Salute 4 marzo 2014

Conferma e nuovi obiettivi, Lorenzin: “Subito la riforma della Sanità”

Il ministro, incassata la fiducia di Renzi, presenta il suo piano ponendo tra le priorità il Patto per la Salute teso a  scongiurare nuovi tagli

Immagine articolo

Il nuovo premier Matteo Renzi ha presentato la sua squadra di governo: molte facce nuove, alcune conferme. Tra queste c’è anche Beatrice Lorenzin, che resta salda al comando del Ministero della Salute. La nomina è stata accolta dalla stessa Lorenzin come l’occasione per mettere finalmente a frutto una serie di riforme in materie sanitaria, le cui basi erano già state gettate nella precedente legislatura.

E si torna quindi a parlare di uno dei temi più caldi per la sanità italiana nel 2014: la stesura del Patto per la Salute, già approvato per un terzo degli articoli e pronto a ripartire dopo il necessario, seppur breve, stand by istituzionale.

Molte le questioni ancora aperte che dovranno trovare soluzioni condivise con le Regioni: dai Lea all’edilizia sanitaria, passando per il debito informativo e il documento sulla farmaceutica.  Legata al Patto per la Salute anche l’applicazione della legge Balduzzi sulla riorganizzazione della sanità territoriale, una riforma “bloccata dalle Regioni, non dal Ministero. Ma ora riusciremo ad attuarla – sostiene il ministro –  perché sul Patto per la Salute abbiamo riaperto un dialogo scongiurando nuovi tagli (che la sanità aveva già subito per 25 miliardi)”. Sul tema pesa anche la questione dei decreti attuativi, che ammontano a ben 740 ancora da approvare. Un problema che secondo la Lorenzin rientra nelle “impotenze dei ministri. L’importante è circondarsi non solo di Capi di Gabinetto adatti, ma soprattutto di direttori generali competenti”.
Lo slogan renziano “Non ci sono più alibi” è diventato un diktat anche per la Lorenzin, non solo in qualità di capo del dicastero ma anche in quanto esponente della sua area politica: “Come partito abbiamo presentato a Renzi un programma di proposte correlato delle annesse coperture finanziarie. Molto però dipenderà dal nuovo Ministro dell’Economia, con cui ho avuto un primo confronto sull’attività che riguarda il Ministero di mia competenza”. Ed è una Lorenzin battagliera anche quando si toccano temi trasversali, come quello della “doverosa riforma del titolo V della Costituzione, che coinvolge anche l’ambito sanitario”. Secondo il ministro, infatti, uno degli ostacoli principali risiede proprio nell’architettura istituzionale del nostro Paese: “Si possono fare le riforme migliori, ma rimangono lettera morta se poi non vengono attuate”. E aggiunge: “Di sicuro, se c’è una riforma che entro giugno il governo Renzi porterà a casa, sarà quella della Sanità”. E il riferimento al Patto per la Salute appare fin troppo chiaro.
Articoli correlati
Sifo Care: “Il farmacista del futuro nel sistema salute”
Al via oggi il 38esimo Congresso della Società Italiana di Farmacia Ospedaliera (Sifo) che si svolgerà a Roma presso l’Hotel Rome Cavalieri tra il 23 ed il 26 novembre. Focus dell’evento il ruolo del farmacista nel “futuro del Sistema Salute” in un momento di grandi cambiamenti ed innovazione nell’ambito delle cure, dei farmaci e dell’assistenza […]
Diabete, Contarina (Federfarma): «Più di 1 mln e mezzo di persone non sanno di averlo. Ora possono scoprirlo in Farmacia…»
Screening gratuiti in tutte le farmacie d’Italia dal 14 al 20 novembre. Iniziativa promossa da Federfarma con uno spot. Gli attori? Lorenzin, Pino Insegno e il vicepresidente…
Emergenza fra i banchi? Con il progetto targato Miur e Ministero Salute insegnanti e studenti diventano soccorritori
Lorenzin: «Insegnare tecniche primo soccorso nelle scuole fa la differenza per ridurre drasticamente eventi drammatici». Fedeli: «Nozioni di primo soccorso fondamentali per cittadine e cittadini attivi e consapevoli»
One Health – One Medicine: il 3 novembre Convegno a Roma organizzato dal Ministero della Salute
Attualità, potenzialità e potenziamento dei dipartimenti di prevenzione e delle politiche per la protezione della salute: questi gli argomenti del convegno nazionale One Health- One Medicine che si svolgerà domani 3 novembre presso l’Auditorium Biagio D’Alba del Dicastero, a Roma Eur. La manifestazione nasce perché il 3 novembre si celebra in tutto il mondo il […]
Ddl Lorenzin: la sanità si divide. Fnomceo: «Occasione mancata». Il sì dell’AIFA: «Ora Italia allineata ad altri Paesi»
Pareri contrastanti sull’approvazione a Montecitorio della riforma delle professioni sanitarie voluta dal Ministro della Salute. Si attende la voce di Palazzo Madama che si pronuncerà entro dicembre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazi...
Sanità internazionale

Elogio della medicina generale, che può veramente salvarci la vita

«Mi sono iscritto a medicina perché ero attirato dalla sua aura di eroismo, dalla possibilità di intervenire per risolvere un problema pericoloso. È stata la sala operatoria, ovviamente, a cattura...
Salute

Al via la prova d’esame delle specializzazioni mediche: «Basta con il concorso ‘lotteria’ dove vince il più fortunato…»

Parte il concorso tanto atteso dai medici neolaureati. Ecco le nuove regole stabilite dal Miur: prova unica nazionale così come la graduatoria finale. Fedeli: «Introdotte novità qualificanti». Ma ...