Salute 14 aprile 2016

Chiriacò: «L’Italia è leader sull’omeopatia ma bisogna formare meglio medici e cittadini»

È aprile il mese dell’omeopatia. In tutto il mondo, e in Italia in particolare, la medicina e i farmaci omeopatici sono sempre più al centro dell’attenzione e da statistiche recenti il nostro risulta il terzo mercato europeo. Ma, in realtà, quella classifica, l’Italia, potrebbe anche comandarla. Questo secondo uno dei massimi esperti italiani intervistato da […]

Immagine articolo

È aprile il mese dell’omeopatia. In tutto il mondo, e in Italia in particolare, la medicina e i farmaci omeopatici sono sempre più al centro dell’attenzione e da statistiche recenti il nostro risulta il terzo mercato europeo. Ma, in realtà, quella classifica, l’Italia, potrebbe anche comandarla.

Questo secondo uno dei massimi esperti italiani intervistato da Sanità informazione, il professor Dario Chiriacò, docente di Omeopatia e Medicine Naturali e Presidente dell’Ordine dei Medici di Rieti.

«Secondo me siamo qualcosa di meglio, per un motivo molto semplice: il primo e il secondo mercato sono la Francia e la Germania, paesi nei quali l’omeopatia ha una veste ufficiale decisamente superiore, e nei quali c’è un parziale rimborso da parte del sistema sanitario delle spese e delle visite omeopatiche. In Italia questo non avviene, per cui tutta l’omeopatia è a carico del portafoglio del cittadino, per cui forse come utilizzo siamo i secondi o i primi. Questo ci conferma un’altra cosa, che anche in un momento di difficoltà economica, di crisi, il cittadino italiano sta crescendo a livello di consapevolezza, e questo è importante nonostante ci siano delle carenze normative nel nostro Paese che stenta ad adeguarsi anche alle sollecitazioni della Ue».

L’omeopatia però, a volte, viene chiamata in causa dalla cronaca e si finisce per parlarne a sproposito. In questo senso proprio il corso ECM da lei tenuto per Sanità in Formazione, uno dei più seguiti nel 2015, può essere fondamentale per spiegare esattamente cos’è l’omeopatia, come si pratica e tutte le ricadute positive che può avere.
«Vede, lei ha messo il dito nella piaga. Qui c’è un problema serio, l’omeopata deve essere opportunamente formato. Ho partecipato, in quanto presidente dell’OMCeO di Rieti, Presidente della Federazione degli Ordini dei Medici del Lazio e responsabile della Commissione Nazionale FNOMCeO per le medicine non convenzionali, al percorso legislativo che ha portato alla recente normativa. Per cui sono fondamentali questi corsi FAD, come quello a cui lei accennava (“L’omeopatia tra le medicine complementari in Italia”) perché così si dà una prima informativa precisa, dettagliata, documentata, per chi poi vuole avvicinarsi a questa disciplina con corsi più specifici come quelli del Centro Omeopatico Italiano Ippocrate che ho contribuito a creare negli anni scorsi. Il medico deve essere formato bene, con regole certe. Poi, altro aspetto, è quello del nuovo codice di deontologia medica FNOMCeO che dice chiaramente che l’utilizzo di medicine non convenzionali non può assolutamente, a maggior ragione in determinate patologie gravi, escludere l’uso della medicina ufficiale. Serve il chirurgo? Si va dal chirurgo. Serve l’oncologo? Si va dall’oncologo. Solo dopo associamo l’omeopatia, associamo l’agopuntura. Non siamo né maghi, né niente, siamo prima di tutto laureati in medicina. L’omeopatia è una cosa meravigliosa, se lei pensa che in quasi tutti i Paesi esistono gli ospedali omeopatici e mancano in Italia. Ed è fondamentale che ci sia un chiarimento, cioè si deve capire che cos’è l’omeopatia, cioè da chi va fatta, della possibilità di controllare il medico. Io cittadino, io paziente, chiamo l’ordine e dico il dottor Chiriacò, nel caso mio all’Ordine di Rieti, è laureato in medicina? Sì. È iscritto nei registri dell’omeopatia? Sì. È una sorta di garanzia per l’utente».

Quindi un corso è fondamentale per formare ancora di più i medici e informare i cittadini?
«È buono per il farmacista, è buono per il medico, è buono per chiunque. Ed è anche una cosa estremamente comoda, tranquilla. Questa è la tecnologia del 2016, e secondo me lo sarà sempre di più. È importantissimo che il cittadino, il medico, che tutti si rendano conto di che cosa è e di che cosa stiamo parlando».

Articoli correlati
Cos’è il dossier formativo?
Sempre sul sito COGEAPS (www.cogeaps.it ) ogni medico può volontariamente attivare il proprio Dossier Formativo, cioè dichiarare gli obiettivi formativi che si prefigge di raggiungere, che poi andrà riscontrato con gli eventi effettivamente frequentati. Al termine del periodo di osservazione, sarà quindi possibile verificare da un lato i fabbisogni formativi attesi e dall’altro la formazione effettivamente […]
Emergenza Sorrisi, il decennale dell’organizzazione. Abenavoli: «Ci auguriamo altri dieci anni di sorrisi»
Ripercorrere le tappe di Emergenza Sorrisi dalla sua fondazione nel 2007 fino ad oggi, questo lo scopo del Convegno dal titolo "10 anni di cooperazione con Emergenza Sorrisi”, che si è svolto alla Camera dei Deputati
Stefano De Lillo si candida all’Omceo Roma: «Superare le divisioni per lavorare uniti per il meglio dei medici»
«Superare le divisioni e lavorare insieme per rilanciare l’immagine del medico nella società». Così Stefano De Lillo ha presentato la sua candidatura alla presidenza dell’OMCeO di Roma
Anestesisti, in calo le denunce per malpractice. Marinangeli, (AAROI EMAC Simulern): «Merito della formazione»
«Dato confortante, l’obiettivo è assicurare sempre il massimo della qualità» lo dichiara Alessandro Vergallo, Presidente Nazionale AAROI-EMAC in occasione della presentazione dello studio dell’Osservatorio nazionale permanente sul contenzioso medico-legale
Morto per otite non curata. Lavra (OMCeO Roma): «Come può essere messa in discussione la legittimità delle medicine complementari?»
Avrebbe fatto sette anni a breve il bambino di Pesaro morto per un'infezione non curata. Ad essere indagati il medico curante insieme ai genitori. Lorenzin: «Omeopatia complementare, non sostitutiva». Dario Chiriacò, coordinatore della Commissione per le Medicine non Convenzionali della FNOMCeO: «L'antibiotico è un grande dono, utile per patologie acute. L'omeopatia può affiancare la cura per rinforzarla e tonificarla».
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...