in attesa del vaccino. Si è parlato di terapie sperimentali con anticorpi monoclonali, del siero di convalescente, di antivirali. Ci sono varie sperimentazioni, ma tutto dipende dall’evolversi dell’epidemia”. Le previsioni più ottimistiche indicano il 2016 come l’anno in cui finalmente la ricerca scientifica porterà a qualche risultato tangibile. Fino ad allora solo preparazione e formazione continua possono assicurare agli operatori sanitari alti livelli di prevenzione, diagnosi e trattamento.

Il virus non è dunque stato debellato e – si è visto negli ultimi anni – i focolai si riaccendono ciclicamente tornando a mietere tantissime vittime. È successo in passato e, purtroppo, succederà in futuro. L’attenzione del mondo è ancora alta. Lo dimostra il primo premio dato al fotoreporter Pete Muller come World Press Photo dell’anno – e in questi giorni in mostra al Museo di Roma in Trastevere – per il reportage su Ebola in Sierra Leone.

D’altra parte, l’esperienza maturata con Ebola può essere usata come modello da seguire per future epidemie simili. È per questi motivi che tutto si può fare in questo momento meno che abbassare la guardia. Specialmente ora che, a quanto pare, il virus sta cambiando faccia rendendo, sottolinea ancora il medico dello Spallanzani, più “complesso il riconoscimento da parte dello specialista”. Si tratta di un “aspetto fondamentale, perché se non si riconosce il virus, diventa più difficile fare un’adeguata terapia o isolare il paziente ed evitare che si diffonda il microrganismo”.

Articoli correlati
Brescia, bimba di 4 anni muore di malaria. Non era mai stata all’estero
Una bimba trentina di 4 anni è morta di malaria nel reparto di malattie infettive agli Ospedali Civili di Brescia,  dove era stata trasferita d’urgenza per un ultimo tentativo di cura. La malaria, infatti, le era già stata diagnosticata all’ospedale Santa Chiara di Trento. I medici stanno cercando di capire come possa essere avvenuto il […]
Sì viaggiare: il punto sulle vaccinazioni obbligatorie all’estero
È noto a tutti quelli che viaggiano molto, sia per lavoro che per diletto, che è sempre meglio informarsi prima di giungere a destinazione...
Radiazione del medico anti vaccini? “Udienza” all’OMCeO Milano: parla il Presidente Roberto Carlo Rossi
Convocato il medico 'no-vax' e un suo collega con posizioni simili. Il presidente dell’Ordine: «Sul caso specifico non posso esprimermi, ma quando un medico dice che i vaccini generano l’autismo fa un danno rilevante. Puntare su formazione»
Vaccini, in dirittura d’arrivo l’accordo sul Piano. Niente scuola senza coperture: gli obblighi Regione per Regione
In dirittura d’arrivo l’accordo sul Piano Vaccini per rendere obbligatorie tutte le coperture. Molte le Regioni che si sono già mosse, ecco la mappa degli obblighi da nord a sud…
Movimento 5 Stelle fuori dal coro, Davide Barillari: «No vaccini obbligatori per motivi commerciali. Valutare casi»
Parla il Consigliere regionale M5S del Lazio: «Noi vogliamo vaccinare, dando però piena informazione alle persone che possono scegliere liberamente sulla base della storia clinica del singolo bambino»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazi...
Sanità internazionale

Elogio della medicina generale, che può veramente salvarci la vita

«Mi sono iscritto a medicina perché ero attirato dalla sua aura di eroismo, dalla possibilità di intervenire per risolvere un problema pericoloso. È stata la sala operatoria, ovviamente, a cattura...
Salute

Al via la prova d’esame delle specializzazioni mediche: «Basta con il concorso ‘lotteria’ dove vince il più fortunato…»

Parte il concorso tanto atteso dai medici neolaureati. Ecco le nuove regole stabilite dal Miur: prova unica nazionale così come la graduatoria finale. Fedeli: «Introdotte novità qualificanti». Ma ...