Salute 22 giugno 2018

Cannabis terapeutica tra ricerca e scetticismo. L’esperto: «Legislazione mondiale non omogenea. Entro fine anno regolarizzata in 40 Paesi»

Nonostante le qualità medicali degli estratti della pianta siano universalmente riconosciute, non tutte le nazioni hanno adottato una legislazione che ne permette la commercializzazione e l’utilizzo. Pachta: «Necessario trovare il giusto equilibrio e utilizzare cannabis in medicina limitandone gli abusi»

di Arnaldo Iodice - Inviato ad Atene (Grecia)

La comunità scientifica internazionale è ormai concorde nel ritenere gli estratti della cannabis un valido e comprovato rimedio terapeutico contro una grande quantità di patologie. In diversi casi, inoltre, i principi attivi estratti dalla pianta rappresentano, per molti pazienti affetti da malattie neurodegenerative, l’unica soluzione capace di avere qualche effetto benefico sul loro organismo. Insomma, decenni di esperimenti e studi confermano le proprietà terapeutiche della cannabis. Eppure sono tanti (persone comuni ma anche operatori sanitari) a nutrire diversi pregiudizi su questo tipo di medicina. Il motivo? Adoperare questo tipo di medicina «non è semplice», per non parlare del «doppio tipo di utilizzo» che si può fare della cannabis. Così il Dottor Pavel Pachta, tra i principali esperti nella regolamentazione internazionale delle droghe.

Dottor Pachta, ricerche e studi condotti in tutto il mondo dimostrano che la cannabis può essere utilizzata come medicinale. Ma perché l’utilizzo terapeutico degli estratti della pianta non è così diffuso a livello internazionale?

«Perché non è diffuso? Penso principalmente per due problemi. Primo perché è un medicinale a base di erbe ed utilizzarle non è molto semplice nemmeno per i medici. In secondo luogo può anche essere utilizzata a scopi ricreativi, quindi le persone possono diventarne dipendenti, e per questo esiste un sentimento negativo nei confronti della cannabis. Molte sostanze hanno un doppio utilizzo, quindi sono molto positive in termini medici ma possono anche essere oggetto di abuso. Si tratta sempre di trovare il giusto equilibrio. Quindi la strada da seguire è quella di utilizzare la cannabis in medicina riuscendo al tempo stesso a limitare gli abusi. Quindi sicuramente la cannabis può essere utilizzata in medicina e si può anche limitarne gli abusi. Questa è la strada da seguire».

Quali sono i Paesi più avanzati al mondo per quanto riguarda la regolamentazione della cannabis?

«È difficile dare un giudizio in merito. Penso che siano pochi i Paesi che hanno già esperienza in tal senso, come il Canada o Israele. La prima nazione è stata l’Olanda ed altri Paesi l’hanno seguita. C’è la situazione particolare degli Stati Uniti, dove è legale a in 29 stati ma non lo è a livello federale. In tutto il mondo sono più di 30 i Paesi che hanno stabilito un sistema regolatorio e forse arriveremo a 40 entro la fine dell’anno. Quindi penso, come ho detto in una delle mie presentazioni qui ad Atene, che nessuno sia perfetto e che si possa sempre imparare dagli altri, perché troviamo elementi positivi in alcuni Paesi ed elementi negativi in altri».

 

 

Articoli correlati
Cannabis terapeutica, Ministro Grillo: «Sforzo per garantire disponibilità in ogni farmacia»
Visita a Firenze della titolare della Salute con il Sottosegretario Bartolazzi. Associazione pazienti denunciano difficoltà trovare sostanza
Estratti di cannabis terapeutica, l’Italia è all’avanguardia. Cappiello (Enecta): «Necessaria maggiore formazione su ultime novità della ricerca»
L’azienda, con base a Bologna, esporta prodotti medicali in tutto il mondo. Il fondatore: «Tante evidenze scientifiche raccolte negli ultimi anni, ma la strada da fare per rendere pazienti e camici bianchi più informati è ancora lunga»
di Arnaldo Iodice - Inviato ad Atene (Grecia)
Stop alla Cannabis Light? Ma l’Italia punta su quella terapeutica
Efficace nel trattamento di un grande numero di patologie, la cannabis terapeutica si sta ritagliando un ruolo fondamentale nel mondo sanitario. Negli ultimi anni la domanda è impennata ma l’obiettivo è quello di non dipendere dalle importazioni. Storia e possibili sviluppi di un settore in piena espansione
La salute passa per il sistema endocannabinoide. Bagar (International Institute for Cannabinoids): «Ecco come funziona e a cosa serve»
Diversi processi vitali per l’organismo umano e animale passano per una rete composta da milioni di recettori che interagiscono con i cannabinoidi: «Grandissime potenzialità, ma ancora non conosciamo tutto…»
di Arnaldo Iodice - Inviato ad Atene (Grecia)
Malattie degenerative, le proprietà del CBD. Russo (ICCI): «Allevia sintomi di epilessia, cancro e Alzheimer»
Uno dei massimi esperti a livello mondiale di cannabis terapeutica spiega ai nostri microfoni quali sono le proprietà di uno dei principali principi attivi e cosa ci si aspetta dalla ricerca
di Arnaldo Iodice - Inviato ad Atene (Grecia)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...