Salute 10 luglio 2017

Chi abita in periferia vive 4 anni di meno. Vella (Presidente AIFA): «Accesso alle cure, junk food e sport i problemi principali»

Numerosi studi epidemiologici dimostrano che chi ha un tenore di vita più alto ha un diverso accesso alle cure e una differente predisposizione alla prevenzione: «A Torino 4 anni di differenza nell’aspettativa di vita tra zone più ricche e meno abbienti»

«Chi abita in periferia vive di meno e peggio di chi risiede in centro». Secondo Stefano Vella, medico, scienziato e Presidente AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco), i determinanti socio-economici influenzano la morbilità e la mortalità, come dimostrato da numerosi studi epidemiologici. La condizione socio-economica infatti consentirebbe un diverso accesso alle cure e una differente predisposizione alla prevenzione. Fondamentale discriminante è anche la cultura che influenza l’aspetto psico-sociale e le conseguenti scelte di vita. «Abbiamo diverse prove – spiega ancora Vella ai nostri microfoni – che effettivamente gli strati più poveri della popolazione vivono di meno e si ammalano di più».

Il motivo? «Senza dubbio, queste fasce hanno un diverso accesso ai sistemi di prevenzione e di cura. Si sa che in alcuni paesi, anche ricchi, come gli Stati Uniti, esistono divari straordinari di salute tra, per dirne una, le periferie di Washington e il centro di Washington». Stessa storia in Italia: «A Torino si è visto che ci sono 4 anni di differenza tra chi vive e chi è nato nei paesini e nelle periferie del nord-ovest e chi vive nel sud-est, ovvero in quelle zone un po’ più ricche». Ma quali sono i motivi reali di questa differenza? «L’accesso alle cure – continua il Presidente AIFA – è legato anche allo stato sociale, addirittura all’istruzione, di una determinata persona. È chiaro che un bambino istruito capisce quel che gli viene detto da una famiglia benestante, che può avere il tempo di spiegare, ad esempio, come si mangia bene. Oggi, invece, abbiamo anche le nuove povertà, e quindi ci sono bambini che hanno una situazione nutrizionale diversa da quella che avevamo prima».

Un problema che c’è oggi e che viene molto sottovalutato può essere, ad esempio, il cosiddetto junk food, ovvero il cibo spazzatura, che è «più facile e conveniente da comprare: in alcune grandi catene di negozi è possibile mangiare con 3 euro. Il problema però è che non sai esattamente cosa mangi, ma quel tipo di cibo costa meno e le persone meno abbienti vanno lì. Questo tipo di cibo – spiega ancora –, che è molto diverso da quello biologico, può causare problemi di salute come il diabete». Certo, il cibo spazzatura «non è l’unica causa del diabete», ma è un esempio di come «tra le cause delle malattie croniche ci sia anche la disparità sociale e determinate condizioni socio-economiche».

Articoli correlati
Assistenza ai disabili, Fiorda (Opi Roma): «Li accompagnamo verso autosufficienza. Ma servono percorsi formativi ad hoc»
«Non esiste una formazione specifica per l’infermiere che assiste il disabile, ma l’invecchiamento della popolazione e l’aumento delle disabilità richiedono un implemento delle specialistiche post-laurea. Prevedere l’infermiere per le persone con disabilità anche nelle scuole». Parla Maurizio Fiorda, consigliere dell’Opi di Roma
di Isabella Faggiano
Clownterapia, Andrea Tudisco Onlus: perché una casa e un sorriso sono come una medicina
I Clown Dottori della Onlus Andrea Tudisco operano nei reparti pediatrici e specialistici degli ospedali romani. Il loro compito? Sdrammatizzare le pratiche sanitarie e trasformare paura, rabbia e tristezza in fiducia e speranza
Vaccini, presidi in rivolta: senza certificato della ASL niente scuola
I presidi bocciano la linea del Governo e annunciano: «Non è possibile far prevalere la nuova circolare Grillo-Busseti. Per noi resta in vigore la legge Lorenzin». Il Ministro della Salute: «Polemica surreale e tardiva»
Aggressioni medici, Prefettura Crotone: «Aumenterà la vigilanza»
«L’ospedale di Crotone sarà oggetto di costante vigilanza, anche tenuto conto dell’importante afflusso di turisti per il periodo estivo. In particolare l’area esterna sarà presidiata con frequenti controlli da parte delle forze dell’ordine mentre i reparti dell’ospedale e il pronto soccorso saranno monitorati con maggiore intensità dal personale di vigilanza privata, soprattutto nella fascia serale». […]
L’INTERVENTO | Nuovi LEA, Cartabellotta (GIMBE): «Senza adeguato finanziamento SSN saranno illusione collettiva»
«L’accessibilità alla maggior parte delle nuove prestazioni è un miraggio, dalle regioni silenzio ‘sospetto’ su copertura economica», il punto di vista del Presidente della fondazione GIMBE
di Nino Cartabellotta
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM, dal 2019 scattano i controlli. Anelli (FNOMCeO): «Valuteremo inadempienze». Coletto (Agenas): «Stop a ‘infiltrati’, serve verifica»

È a metà strada il triennio ECM 2017-2019: in aumento il numero di medici e operatori in regola, ma rimangono molti camici bianchi inadempienti. Controlli dal 2019. INTERVISTE AD ANELLI (FNOMCEO) E ...
Salute

Aggressioni al personale sanitario, Flori Degrassi (Asl Roma 2): «Operatori in trincea, minacciati anche con pistole»

«Abbiamo dovuto mettere le barriere al Pronto soccorso del Pertini ma l’interfono ostacola il rapporto tra paziente e operatore sanitario. E, nel nostro lavoro, la comunicazione è fondamentale», ...
Lavoro

Tasse e contributi, come non sbagliare la dichiarazione. La guida completa alla compilazione del Modello D

Entro il 31 luglio i camici bianchi che hanno svolto attività libero professionale nel 2017 devono compilare nell’area riservata Enpam il Modello D. Ecco come scegliere le aliquote, come calcolare ...