Politica 14 ottobre 2014

Scacco matto ai rischi con la tutela legale completa 

Assicurazioni: sempre più casi dimostrano la necessità di proteggersi non solo dal punto di vista civile, ma anche penale e amministrativo. Le contromisure dei medici.

Immagine articolo

Siamo medici o funzionari?” No, non è una rivisitazione in chiave sanitaria del noto film interpretato da Totò, ma una domanda che sempre più spesso si pongono, o sono costretti a porsi, i professionisti del camice bianco. Talvolta sommersi più da scartoffie che da pazienti, la progressiva burocratizzazione del mondo ospedaliero può portare il dirigente sanitario a rischiare più con la penna che col bisturi.

Si parla tanto di responsabilità civile professionale, colpa grave, dolo addirittura. Ma alla responsabilità amministrativa, che può causare altrettante grane, chi ci pensa? Non tutte le polizze, purtroppo. Ecco perché è fondamentale sceglierne una che garantisca una tutela completa, come è successo al prof. Fabio Bartoli, direttore della Scuola di Specializzazione in Chirurgia Pediatrica presso l’Università degli Studi di Foggia, che ai microfoni di Sanità Informazione ha raccontato la sua (fortunata) storia.

Il suo caso è emblematico per dimostrare quanto un medico abbia bisogno di una tutela legale completa.
Chi, come nel mio caso ad esempio, ricopre ruoli dirigenziali, si trova sempre più spesso a rispondere non solo nei confronti dei pazienti, ma a confrontarsi con pratiche normative e burocratiche che rischiano di farci incorrere in problematiche amministrative – oltre che civilistiche e penali – non strettamente attinenti alla professione medica. Per fortuna la mia polizza garantisce una tutela legale che esula dalla semplice Rc professionale.

Una scelta, quella di aderire a una polizza con tutela legale completa, che si è rivelata estremamente utile.
Io sono uno a cui piace avere le spalle coperte. La mia Regione aveva iniziato ad esercitare una certa pressione sulle aziende affinché rendessero più stringente la spesa: una vera e propria rimodulazione del Piano sanitario regionale, che ha generato una contrazione delle strutture più complesse. Queste semplificazioni, a loro volta, comportano delle riduzioni dei servizi ai cittadini, ma si tratta di servizi che, nonostante tutto, abbiamo il dovere di continuare a fornire: la nostra struttura è infatti l’unica, nella provincia, dedicata alla Chirurgia Pediatrica. Da questa situazione è scaturito il bisogno di avvalermi di quella protezione di tipo amministrativo: l’azienda mi ha intimato il mantenimento delle precedenti funzioni, nonostante le operazioni di semplificazione in atto.

Questo fa capire come una semplice polizza di Rc professionale possa non bastare…
E potrei fare altre mille esempi simili al mio! Per non parlare delle problematiche che insorgono tra colleghi, per conflitti di competenza, come tra anestesisti e chirurghi. La lista di problematiche cui siamo sottoposti è praticamente infinita. Per svolgere il nostro lavoro serenamente abbiamo bisogno di una tutela legale efficiente, completa, conveniente: proprio come quella che ho avuto la fortuna (e l’accortezza) di sottoscrivere.

Articoli correlati
Tutela legale, lo scudo dei camici bianchi contro l’aumento delle denunce
Livi, consulente legale: "Il proliferare della medicina difensiva danneggia medici, pazienti e Ssn"
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazi...
Salute

Fabrizio Frizzi: «Sulla salute non si scherza, ecco perché voglio medici aggiornati e voglio sapere tutto…»

Il popolare conduttore ai microfoni di Sanità Informazione parla del suo rapporto con la salute ed i camici bianchi: «Non sono ipocondriaco, ma sto attento ai segnali». Il racconto di quando donò ...
Lavoro

Cumulo contributivo, la carica dei 130mila. Oliveti: «Siamo pronti ma non è giusto che sia l’Inps a pagare i medici…»

«Il cumulo è diritto di civiltà, ma l’Enpam già prevedeva totalizzazione interna gratuita». A Sanità Informazione, il commento del Presidente della Cassa previdenziale dei medici Alberto Olive...