Salute 14 aprile 2016

Chiriacò: «L’Italia è leader sull’omeopatia ma bisogna formare meglio medici e cittadini»

È aprile il mese dell’omeopatia. In tutto il mondo, e in Italia in particolare, la medicina e i farmaci omeopatici sono sempre più al centro dell’attenzione e da statistiche recenti il nostro risulta il terzo mercato europeo. Ma, in realtà, quella classifica, l’Italia, potrebbe anche comandarla. Questo secondo uno dei massimi esperti italiani intervistato da […]

Immagine articolo

È aprile il mese dell’omeopatia. In tutto il mondo, e in Italia in particolare, la medicina e i farmaci omeopatici sono sempre più al centro dell’attenzione e da statistiche recenti il nostro risulta il terzo mercato europeo. Ma, in realtà, quella classifica, l’Italia, potrebbe anche comandarla.

Questo secondo uno dei massimi esperti italiani intervistato da Sanità informazione, il professor Dario Chiriacò, docente di Omeopatia e Medicine Naturali e Presidente dell’Ordine dei Medici di Rieti.

«Secondo me siamo qualcosa di meglio, per un motivo molto semplice: il primo e il secondo mercato sono la Francia e la Germania, paesi nei quali l’omeopatia ha una veste ufficiale decisamente superiore, e nei quali c’è un parziale rimborso da parte del sistema sanitario delle spese e delle visite omeopatiche. In Italia questo non avviene, per cui tutta l’omeopatia è a carico del portafoglio del cittadino, per cui forse come utilizzo siamo i secondi o i primi. Questo ci conferma un’altra cosa, che anche in un momento di difficoltà economica, di crisi, il cittadino italiano sta crescendo a livello di consapevolezza, e questo è importante nonostante ci siano delle carenze normative nel nostro Paese che stenta ad adeguarsi anche alle sollecitazioni della Ue».

L’omeopatia però, a volte, viene chiamata in causa dalla cronaca e si finisce per parlarne a sproposito. In questo senso proprio il corso ECM da lei tenuto per Sanità in Formazione, uno dei più seguiti nel 2015, può essere fondamentale per spiegare esattamente cos’è l’omeopatia, come si pratica e tutte le ricadute positive che può avere.
«Vede, lei ha messo il dito nella piaga. Qui c’è un problema serio, l’omeopata deve essere opportunamente formato. Ho partecipato, in quanto presidente dell’OMCeO di Rieti, Presidente della Federazione degli Ordini dei Medici del Lazio e responsabile della Commissione Nazionale FNOMCeO per le medicine non convenzionali, al percorso legislativo che ha portato alla recente normativa. Per cui sono fondamentali questi corsi FAD, come quello a cui lei accennava (“L’omeopatia tra le medicine complementari in Italia”) perché così si dà una prima informativa precisa, dettagliata, documentata, per chi poi vuole avvicinarsi a questa disciplina con corsi più specifici come quelli del Centro Omeopatico Italiano Ippocrate che ho contribuito a creare negli anni scorsi. Il medico deve essere formato bene, con regole certe. Poi, altro aspetto, è quello del nuovo codice di deontologia medica FNOMCeO che dice chiaramente che l’utilizzo di medicine non convenzionali non può assolutamente, a maggior ragione in determinate patologie gravi, escludere l’uso della medicina ufficiale. Serve il chirurgo? Si va dal chirurgo. Serve l’oncologo? Si va dall’oncologo. Solo dopo associamo l’omeopatia, associamo l’agopuntura. Non siamo né maghi, né niente, siamo prima di tutto laureati in medicina. L’omeopatia è una cosa meravigliosa, se lei pensa che in quasi tutti i Paesi esistono gli ospedali omeopatici e mancano in Italia. Ed è fondamentale che ci sia un chiarimento, cioè si deve capire che cos’è l’omeopatia, cioè da chi va fatta, della possibilità di controllare il medico. Io cittadino, io paziente, chiamo l’ordine e dico il dottor Chiriacò, nel caso mio all’Ordine di Rieti, è laureato in medicina? Sì. È iscritto nei registri dell’omeopatia? Sì. È una sorta di garanzia per l’utente».

Quindi un corso è fondamentale per formare ancora di più i medici e informare i cittadini?
«È buono per il farmacista, è buono per il medico, è buono per chiunque. Ed è anche una cosa estremamente comoda, tranquilla. Questa è la tecnologia del 2016, e secondo me lo sarà sempre di più. È importantissimo che il cittadino, il medico, che tutti si rendano conto di che cosa è e di che cosa stiamo parlando».

Articoli correlati
Clownterapia, Andrea Tudisco Onlus: perché una casa e un sorriso sono come una medicina
I Clown Dottori della Onlus Andrea Tudisco operano nei reparti pediatrici e specialistici degli ospedali romani. Il loro compito? Sdrammatizzare le pratiche sanitarie e trasformare paura, rabbia e tristezza in fiducia e speranza
Per quanto riguarda il Dossier Formativo di gruppo quali sono i soggetti abilitati a costruirlo?
I soggetti sono i seguenti: Per le Aziende Sanitarie, Pubbliche e Private o per le strutture universitarie: L’Ufficio formazione ovvero uno o più delegati, il responsabile della didattica, il responsabile del gruppo delle singole Unità operative, Per gli Ordini, i Collegi, rispettive Federazioni nazionali e Associazioni maggiormente rappresentative delle professioni sanitarie: il Presidente, il legale […]
Carenza medici in GB: dopo la Brexit la formazione potrebbe essere più breve
Le regole europee impongono agli aspiranti medici un percorso formativo di almeno cinque anni. Una volta che la Gran Bretagna se ne sarà liberata con la Brexit, potrà decidere di accorciare il periodo di formazione necessario per poter esercitare la professione. Sarebbe questa, secondo quanto riportato dal Telegraph, una delle possibili soluzioni cui il Regno […]
Qual è la modalità di assegnazione dei crediti ECM per la formazione a distanza?
I Provider che erogano corsi ECM anno 9 giorni di tempo dalla data di fine dell’evento per inviare all’ente accreditante i nomi dei partecipanti che hanno acquisito i crediti. Tale principio vale anche per i corsi di formazione a distanza, i quali possono avere la durata di un anno; è pertanto possibile che per vedere […]
Sapienza, la formazione universitaria cambia passo ed entra nel futuro. Rettore Gaudio: «Cambiamento epocale per i nostri medici»
Tre laboratori ad alta tecnologia per simulare pratiche mediche in situazioni di crisi o emergenza e la Biblioteca automatizzata di Architettura. Questi gli interventi di potenziamento della didattica realizzati alla Sapienza grazie al sostegno della Fondazione Roma
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM, dal 2019 scattano i controlli. Anelli (FNOMCeO): «Valuteremo inadempienze». Coletto (Agenas): «Stop a ‘infiltrati’, serve verifica»

È a metà strada il triennio ECM 2017-2019: in aumento il numero di medici e operatori in regola, ma rimangono molti camici bianchi inadempienti. Controlli dal 2019. INTERVISTE AD ANELLI (FNOMCEO) E ...
Salute

Aggressioni al personale sanitario, Flori Degrassi (Asl Roma 2): «Operatori in trincea, minacciati anche con pistole»

«Abbiamo dovuto mettere le barriere al Pronto soccorso del Pertini ma l’interfono ostacola il rapporto tra paziente e operatore sanitario. E, nel nostro lavoro, la comunicazione è fondamentale», ...
Lavoro

Tasse e contributi, come non sbagliare la dichiarazione. La guida completa alla compilazione del Modello D

Entro il 31 luglio i camici bianchi che hanno svolto attività libero professionale nel 2017 devono compilare nell’area riservata Enpam il Modello D. Ecco come scegliere le aliquote, come calcolare ...