Salute 16 luglio 2018

Blockchain nel Terzo settore, Vella (AIFA): «Trasparenza e fiducia per le donazioni, utile anche per i bilanci delle multinazionali»

La nuova tecnologia ‘a blocchi’ protetta da sistemi crittografati garantisce una sicurezza persuasiva per i donatori. Stefano Vella, Presidente dell’Agenzia del Farmaco: «La rivoluzione è monitorare i fondi dalle mani dei benefattori a quelle dei beneficiari»

Immagine articolo

Trasparenza e fiducia. Questi gli assi portanti imprescindibili quando si parla di charity. I donatori che devolvono fondi per ONG e Onlus diventano sempre più esigenti e il controllo del percorso che le donazioni fanno dalle mani del benefattore a quelle del beneficiario, è fondamentale per la credibilità delle associazioni stesse. «Proprio per monitorare queste azioni la Blockchain può rappresentare un validissimo aiuto», dichiara Stefano Vella, Presidente AIFA e Direttore del Centro Nazionale per la Salute Globale dell’Istituto Superiore di Sanità.

LEGGI ANCHE: ASSISTENZA MIGRANTI, MINORI E SOGGETTI VULNERABILI: CRESCE LA RETE DI OIS ONLUS E SANITÀ DI FRONTIERA

«L’impiego della Blockchain in sanità è oramai cosa nota – prosegue Vella intervistato in occasione del Direttivo dell’Osservatorio Internazionale per la Salute Onlus di cui è membro del comitato scientifico -, controllo e condivisione delle cartelle sanitarie, dati dei pazienti al sicuro da furti o alterazioni, insomma questa tecnologia è in crescita e ora sarebbe il caso di applicarla anche nel fundraising per il settore no profit».

«La criptovaluta rivoluzionerà il Terzo settore», spiega Vella che sottolinea quante siano le realtà no profit, anche in Italia, che già hanno cominciato ad utilizzare la moneta virtuale supportata dalla tecnologia Blockchain per le raccolte solidali. Infatti a differenza di altre modalità di donazione, come gli sms per esempio, la ‘catena a blocchi’ protetta da algoritmi crittografici, permette di monitorare e quantificare ogni cifra erogata tenendo sempre traccia esatta e immodificabile dei movimenti che questa subisce.

LEGGI ANCHE: «MAGGIORE EFFICIENZA E SICUREZZA DEL DATO», COSÌ LA BLOCKCHAIN STA GIÀ CAMBIANDO IL MONDO

«Questa rivoluzione tecnologica è stata inizialmente applicata ai bitcoin proprio per garantire il fatto che nessuno potesse toccare nulla senza che l’altro lo sapesse – conclude -. Prestissimo, sono convinto, questa tecnologia verrà utilizzata anche per il controllo dei bilanci nelle grandi aziende multinazionali».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Stefano Vella racconta la sua “rabbia”: «Lasciare Aifa scelta dolorosa, ma difendere salute globale del futuro inizia dalla cura dei migranti»
VIDEO INTERVISTA | L’ormai ex presidente dell’Agenzia del Farmaco a qualche giorno di distanza dalla sua irrevocabile lettera di addio ad una delle cariche più prestigiose e ambite della sanità italiana ha ritrovato il filo dei pensieri e accetta di parlare della sua esperienza in AIFA e delle prospettive dell'agenzia e della scelta delle dimissioni come di una pagina dolorosa da superare in fretta per tornare a dedicarsi alla ricerca.
Aifa, Ministero Salute propone Luca Li Bassi come direttore generale. Grillo: «Riporto in Italia un cervello in fuga»
Il nome del chirurgo milanese sarà sottoposto alla Conferenza Stato-Regioni. Per lui una lunga carriera internazionale. Il Ministro: «Tra i primi compiti quello di garantire a tutti i pazienti i trattamenti innovativi che la ricerca mette a disposizione»
Sicurezza, accessibilità e tracciabilità dei dati in sanità? La risposta potrebbe essere nella blockchain
Dalle cartelle cliniche alla filiera del farmaco, passando per le assicurazioni sanitarie ed i trial clinici, gli ambiti di applicazione della nuova tecnologia sono innumerevoli, così come infiniti sono i vantaggi che promette al mondo sanitario
Nave Diciotti, De Martini (Lega): «Da medico dico basta strumentalizzazioni. Garantite cure a migranti, mentre i malati italiani…»
L’oculista eletto in Sardegna per il partito di Salvini replica a quanti hanno polemizzato con la gestione sanitaria della vicenda e ricorda: «Perché nessuno si indigna per i cittadini che arrivano da noi medici piangendo perché non hanno soldi per medicine?». Poi promette l’impegno per la sanità della sua Regione: «Siamo passati da otto Asl a un unico Ats, peggioramento evidente. Ora invertire tendenza»
Aifa senza vertici a settembre? Il ministero della Salute: «Presto indicazione nuovo Dg. Operatività Agenzia garantita»
Dopo le dimissioni del presidente Stefano Vella e l'imminente scadenza del mandato dell'attuale Direttore generale Mario Melazzini, le associazioni di pazienti temono l'impossibilità di ottenere autorizzazioni necessarie per alcuni farmaci. Ma il ministero le tranquillizza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...