Salute 28 luglio 2014

“Caro” Ssn, l’Italia ha ancora bisogno di te… ma con un restyling

Presentati i risultati dell’indagine condotta dalle Commissioni Affari Sociali e Bilancio nel 2013

Immagine articolo

Gli italiani non possono fare a meno del Servizio sanitario nazionale, il quale rappresenta uno “strumento indispensabile per la tutela della salute” e da cui derivano oneri che “si collocano al di sotto della media internazionale ed europea”.

Lo scrivono nero su bianco le commissioni Affari Sociali e Bilancio della Camera dei Deputati, nell’indagine conoscitiva sulla sostenibilità economica del Ssn condotta tra giugno e dicembre del 2013 e denominata “La sfida della tutela della salute tra nuove esigenze del sistema sanitario e obiettivi di finanza pubblica”. Ma nell’analisi presentata qualche giorno fa anche al ministro della Salute Beatrice Lorenzin, non ci sono soltanto buone notizie.

Nel documento finale si può infatti leggere che esiste una preoccupazione generalizzata che “il protrarsi della crisi finanziaria e la conseguente sensibile riduzione dei finanziamenti destinati al Servizio sanitario nazionale riducano la qualità dei servizi e la loro capacità di rispondere ai bisogni sanitari della popolazione”, mentre “le regioni sottoposte a piano di rientro, e più in generale, la quasi totalità delle regioni meridionali, versano in una condizione notevolmente diversa rispetto alle altre regioni, posto che le prime lamentano sensibili ritardi infrastrutturali da cui derivano inaccettabili differenze nell’erogazione dei livelli essenziali di assistenza che mettono a rischio l’universalità del sistema”.

“Il nostro sistema sanitario scricchiola in modo inquietante – afferma il presidente della XII Commissione Pierpaolo Vargiu –. Siamo di fronte a ventuno diversi sistemi sanitari che stentano a garantire la stessa equità e universalità a un sardo o a un veneto.  Non ci sono più alibi se non iniziamo a prenderne atto sarà difficile lavorare per trovare soluzioni. Nel frattempo a pagare saranno sempre i più deboli”.

“Sanità integrativa, nessun taglio lineare e ridurre il potere delle regioni nel comparto sanitario – spiega invece Francesco Boccia, presidente della V Commissione –. Sono queste le linee guida del documento approvato dalle Commissioni congiunte di Montecitorio. Ed è da questi punti fermi che Ministero e Regioni devono ripartire, facendo proprio il lavoro fatto in questi mesi dalle Commissioni”.

“Si tratta di un’indagine utilissima – spiega infine il ministro Lorenzin – che segna i livelli di criticità del sistema sanitario che abbiamo utilizzato per fare il Patto per la Salute e anche perché il Parlamento sta condividendo un percorso di riforma della sanità”.

Tags

Articoli correlati
Su quale territorio può operare il medico di base?
L’assistenza medico-generica è prestata dal personale dipendente o convenzionato del servizio sanitario nazionale operante nelle unità sanitarie locali o nel comune di residenza del cittadino, e a nulla rileva il fatto che ciò sia in contrasto con gli accordi collettivi nazionali del 23 marzo 2005 e 29 luglio 2009 i quali prevedono che l’assistenza sanitaria […]
«Ssn, basta tagli e coinvolgere eccellenze sanitarie italiane nelle nuove strategie»
Una delle tante specialità tipicamente italiane consiste nell’autolesionistica tendenza a  smantellare le proprie eccellenze e nel copiare modelli da altri paesi, quando gli stessi decidono di abbandonarli poiché infruttuosi e non efficienti. Uno degli esempi contraddittori e più eclatanti di quanto affermato (anche pubblicamente ed in più occasioni!), lo verifichiamo quotidianamente nel nostro Servizio sanitario […]
di Dott. Andrea Garrone - Vicepresidente Rurale Federfarma Piemonte
Come scegliere il pediatra giusto
La scelta del pediatra è una decisione importante. Ogni mamma cerca il medico con cui si senta a proprio agio, che capisca le sue preoccupazioni e che curi al meglio il suo bambino. Un medico che ispiri fiducia grazie alla competenza dimostrata e alla predisposizione al dialogo con i genitori. È facile sentirsi sopraffatti dalla […]
Sanità. Piemonte guadagna la vetta, Calabria si conferma la più malata
E’ il Piemonte, la regione in testa per efficienza del sistema sanitario italiano, strappando la prima posizione al Trentino Alto Adige, mentre la Calabria si conferma la regione “più malata” del paese. In totale sono quattro le realtà territoriali definite “sane”, nove le aree “influenzate” e ben sette le regioni “malate”. Crolla il Lazio che […]
Intersindacale disapprova modalità di calcolo Ministero-Regioni e chiede chiarimento
Nella lettera ai Ministri della Salute e dell'Economia e alle Regioni, l'Intersindacale medica, veterinaria e sanitaria (ANAAO ASSOMED – CIMO – AAROI-EMAC –FVM – FASSID (AIPAC-AUPI-SIMET-SINAFO-SNR) – CISL MEDICI – ANPO-ASCOTI-FIALS MEDICI) ha chiesto un incontro per una puntuale informazione sulla metodologia tecnica utilizzata per calcolare il fabbisogno dei medici, veterinari e sanitari del Ssn. Contestati il metodo e il merito del lavoro del gruppo Ministero-Regioni.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Lavoro

Miraggio contratto, Cavallero (Cosmed): «Non giochiamo a Robin Hood. Grave ipotesi di un rinnovo senza aumento alla dirigenza»

Intervista al segretario generale Cosmed Giorgio Cavallero sul rinnovo contrattuale dei medici: «Speriamo che trattativa inizi presto, ma aspettiamo atto di indirizzo e Legge di bilancio. E senza fon...