Salute 24 agosto 2018

Antibiotici contro la tosse? Meglio di no. È più efficace il miele (anche per combattere l’antibiotico-resistenza)

Secondo le nuove linee guida inglesi sulla prescrizione di antibiotici, la maggior parte delle tossi è causata da virus contro i quali gli antibiotici non servono. Prima di andare dal medico di famiglia, è meglio provare i rimedi della nonna e farmaci da banco a base di pelargonium, guaifenesina o destrometorfano

Immagine articolo

Medici di famiglia, non prescrivete gli antibiotici a chi ha la tosse. Nella maggior parte dei casi non aiutano a combatterne i sintomi, ma rischiano di rendere ancora più complessa la lotta contro l’antibiotico-resistenza. Considerando che la maggioranza delle tossi è causata da virus (raffreddori, influenze o bronchiti) e che dopo circa tre settimane scompare da sola, si consiglia ai pazienti di assumere miele e farmaci da banco a base di pelargonium, guaifenesina o destrometorfano.

Insomma, le nostre nonne avevano ragione: una bella tazza di latte caldo con il miele, magari con un po’ di limone e zenzero, è il miglior rimedio contro la tosse. Poi, se la tosse peggiora o si avvertono malessere diffuso o difficoltà a respirare, sarà meglio farsi visitare dal proprio medico di famiglia. Ma solo in un secondo momento.

Avvertimenti e consigli arrivano dal Regno Unito, dove il National Institute for Health and Care Excellence ed il Public Health England (PHE) hanno proposto nuove linee guida sulla prescrizione di antibiotici. È infatti venuto alla luce che il 48% dei medici di base inglesi prescrivano antibiotici contro la tosse o la bronchite. Tuttavia, avvertono gli esperti della Regina, gli antibiotici sono necessari solo nel caso in cui il paziente soffra di patologie importanti o sia a rischio di ulteriori complicanze, come chi è affetto da malattie polmonari o gli immunosoppressi. Inoltre, è meglio non dare il miele ai bambini al di sotto di un anno, poiché può contenere dei batteri che possono causare botulismo.

L’obiettivo dichiarato delle nuove linee guida è quello di evitare il consumo di antibiotici quando non necessario per combattere l’antibiotico-resistenza: «Si tratta di un problema enorme – dichiara Susan Hopkins, vicedirettore del PHE – ed è necessario agire per ridurre il consumo di antibiotici. Assumerli quando non servono porta il rischio di sviluppare infezioni ancora più difficili da combattere». I batteri, insomma, imparano a resistere ai farmaci.

Un allarme particolarmente preoccupante in Italia, che risulta il Paese europeo con i livelli più alti di antibiotico-resistenza ed il terzo per consumo di antibiotici. L’antibiotico-resistenza provoca ogni anno in Europa 4 milioni di infezioni da germi e 37mila morti. Negli ospedali italiani, le infezioni da germi antibiotico-resistenti colpiscono 300mila pazienti e causano tra i 4500 e i 7mila decessi. Ma secondo l’OMS nel 2050, se non si interviene per tempo, le morti provocate da germi multi-resistenti potrebbero arrivare a 10 milioni. Più che per i tumori.

LEGGI ANCHE: ANTIBIOTICO-RESISTENZA, IL MINISTRO: «COMBATTERLA COINVOLGENDO LE ASSOCIAZIONI E I PAZIENTI»

Articoli correlati
Catania, al via il congresso: “I progressi della terapia antiinfettiva”
Potrebbe sembrare un controsenso o una vera e propria utopia, ma non è fantasioso dover ancora parlare di resistenza agli antibiotici. Anzi quello che è diventato un vero e proprio fenomeno, rappresenta una delle questioni più importanti per la sanità a livello mondiale. È solo uno dei numerosi argomenti che verranno trattati nel corso di […]
Infezioni ospedaliere, Andreoni (Tor Vergata): «Sono piaga, contribuisce uso smodato antibiotici. A pronunciarsi su terapie sia solo infettivologo»
«In Italia la prevalenza di ceppi batterici resistenti è tra le più alte d'Europa. Occorre controllo dei pazienti al momento dell’ospedalizzazione» così il direttore del Policlinico romano e membro del SIMIT 
Infezioni ospedaliere, Klebsiella killer alle Canarie. Andreoni (SIMIT): «A rischio anche case di cura. Infettivologi poco coinvolti»
Nel 2030 ci saranno 10 milioni di morti per infezioni ospedaliere resistenti agli antibiotici. «L’OMS ha fatto questa previsione da circa due anni, adesso serve strategia mondiale» così Massimo Andreoni, Direttore U.O.C. Malattie infettive a Tor Vergata e Direttore Scientifico della Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali
ICAR (Italian Conference on AIDS and Antiviral Research): Epatite A, Gonorrea e Papilloma. Quando il sesso fa paura
Parte la decima edizione di ICAR (Italian Conference on AIDS and Antiviral Research): l’evento si è aperto ieri a Roma e proseguirà sino a domani, giovedì 24 maggio. Il congresso, presieduto dai professori Massimo Andreoni, Andrea Antinori e Carlo Federico Perno, conta oltre 1200 specialisti tra ricercatori, medici, specialisti di vari settori coinvolti nell’assistenza e […]
SIFI apre nuova filiale in Francia e partecipa al Congresso SFO
SIFI, azienda italiana leader nello sviluppo di soluzioni per le patologie oculari, è lieta di comunicare l’apertura di SIFI France SAS, nuova filiale francese, situata a Rueil Malmaison (Parigi). Annuncia inoltre che per la prima volta parteciperà ad un Congresso di Oftalmologia francese, SFO 2018, che si svolge dal 5 all’8 maggio, al Palais des […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...