Salute 14 maggio 2018

Contratto medici, Papotto (Cisl): «Da Aran solo tanti no. Vogliamo compartecipare alla gestione della nostra vita»

In stallo la trattativa. Tra i nodi l’indennità di esclusività e le relazioni sindacali. Il Segretario della Cisl Medici: «Vogliamo incontro con le Regioni che sono sorde alle nostre richieste»

Immagine articolo

Non si sblocca la trattativa per il rinnovo del contratto della dirigenza medica. Partita a febbraio sotto i migliori auspici, il confronto tra Aran e sindacati non ha portato a risultati significativi. Il primo scoglio è di tipo economico ed è rappresentato dall’inserimento dell’indennità di esclusività nella massa salariale: la proposta non è stata accolta ed ha provocato l’abbandono dei leader sindacali dal tavolo politico. Il nuovo scoglio è ora rappresentato dal capitolo “Relazioni sindacali al livello periferico”: le distanze sui nodi fondamentali (certezza attuativa, strumenti e ambiti di partecipazione sindacale, maggioranza sindacale minima necessaria per firmare gli accordi, ruolo delle regioni) non sono state superate. Un aspetto che sta a cuore anche a Biagio Papotto, Segretario generale della Cisl Medici: «Vogliamo che l’Aran e le Regioni prendano coscienza che la dirigenza medica e sanitaria non è un ruolo amministrativo, noi siamo medici – spiega Papotto a Sanità Informazione -. E quindi vogliamo entrare nella compartecipazione della gestione della nostra vita, in particolare in periferia».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, SINDACATI ABBANDONANO TAVOLO POLITICO. FILIPPI: (FP CGIL): «NON SIAMO ULTIMA RUOTA DEL CARRO. DIRIGENTI MEF ESCANO DA TORRE D’AVORIO»

Segretario, a che punto è la trattativa con l’Aran?

«L’Aran non vuole minimamente contrattare, non vuole minimamente aprire un dialogo con i sindacati. A qualsiasi nostra proposta risponde picche, picche, picche. Prenderemo le nostre decisioni nell’Intersindacale».

Sul tavolo c’è anche la possibilità di un nuovo sciopero?

«E contro chi lo facciamo? Non abbiamo un governo, non abbiamo niente. Stiamo chiedendo un incontro con le Regioni perché in questo momento sono sorde alle richieste minime dei sindacati della dirigenza medica».

Ma il nodo è sempre la questione dell’indennità di esclusività?

«In realtà siamo ancora alle relazioni sindacali, ai minimi concetti di sopravvivenza, non ci vogliono dare neanche la sopravvivenza».

Cos’è che non vogliono darvi?

«I concetti generali come contrattazione, informazione, concertazione. Secondo loro basta solo l’informazione senza poter contrattare nessuna norma a livello periferico, sull’orario di lavoro, sull’organizzazione, su tutto. Restiamo al tavolo, la prossima settimana saremo riconvocati sulla progressione delle carriere, ma in futuro decideremo il da farsi perché così non può andare».

La Cisl ha delle richieste particolari da rivolgere all’Aran?

«Noi vogliamo che l’Aran e le regioni prendano coscienza che la dirigenza medica e sanitaria non è un ruolo amministrativo, noi siamo medici. E quindi vogliamo entrare nella compartecipazione della gestione della nostra vita, in particolare in periferia. Soldi non ce ne sono, l’esclusività non sappiamo come finisce: è chiaro che almeno un minimo di voce in capitolo sulla vita all’interno dei nostri ospedali vorremmo averla».

Che iniziative pensate di prendere nell’intersindacale?

«Stiamo chiedendo un incontro alle regioni per capire cosa vogliono fare. E poi decideremo insieme nell’intersindacale».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

 

Articoli correlati
Medici, Anaao pronta a 72 ore di sciopero: «Inarrestabile peggioramento condizioni di lavoro, contratto scomparso da agenda politica»
Duro documento della Direzione nazionale del sindacato: pronto stato di agitazione e manifestazione nazionale: «Il blocco priva medici e dirigenti sanitari dipendenti di un fondamentale strumento di cambiamento delle condizioni di lavoro, che restituisca dignità e sicurezza ai professionisti»
Carenza medici, le proposte dei sindacati: tutti d’accordo su aumento borse ma distanze su apertura concorsi a specializzandi
L'Anaao Assomed propone teaching hospital e richiede nuova programmazione del fabbisogno. Fp Cgil medici, Cisl medici e Uil Fpl medici: «Necessario drastico cambio di rotta». CIMO: «Rivedere il sistema attraverso una programmazione seria del fabbisogno del personale e dei meccanismi di accesso alla professione medica»
Carenza medici, Mazzacane (Cisl): «Urgono scelte strategiche a lungo termine»
Danilo Mazzacane, segretario generale Cisl Medici Lombardia, interviene sulla complessa problematica relativa alla carenza dei medici negli ospedali pubblici: «Oltre all’abbandono degli ospedali pubblici da parte dei medici che vanno in pensione – scrive in una nota -, vi è  anche il crescente riscontro dell’esodo in età prepensionabile verso strutture sanitarie non pubbliche.  I pediatri ospedalieri […]
Sanità, Cimo propone nuova governance: agenzia unica di contrattazione e passaggio del personale sanitario sotto il Ministero della Salute
Nel pacchetto anche il riconoscimento della specificità e dell’alta professionalizzazione dell’area medica rispetto agli altri settori della pubblica amministrazione, configurando un contratto collettivo diverso da quelli del personale dei ministeri, degli enti locali o altri comparti della PA. Quici: «Vogliamo rilanciare il dibattito sul tema della rappresentanza»
RIA, indennità di esclusività, aumenti: intersindacale chiede incontro a Garavaglia per sbloccare rinnovo contratto
Tra le richieste che i sindacati avanzeranno al viceministro dell’Economia quello dell’aumento del 3,48% che per il 2018 non sarebbe garantito dal finanziamento del CCNL
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...