Salute 12 luglio 2018

Adolescenti e disturbi alimentari, Busato Barbaglio (psicoanalista): «Quando lo sguardo dell’altro è uno specchio deforme»

«Appare come una patologia dell’alimentazione, ma può essere una ricerca di identità». Carla Busato Barbaglio, della Società Psicoanalitica Italiana, analizza l’impatto che le immagini di bellezza e perfezione possono avere sulla crescita individuale

di Isabella Faggiano

Dalle emoticons, piccole faccine espressive che sostituiscono intere frasi negli sms, alle foto postate su Instagram e  Facebook, per raccontare cosa stiamo facendo o pensando. Nell’era 2.0 sono le immagini a comunicare, più delle parole. Ma cosa accade a giovani e adolescenti quando queste immagini che bombardano la loro vita quotidiana veicolano soprattutto messaggi di perfezione e bellezza?

«C’è un prezzo altissimo da pagare. Influenzano il loro sviluppo psichico». A rispondere è Carla Busato Barbaglio, psicoanalista didattica della Società Psicoanalitica Italiana. Per lei è soprattutto il gentil sesso ad avere la peggio: «Come dice  Rossana Rossanda (giornalista e scrittrice italiana, ndr)  la donna vive con uno specchio piazzato costantemente davanti a sé. Vive con lo sguardo dell’altro puntato, occhi che diventano la sua unità di misura. Troppo bassa o troppo alta, non sufficientemente magra, esageratamente grassa. Meglio bionda o bruna. Questo specchio, per una ragazzina che si affaccia alla vita, alla crescita, si trasforma in un grosso peso da portare sulle spalle».

Perché queste immagini influenzano soprattutto le adolescenti?

«Questa fase della vita femminile è molto delicata: le giovani cominciano ad affacciarsi al mondo e, mentre lo fanno, percepiscono i cambiamenti del proprio corpo, movimenti ormonali, chimici, fisici. Quando appaiono le prime forme su una figura che non è più quella di una bambina lo sguardo che viene dalla società, dall’altro, può trasformarsi in una persecuzione».

LEGGI ANCHE: DISTURBI ALIMENTARI, IN ITALIA 3MILA VITTIME L’ANNO. PARLA LO PSICHIATRA LUCIO RINALDI: «COLPA DELLA SOLITUDINE E DELLA MANCANZA DI AUTOSTIMA»

E se l’adolescente percepisce la sua immagine nello specchio come un riflesso disarmonico?

«Possono insorgere dei disturbi – ha spiegato la psicoanalista -. Ma è necessario distinguere tra i disturbi alimentari di minore gravità e le anoressie vere e proprie. I primi possono essere anche conseguenza di un particolare momento della vita. Una ragazza, ad esempio, può decidere di cominciare una dieta con le amiche, per rispondere a determinati canoni di bellezza, e poi ritrovarsi a fare i conti con una realtà interiore molto più intricata. Una situazione tipica dell’adolescenza, periodo della vita in cui si costruisce l’identità personale. I disturbi alimentari che possono innescarsi in un contesto simile, di solito, non nascondono nulla di più grave. Al contrario, invece, dietro una patologia come l’anoressia ci possono essere elementi psicopatologici, disagi economici, sociali, abusi, trascuratezze. E qui le immagini di perfezione veicolate dai social c’entrano poco o nulla».

Come uscirne?

«È molto importante nelle condizioni più gravi lavorare in rete. A volte, casi estremi possono richiedere anche dei ricoveri. Nelle situazioni più lievi, invece, il tutto può risolversi anche con una psicoanalisi. Ciò che appare come un disturbo del comportamento alimentare può in realtà essere una ricerca di identità. Allora non resterà che guidare la giovane alla scoperta di sé. Affronterà nuove relazioni, nuovi affetti. E in questo mondo appena conosciuto troverà, pian piano, anche il posto che preferisce».

LEGGI ANCHE: TRAUMI INFANTILI E DISTURBI ALIMENTARI, IL LEGAME C’È. L’INTERVISTA ALLO PSICHIATRA

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Sanità, Rizzotti (Forza Italia): «Rivedere Ssn senza ideologie. Lotta ad anoressia e bulimia tra le mie priorità»
Sui disturbi alimentari impegno di lungo corso della senatrice forzista che auspica una «legge condivisa». Poi chiede che si torni sul tema della terapia del dolore e delle cure palliative: «Serve relazione per capire impatto della legge»
VII Giornata Nazionale “Fiocchetto Lilla”: al Gemelli Open Day di prevenzione dei disturbi dell’alimentazione
Tutta la giornata di Giovedì 15 marzo sarà dedicata alla sensibilizzazione sui Disturbi della Nutrizione e dell’Alimentazione, con un evento che si svolgerà nella hall del Policlinico Gemelli di Roma in occasione della VII Giornata Nazionale del “Fiocchetto Lilla”. Il team multidisciplinare del Gemelli dedicato alla cura dei disturbi del comportamento alimentare – formato da psicologi, psichiatri, endocrinologi, […]
Istigava all’anoressia sul suo blog: denunciata dalla mamma di una giovane lettrice
Tra i lati oscuri del web non solo bufale e fake news. Qui si parla di istigazione al suicidio e lesioni gravissime. Con queste motivazioni, la polizia di Ivrea ha denunciato la responsabile 19enne di un blog  in cui giovani donne, anche minori, venivano istigate all’anoressia perché incoraggiate a seguire diete o ad effettuare terapie […]
Manichini troppo magri in vetrina: contribuiscono a disturbi alimentari. Lo sostiene una ricerca britannica
Ricercatori britannici hanno esaminato le esposizioni nei negozi di moda femminile in due città britanniche. Dopo questa analisi hanno concluso che se le persone avessero la stessa dimensione dei manichini avrebbero “una salute problematica”. «C’è chiaro evidenza che l’ideale della silhouette ultra-sottile contribuisce allo sviluppo di problemi di salute mentale e disturbi alimentari» scrive il […]
Dall’anoressia all’Arfid, i disturbi alimentari si combattono con diagnosi precoce
I medici del Bambino Gesù all’opera per sensibilizzare sui disturbi alimentari. L’intervista alla nutrizionista Serena Missori: «Questi disturbi interessano 3 milioni di italiani e la maggior parte sono adolescenti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Dal corso MMG a Montecitorio, la storia di Rosa Menga (M5S): «Noi medici di famiglia portavoce dei pazienti in Parlamento»

È uno dei più giovani parlamentari della XVIII Legislatura e frequenta il corso di formazione in medicina generale: «Serve una visione meno ospedalocentrica dell’assistenza sanitaria. Telemedina ...
Diritto

Consenso informato, l’avvocato Pittella: «Per medico meno responsabilità civile o penale»

«I giudici in caso di contenzioso chiedono al paziente se è stato correttamente informato. Ma come si fa a saperlo? Un video, un audio, un consenso scritto in presenza dei testimoni? Questo è quell...
Salute

Stop alla Cannabis Light? Ma l’Italia punta su quella terapeutica

Efficace nel trattamento di un grande numero di patologie, la cannabis terapeutica si sta ritagliando un ruolo fondamentale nel mondo sanitario. Negli ultimi anni la domanda è impennata ma l’obiett...