Salute 7 dicembre 2017

Chirurghi, formazione in ritardo e troppo a “macchia di leopardo”. Allarme di SIC e ACOI: lanciato il progetto Op2IMISE

Le due principali società scientifiche chirurgiche italiane lanciano il progetto Op2IMISE per sviluppare una metodologia di formazione standardizzata a livello nazionale per ottimizzare la qualità e l’efficienza della chirurgia

La chirurgia mininvasiva ha ormai dimostrato di avere il miglior rapporto costo-efficacia e di poter garantire ai pazienti maggiori vantaggi: minore trauma degli accessi chirurgici, tempi di recupero e di ospedalizzazione più brevi, dolore post-operatorio inferiore alle tecniche tradizionali, minore incidenza di complicanze associate a minori rischi intraoperatori grazie allo sviluppo delle tecniche di imaging. Tuttavia, in Italia l’uso della laparoscopia è tra i più bassi in Europa. Tra i fattori che hanno portato a questo basso utilizzo figurano gli scarsi investimenti economici e l’insufficiente dotazione tecnologica nelle strutture sanitarie, ma anche la mancata formazione dei giovani chirurghi. Ed è proprio questo il motivo che ha spinto le due maggiori società scientifiche chirurgiche italiane, ACOI (Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani) e SIC (Società Italiana di Chirurgia), a promuovere il progetto Op2IMISE (Open To Innovative Surgery Experience): nato in collaborazione con il Centro di ricerca e Studio della Sanità Pubblica (CESP) dell’Università degli Studi di Milano Bicocca e con il contributo incondizionato di Medtronic, il progetto intende sviluppare e applicare una metodologia standardizzata a livello nazionale di formazione per ottimizzare la qualità ed efficienza della chirurgia. Marco Montorsi, Presidente SIC, ha presentato il progetto in occasione de “Gli stati generali della chirurgia italiana”.

Professore, è stata posta l’attenzione su un tema fondamentale, quello della formazione in chirurgia, necessaria per fare progressi a beneficio non solo del paziente, ma anche del sistema sanitario.

«Certamente, l’ambizione di questo progetto è proprio quello di migliorare la penetrazione della chirurgia laparoscopica, utilizzata a macchia di leopardo nel nostro Paese, colmando quindi un gap ancora presente. In Italia ci sono dei centri eccellenti così come dei centri che soffrono, in cui c’è bisogno di formazione. Questo progetto intende essere il punto di partenza per far crescere una generazione di nuovi chirurghi che possano, nel giro di poco tempo, apprendere e far crescere la penetrazione di questa tecnica in Italia».

Un progetto che mira a estendere l’eccellenza e soprattutto a standardizzarla, per far sì che in tutta Italia questo modello di formazione sia distribuito in modo il più possibile uniforme.

«Esatto, i punti di forza sono proprio questi: due grandi società scientifiche, le maggiori del Paese, che si mettono insieme alle istituzioni e alle compagnie di device; un’accurata selezione dei partecipanti in modo tale da scegliere le persone con la maggior motivazione e con la maggior possibilità di successo; un percorso che continuerà negli anni successivi per monitorare che le tecniche insegnate poi vengano realmente apprese e realmente messe in opera nei diversi ospedali di lavoro».


Articoli correlati
Rilancio SSN e condivisione informazioni, siglato patto tra 15 società scientifiche
Coordinatori dell’intesa i presidenti di Acoi, Pierluigi Marini, e di Aogoi, Giuseppe Ettore. Chiesto incontro al Ministro Grillo
Chirurgia mininvasiva a macchia di leopardo in Italia: solo 50 unità operative complesse su 850 sarebbero accreditabili
Le due principali società scientifiche chirurgiche italiane, ACOI e SIC, lanciano il progetto Op2IMISE per sviluppare e applicare una metodologia standardizzata a livello nazionale di formazione dei chirurghi
Chirurgia, l’assurda crisi italiana. Marini (ACOI): «Siamo i più bravi, ma dovremo assumere stranieri. Benvenuta Legge Gelli»
«Formazione, calo delle vocazioni e chirurgia omissiva i nodi da sciogliere. Importante la Legge Gelli, ma aspettiamo decreti e tabelle assicurative». Parla il Presidente dell’Associazione dei Chirurghi Ospedalieri Italiani
Il futuro della chirurgia? Per Acoi viene prima il presente dei giovani
Al congresso di Roma il Presidente Diego Piazza si concentra su due sfide: sistema universalistico e migliori opportunità per i giovani colleghi: «Già tante iniziative in campo, ma stiamo lavorando anche a nuovi accordi»
Sanità internazionale
Medico: un mestiere da donne?
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Osteopatia e chiropratica sono professioni sanitarie? De Sena (Simmfir): «La legge c’è, mancano i decreti attuativi»

Avrebbero dovuto attenere il riconoscimento, al pari degli ostetrici, dei tecnici di radiologia o degli infermieri, già prima di questa estate. Almeno stando alla legge 11 gennaio 2018 n. 3. Ma manca...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Dal corso MMG a Montecitorio, la storia di Rosa Menga (M5S): «Noi medici di famiglia portavoce dei pazienti in Parlamento»

È uno dei più giovani parlamentari della XVIII Legislatura e frequenta il corso di formazione in medicina generale: «Serve una visione meno ospedalocentrica dell’assistenza sanitaria. Telemedina ...
Diritto

Consenso informato, l’avvocato Pittella: «Per medico meno responsabilità civile o penale»

«I giudici in caso di contenzioso chiedono al paziente se è stato correttamente informato. Ma come si fa a saperlo? Un video, un audio, un consenso scritto in presenza dei testimoni? Questo è quell...