Politica 4 marzo 2014

Conferma e nuovi obiettivi, Lorenzin: “Subito la riforma della Sanità”

Il ministro, incassata la fiducia di Renzi, presenta il suo piano ponendo tra le priorità il Patto per la Salute teso a  scongiurare nuovi tagli

Immagine articolo

Il nuovo premier Matteo Renzi ha presentato la sua squadra di governo: molte facce nuove, alcune conferme. Tra queste c’è anche Beatrice Lorenzin, che resta salda al comando del Ministero della Salute. La nomina è stata accolta dalla stessa Lorenzin come l’occasione per mettere finalmente a frutto una serie di riforme in materie sanitaria, le cui basi erano già state gettate nella precedente legislatura.

E si torna quindi a parlare di uno dei temi più caldi per la sanità italiana nel 2014: la stesura del Patto per la Salute, già approvato per un terzo degli articoli e pronto a ripartire dopo il necessario, seppur breve, stand by istituzionale.

Molte le questioni ancora aperte che dovranno trovare soluzioni condivise con le Regioni: dai Lea all’edilizia sanitaria, passando per il debito informativo e il documento sulla farmaceutica.  Legata al Patto per la Salute anche l’applicazione della legge Balduzzi sulla riorganizzazione della sanità territoriale, una riforma “bloccata dalle Regioni, non dal Ministero. Ma ora riusciremo ad attuarla – sostiene il ministro –  perché sul Patto per la Salute abbiamo riaperto un dialogo scongiurando nuovi tagli (che la sanità aveva già subito per 25 miliardi)”. Sul tema pesa anche la questione dei decreti attuativi, che ammontano a ben 740 ancora da approvare. Un problema che secondo la Lorenzin rientra nelle “impotenze dei ministri. L’importante è circondarsi non solo di Capi di Gabinetto adatti, ma soprattutto di direttori generali competenti”.
Lo slogan renziano “Non ci sono più alibi” è diventato un diktat anche per la Lorenzin, non solo in qualità di capo del dicastero ma anche in quanto esponente della sua area politica: “Come partito abbiamo presentato a Renzi un programma di proposte correlato delle annesse coperture finanziarie. Molto però dipenderà dal nuovo Ministro dell’Economia, con cui ho avuto un primo confronto sull’attività che riguarda il Ministero di mia competenza”. Ed è una Lorenzin battagliera anche quando si toccano temi trasversali, come quello della “doverosa riforma del titolo V della Costituzione, che coinvolge anche l’ambito sanitario”. Secondo il ministro, infatti, uno degli ostacoli principali risiede proprio nell’architettura istituzionale del nostro Paese: “Si possono fare le riforme migliori, ma rimangono lettera morta se poi non vengono attuate”. E aggiunge: “Di sicuro, se c’è una riforma che entro giugno il governo Renzi porterà a casa, sarà quella della Sanità”. E il riferimento al Patto per la Salute appare fin troppo chiaro.
Articoli correlati
Medicina Generale, firmato il Decreto che consente lo scorrimento della graduatoria per sei mesi
Il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha consegnato il Decreto ai nuovi vertici della Federazione Nazionale Ordini dei Medici
L’appello di Ricciardi (Iss) e altri 40 medici: «Serve alleanza tra politica e scienza»
Il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità condivide su Facebook un messaggio in cui chiede più collaborazione tra mondo scientifico e mondo politico e approva «il dialogo più stretto tra istituzioni e mondo della ricerca» portato avanti dal ministro Lorenzin.
Lorenzin: «Vaccini e salute della donna le mie vittorie più belle»
Con Sanità Informazione un ampio bilancio del mandato del Ministro della Salute più “duraturo” della storia repubblicana: dalle battaglie contro il pensiero anti-scientifico alla sostenibilità del Ssn, dalla Legge sulle professioni sanitarie al mancato rinnovo del contratto dei medici. Le cose fatte, quelle ancora da fare e alcune anticipazioni: «Scuole di Medicina e borse di studio per le specializzazioni, stiamo studiando un metodo nuovo per cambiare completamente approccio…»
Elezioni, Lorenzin porta un po’ di sanità nella sua Civica Popolare
La sanità, e la tangibile esperienza di governo della Lorenzin, ricorrono spesso nel discorso introduttivo della nuova forza politica. E in platea, accanto ai leader dei partiti, si intravedono alcuni dei personaggi legati al mondo medico
Sacchetti bio, il Ministero della Salute apre a chi vuole portarli da casa: «Ma solo se monouso»
«No al riutilizzo dei sacchetti bio quando si acquista frutta e verdura al supermercato, ma sì all'impiego di buste monouso nuove che il cittadino può portare da casa, risparmiando». Questa la posizione ufficiale del ministero della Salute, che interviene nel dibattito sui sacchetti a pagamento dal 1 gennaio 2018
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Salute

Contratto medici, partita la trattativa. Sciopero revocato, ma l’aumento deve superare gli 85 euro

Partita all'Aran la trattativa per il rinnovo del contratto dei medici. Il primo effetto concreto è stato la revoca dello sciopero fissato per il 23 febbraio. Ma per arrivare alla agognata firma atte...
Lavoro

Scadenze fiscali: slitta all’8 febbraio il termine per invio dati tessera sanitaria. Ecco le altre date…

Stefano Rigo, Presidente della Commissione Fisco FIMMG: «Gli MMG hanno un’organizzazione fiscale semplice ma pagano lo scotto della posizione tra liberi professionisti e ‘pseudo-dipendenti’». ...