Politica 5 luglio 2018

Sanità, l’ex Ministro De Lorenzo: «Regionalismo ha creato diseguaglianze. Occorre intervenire con poteri sostitutivi»

L’ex titolare del dicastero di Lungotevere Ripa, oggi Presidente della FAVO, chiede a Giulia Grillo interventi sulle reti oncologiche: «Bisogna attivarle in tutte le Regioni per garantire a tutti cure adeguate»

Immagine articolo

«Al nuovo Ministro della Salute chiederei di creare reti oncologiche in tutte le Regioni perché solo così si può garantire al malato il diritto ad essere curato nel modo migliore». Francesco De Lorenzo, ex Ministro della Sanità dal 1989 al 1993, è oggi un esperto di cure oncologiche essendo da anni Presidente della FAVO, Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia, una rete di organizzazioni che aiutano i malati di cancro. Lo incontriamo al Congresso dell’Anaao-Assomed dove ha partecipato al dibattito con altri ex Ministri della Sanità, da Rosy Bindi a Mariapia Garavaglia, da Beatrice Lorenzin a Renato Balduzzi. Al nuovo Ministro Grillo consiglia di potenziare le reti oncologiche e di intervenire sul problema delle diseguaglianze in sanità tra le Regioni. «Se non si agisce – spiega De Lorenzo a Sanità Informazione – rispetto a una regionalizzazione così spinta come in Italia c’è il rischio che il cittadino che vive in una Regione abbia un trattamento totalmente diverso da quello che vive in un’altra Regione e allora non viviamo più in un Paese unico. Altro che universalismo. Corriamo il rischio di andare ad una forma di disparità e diseguaglianza che penalizza sempre di più i malati».

Si è insediato da poco il nuovo Ministro della Salute. Lei da ex titolare della Salute che consigli darebbe al nuovo Ministro?

«Io posso dare consigli che si basano su conoscenze dirette per quanto riguarda l’oncologia. Ritengo che un aspetto importante che il Ministro dovrebbe prendere in considerazione è quello di battersi affinché in tutte le Regioni si attuino le reti oncologiche regionali perché solo attraverso la presa in carico complessiva del malato di cancro si può garantire anche attraverso l’accompagnamento del malato nelle varie fasi quelli che sono i migliori trattamenti possibili e anche tener conto che attraverso le reti si garantisce al malato il diritto ad avere i farmaci nel posto giusto, nel momento giusto così come attraverso le reti oncologiche si garantisce al malato di poter accedere a quelle strutture di chirurgia oncologica che hanno un maggior numero di casi trattati e quindi che hanno risultati migliori. Bisogna chiudere una serie di ospedali, soprattutto in quelle parti che riguardano patologie neoplastiche complesse come il pancreas, il fegato: abbiamo il 20% delle strutture in tutta Italia che operano meno di cinque casi per anno. Evidentemente in questi ospedali i malati vanno ma il risultato è di gran lunga inferiore a quello che potrebbero avere altrove. Quindi per i malati di cancro questo è un aspetto di fondamentale importanza: io spero che il Ministro guardi con particolare attenzione alla diffusione del bell’esempio che c’è in Piemonte e anche in Toscana e Emilia Romagna nelle altre Regioni del sud».

LEGGI ANCHE: RICERCA ONCOLOGICA, FEDERICA MAZZUCA VINCE IL PREMIO ROMA: «CI VUOLE TANTA ENERGIA, DETERMINAZIONE ED ENTUSIASMO»

La diseguaglianza nella sanità tra diverse Regioni e tra nord e sud del Paese è ormai un dato di fatto. Lei che ne pensa?

«Io credo il Titolo V abbia veramente creato 20 diversi sistemi sanitari regionali. Facevo l’esempio dell’AIFA, una agenzia nazionale. Ha per legge anche la rappresentanza delle Regioni, sono ben 5 gli assessori regionali all’interno dell’AIFA. Non è sopportabile che a fronte delle decisioni che l’AIFA assume per il rimborso dei farmaci poi ci siano le Regioni che valutino ancora una seconda volta se quel farmaco debba o meno andare nel prontuario regionale. Questo comporta ritardi che sono in contrasto con il diritto ad avere un trattamento terapeutico immediato. In Calabria, dove le commissioni per la revisione del prontuario si riuniscono una o due volte all’anno, i malati aspettano un anno per avere dei nuovi farmaci. Tutto questo è un aspetto che va sanato. Se l’Agenzia nazionale approva dei farmaci, questi vanno approvati immediatamente e somministrati ai malati ovunque essi risiedano: non è possibile che ci sia la fortuna di vivere in una Regione dove si è più o meglio curati rispetto ad altri che vivono in altre Regioni. Il diritto ad una uguale assistenza è un fatto fondamentale, per questo bisogna intervenire con i poteri sostitutivi. Io non sono contro le Regioni, ma se c’è una Regione nella quale i LEA non vengono applicati correttamente e non c’è l’assistenza domiciliare o le cure palliative, beh lì perché devono soffrire famiglie e malati? Deve intervenire lo Stato per dire: i soldi ce l’hai, devi fare necessariamente questo tipo di trattamento. Se non si fa questo rispetto a una regionalizzazione così spinta come in Italia (solo la Spagna è come l’Italia in tutta Europa) c’è il rischio che il cittadino che vive in una Regione abbia un trattamento totalmente diverso e allora così non viviamo più in un Paese unico. Altro che universalismo. Corriamo il rischio di andare ad una forma di disparità e diseguaglianze che penalizzano sempre di più i malati».

LEGGI ANCHE: IMMUNOTERAPIA ONCOLOGICA, GARASSINO (ISTITUTO TUMORI MILANO): «SFATIAMO IL MITO: IN ITALIA LA RICERCA È AD ALTISSIMI LIVELLI»

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Oncologia e radioterapia: Roberto Giacobbo presenta a Milano “La Notte della Scienza”
Il giornalista terrà una lectio magistralis toccando i momenti chiave che hanno caratterizzato l’evoluzione scientifica e tracciando il futuro della medicina oncologica attraverso le cure all'avanguardia offerte dalla radioterapia
Stefano Vella racconta la sua “rabbia”: «Lasciare Aifa scelta dolorosa, ma difendere salute globale del futuro inizia dalla cura dei migranti»
VIDEO INTERVISTA | L’ormai ex presidente dell’Agenzia del Farmaco a qualche giorno di distanza dalla sua irrevocabile lettera di addio ad una delle cariche più prestigiose e ambite della sanità italiana ha ritrovato il filo dei pensieri e accetta di parlare della sua esperienza in AIFA e delle prospettive dell'agenzia e della scelta delle dimissioni come di una pagina dolorosa da superare in fretta per tornare a dedicarsi alla ricerca.
Aifa, Ministero Salute propone Luca Li Bassi come direttore generale. Grillo: «Riporto in Italia un cervello in fuga»
Il nome del chirurgo milanese sarà sottoposto alla Conferenza Stato-Regioni. Per lui una lunga carriera internazionale. Il Ministro: «Tra i primi compiti quello di garantire a tutti i pazienti i trattamenti innovativi che la ricerca mette a disposizione»
Nave Diciotti, De Martini (Lega): «Da medico dico basta strumentalizzazioni. Garantite cure a migranti, mentre i malati italiani…»
L’oculista eletto in Sardegna per il partito di Salvini replica a quanti hanno polemizzato con la gestione sanitaria della vicenda e ricorda: «Perché nessuno si indigna per i cittadini che arrivano da noi medici piangendo perché non hanno soldi per medicine?». Poi promette l’impegno per la sanità della sua Regione: «Siamo passati da otto Asl a un unico Ats, peggioramento evidente. Ora invertire tendenza»
Aifa senza vertici a settembre? Il ministero della Salute: «Presto indicazione nuovo Dg. Operatività Agenzia garantita»
Dopo le dimissioni del presidente Stefano Vella e l'imminente scadenza del mandato dell'attuale Direttore generale Mario Melazzini, le associazioni di pazienti temono l'impossibilità di ottenere autorizzazioni necessarie per alcuni farmaci. Ma il ministero le tranquillizza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...