Salute 20 aprile 2018

Aggressioni medici, pioggia di adesioni al sit in dell’OMCeO Palermo

Da Cittadinanzattiva Sicilia all’Associazione diabetici Palermo fino al Comitato consultivo dell’azienda Arnas Civico di Palermo: tante le realtà presenti alla manifestazione in in Piazza Politeama. Amato: «Sensibilizzare i cittadini investendo nella comunicazione»

Stop alla violenza nei confronti dei professionisti della sanità. Questo è il messaggio lanciato dall’OMCeO Palermo che ha organizzato un sit-in pacifico per sabato 21 aprile alle 15.30 in piazza Politeama.

L’ordine provinciale si schiera contro ogni forma di aggressione – a partire dall’escalation di soprusi e violenze che si consumano, ormai quasi ogni giorno, ai danni di medici e dei professionisti della sanità negli ospedali e nei luoghi di emergenza – rilanciando l’appello a tutti i medici siciliani, rappresentanti istituzionali, sindacali e associazioni di pazienti, a manifestare pacificamente. Un’emergenza particolarmente sentita in Sicilia ma che ormai riguarda tutta Italia, come accaduto anche nei giorni scorsi con tre aggressioni a Bari, Napoli, Roma.

LEGGI ANCHE: SPECIALE AGGRESSIONI AL PERSONALE SANITARIO

«Le violenze nelle strutture sanitarie rappresentano un cortocircuito culturale causato dalla crisi di un intero Paese – spiega il presidente dell’OMCeO di Palermo Toti Amato – e le tensioni dei pazienti sono l’espressione della ricaduta di un disagio profondo. Per questo, sarebbe un grosso sbaglio cercare e confinare le cause di tutta questa violenza nelle strutture ospedaliere. Per ripristinare, tra pazienti e professionisti della sanità, quel clima perduto di stima, fiducia e rispetto, occorre innanzitutto sensibilizzare tutti i cittadini investendo nella comunicazione. E in questo percorso tutti i professionisti della carta stampata, tv e web rappresentano lo strumento indispensabile più efficace».

All’iniziativa di domani parteciperanno anche Cittadinanzattiva Sicilia, l’Associazione diabetici Palermo e il Comitato consultivo dell’azienda Arnas Civico di Palermo. «Le aggressioni nelle aree emergenziali hanno raggiunto livelli preoccupanti e si rendono necessarie e urgenti misure concrete da parte delle istituzioni preposte – spiega Franco Sammarco, presidente dell’Associazione diabetici, nonché del Comitato consultivo Arnas Civico -. È necessario ricostruire un rapporto sano e sereno tra pazienti, medici e operatori sanitari basato innanzitutto sulla stima e la fiducia reciproca, le uniche due condizioni in grado di assicurare la migliore assistenza possibile». «Non basta condannare ed esprimere solidarietà – ribadisce Cittadinanzattiva – Ci vuole un piano articolato di azioni e iniziative che sia in grado di fronteggiare tanta inaccettabile violenza. Un piano che sia frutto dei contributi congiunti delle rappresentanze degli operatori sanitari, delle aziende e delle organizzazioni di tutela dei cittadini utenti dei servizi sanitari».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
OMS premia ospedale da campo del Piemonte, la ‘cittadella della salute’ pronta ad operare in scenari difficili
Conferimento durante la 68esima sessione del Regional Committee for Europe. Il direttore della Maxiemergenza 118 Mario Raviolo: «Siamo gli unici in Italia ad avere la certificazione di secondo livello, sono nove in tutto il mondo»
«Con flat tax e reddito di cittadinanza servizi sanitari a rischio». Parla la responsabile Salute PD Marina Sereni
«Dai vicepremier mai una parola per più risorse nella sanità». Così l’ex vicepresidente della Camera che poi torna sul tema dei vaccini: «Con autocertificazione strizzano occhio a movimento no vax»
Assemblea OMS, Bartolazzi (Sott. Salute): «Ottimizzare risorse per sostenibilità SSN. Intervento su ticket per ridurre spesa out of pocket»
Il Sottosegretario alla Salute ha presieduto la sessione inaugurale dell’evento a cui presenziano 53 ministri da tutta Europa. «Aumento alcol e fumo tra giovani preoccupa»
A Bari Giornata contro violenza operatori sanitari. Questionario FNOMCeO: 50% medici aggredito in ultimo anno
Tra i camici bianchi prevale rassegnazione e sfiducia. I dati del sondaggio preoccupano il Presidente Filippo Anelli: «Questo porta con sé gravi effetti collaterali come la mancata denuncia alle autorità, l’immobilismo dei decisori, ma anche il burnout dei professionisti, con esaurimento emotivo»
Stretta a spot e cibi grassi da distributori: nuove misure contro obesità infantile. D’Arrando (M5S): «Serve educazione alimentare»
Nel testo della risoluzione presentata in Commissione Affari Sociali l’idea di vietare l'utilizzo dei personaggi dei cartoon e delle trasmissioni televisive per promuovere il cibo ad alto contenuto di grassi, zuccheri e sale. E poi l’ipotesi di etichette che indichino il rischio obesità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...