Salute 4 marzo 2014

Con la “cura” a base di Telemedicina, lo Stato risparmia 14 miliardi all’anno

Raggiunto l’accordo nella Conferenza Stato-Regioni per rendere più efficiente e meno costoso il Ssn

Immagine articolo

Una sanità sempre più digitalizzata per rendere ancora più efficienti i servizi forniti ai cittadini e risparmiare una cifra che si aggira intorno ai quattordici miliardi di euro ogni anno. È l’obiettivo che si pone il documento “Telemedicina – Linee di indirizzo nazionali”, il testo che raccoglie l’intesa raggiunta nella Conferenza Stato-Regioni.

Un accordo che serve a stabilire come muoversi nella selva di idee e progetti messi a punto nel nostro Paese negli ultimi tempi, ma ancora troppo disarmonici e poco ordinati.

D’altra parte, non solo in Italia, ma in tutto il mondo la telemedicina si sta sviluppando in maniera forte e rapida, con un “impatto sulla società e sulla salute – si può leggere nel documento – riconosciuti a livello internazionale” che va gestito al meglio. È per questo che la Commissione Europea, nel 2008, ha “individuato specifiche azioni da intraprendere a livello di ciascuno Stato membro”, in modo da spingere i vari Paesi a valutare “le proprie esigenze e priorità” affinché “divengano parte integrante delle strategie nazionali in materia di sanità”.
L’intervento della conferenza si inserisce proprio in questo quadro e, per sfruttare le opportunità offerte dalla telemedicina (equità di accesso all’assistenza sanitaria, continuità delle cure, migliore efficacia e maggior contenimento della spesa), sono state dettate linee valide per tutto il territorio nazionale con il fine di migliorare i servizi di prevenzione secondaria, diagnosi, cura, riabilitazione e monitoraggio.
Da non sottovalutare poi il contributo che un settore come la telemedicina può dare all’economia: uno studio della BCC Research del marzo 2012 afferma che il valore globale del mercato della telemedicina dovrebbe crescere dai 9,8 miliardi di dollari registrati nel 2010 ai 27,3 miliardi previsti per il 2016. Questo dato si inserisce in un quadro più ampio relativo all’intero mercato dell’e-health che ha “un valore potenziale di 60 miliardi di euro, di cui l’Europa rappresenta circa un terzo”.
Articoli correlati
Dal robot-paziente alle protesi in 3D, le tecnologie del futuro a Exposanità
Al Salone internazionale della sanità il simulatore SimMan 3G: può diventare cianotico, simulare spasmi e convulsioni, lamentarsi e urlare di dolore. Alex Zanardi ha presentato l’handy bike progettata da lui
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
La SIN (Società Italiana di Neurologia) partecipa alla Giornata Nazionale della Salute della Donna
Anche quest’anno la Società Italiana di Neurologia (SIN) partecipa alla Giornata Nazionale della Salute della Donna organizzata dal Ministero della Salute, per sensibilizzare e promuovere i progressi della ricerca scientifica per la cura delle patologie neurologiche femminili e allestirà sabato 21 aprile un gazebo informativo presso il Villaggio della Salute della Donna. Le malattie neurologiche, […]
Contratto medici, Coletto (Agenas): «Serve sforzo per rinnovo. Sistema sanitario italiano è quello che costa meno in Europa»
Il presidente dell’Agenzia per i Servizi sanitari Regionali chiarisce: «Gli accantonamenti da parte delle Regioni sono stati fatti, si tratta solo di definire le modalità». Poi sottolinea: «Preparazione dei medici italiani è tra le migliori»
Exposanità Bologna, Giusy Versace: «L’accesso alle tecnologie non deve essere un lusso per pochi»
La neo eletta parlamentare Giusy Versace oggi ad Exposanità, manifestazione in corso a Bolognafiere fino a sabato 21 aprile. La campionessa paralimpica ha visitato il salone Horus dedicato a riabilitazione, ortopedia e disabilità e si è a lungo fermata a parlare con operatori, espositori e visitatori della manifestazione in corso. «A Exposanità ci sono tante cose interessanti […]
Cittadinanzattiva e FNOMCeO insieme per celebrare la XII Giornata Europea dei diritti del malato
Partono dall’Italia le celebrazioni della XII Giornata Europea dei diritti del malato, promossa da Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato in Italia e in Europa da Active Citizenship network, progetto europeo di Cittadinanzattiva, quest’anno grazie anche alla importante partnership con la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri. Le iniziative si svolgeranno […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Nuovi LEA, assistenza psicologica diventa diritto. Lazzari (CNOP): «Svolta per professione e cittadini»

«Grazie ai nuovi Livelli Essenziali di Assistenza, il supporto psicologico sarà garantito». Con Davide Lazzari, coordinatore della Task Force sui LEA, istituita dall’Ordine degli Psicologi, riper...
di Isabella Faggiano
Salute

Carenza medici, Anaao: «35mila specialisti via nei prossimi cinque anni». Biasci (FIMP): «Pediatri a rischio, servono risorse e strutture»

Studio rivela: dai cardiologi ai ginecologi, dieci specializzazioni a rischio estinzione. Palermo: «Aumentare le borse di studio o far accedere i giovani medici al Ssn dopo la laurea». Il Presidente...
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Lavoro

Medici in pensione, liquidato il primo cumulo e gli aumenti per inflazione. Ecco quanto crescono gli assegni

L’Enpam comunica che appena le autorità vigilanti daranno il via libera arriveranno gli adeguamenti scattati dal primo gennaio con tutti gli arretrati. Intanto arriva la liquidazione della prima pe...