Politica 30 maggio 2018

«Assunzioni e riorganizzazione degli ospedali. Così farò ripartire la sanità del Molise». L’intervista al neo-Presidente Toma

«Vorremmo portare i DEA di II livello a Campobasso e di I livello nei poli ospedalieri Venafro-Isernia e Larino-Termoli. Necessario, poi, migliorare la struttura di Agnone». Il programma sanitario del Governatore della Regione Molise Donato Toma

«Il diritto alla salute da troppo tempo non trova tutele adeguate per i cittadini molisani». Esordiva così la voce “sanità” del programma per le elezioni regionali del Molise di Domato Toma, della coalizione di centro-destra. Un programma in cui la sanità figurava al secondo punto, e che lo ha portato a vincere e ad essere eletto Presidente della Regione. Adesso, Toma punta ancora sulla sanità del Molise, tanto da decidere di mantenerne la competenza e di curarle in prima persona.

«Dobbiamo far ripartire la sanità del Molise – ha dichiarato ai nostri microfoni – specialmente nelle aree interne e nelle zone disagiate. In particolare, abbiamo una situazione di riduzione degli ospedali cui dobbiamo porre rimedio: abbiamo un DEA (Dipartimento d’Emergenza e Accettazione) di primo livello a Campobasso; Venafro-Isernia e Larino-Termoli sono ridotti a centri di intervento di area; la struttura di Agnone, infine, deve essere migliorata per far sì che possa accogliere i pazienti di quell’area».

LEGGI ANCHE: LAZIO, ZINGARETTI: «COSTRUIAMO IL NUOVO MODELLO SANITARIO INSIEME ALLE OPPOSIZIONI»

C’è molto su cui lavorare per la sanità del Molise, quindi, ma il programma di Toma è chiaro, anche se «non dobbiamo nasconderci dietro facili promesse», si legge nel programma. L’obiettivo è conservare gli attuali quattro poli ospedalieri, istituire un polo clinico universitario a Campobasso e richiedere un ospedale DEA di II livello per Regione. Se il DEA di I livello garantisce, infatti, le funzioni di osservazione, breve degenza e di rianimazione e assicura interventi diagnostico-terapeutici di medicina generale, chirurgia generale, ortopedia e traumatologia e cardiologia, l’ospedale sede di DEA di II livello assicura anche le funzioni di più alta qualificazione legate all’emergenza, tra cui la cardiochirurgia, la neurochirurgia, la terapia intensiva neonatale, la chirurgia vascolare e la chirurgia toracica.

«È necessario che in ogni Regione – dichiara Toma – ci sia un DEA di II livello, a prescindere dal numero di abitanti. Vorremmo quindi portarne uno a Campobasso e introdurre il DEA di I livello nei poli ospedalieri Venafro-Isernia e Larino-Termoli. Non so se ci riusciremo – specifica – ma sicuramente ci proveremo in tutti i modi».

Altro nodo importante è quello del personale sanitario: «Stiamo valutando la stabilizzazione del personale sanitario ed è stato emanato un concorso, nei confronti del quale ci sono stati dei ricorsi di cui attendiamo gli esiti. Ma continueremo su questa scia». Inoltre, rientrano nel programma lo snellimento delle procedure di accesso ai servizi, la riduzione dei tempi di attesa, il potenziamento del personale di Pronto soccorso e la riapertura dei reparti che sono stati chiusi, in modo da «far sentire i cittadini sicuri, in qualsiasi zona del Molise si trovino».

Il Presidente Toma ci tiene a sottolineare, infine, uno dei fiori all’occhiello della sanità del Molise, che accoglie pazienti provenienti anche dalle Regioni limitrofe: l’hospice Madre Teresa di Calcutta di Larino, che nel 2011 ha vinto il premio “Gerbera d’oro”. Un riconoscimento che, in occasione della “Giornata nazionale del sollievo”, premia una struttura sanitaria distintasi nell’affrancamento dal dolore inutile, alleviando la sofferenza con terapie e sostegno psicologico e attraverso un processo di umanizzazione delle cure. «L’hospice di Larino è un’eccellenza per noi e vorremmo, attraverso la collaborazione del Direttore Flocco, migliorare la rete domiciliare su tutta la Regione», conclude Toma.

Articoli correlati
OMS premia ospedale da campo del Piemonte, la ‘cittadella della salute’ pronta ad operare in scenari difficili
Conferimento durante la 68esima sessione del Regional Committee for Europe. Il direttore della Maxiemergenza 118 Mario Raviolo: «Siamo gli unici in Italia ad avere la certificazione di secondo livello, sono nove in tutto il mondo»
«Con flat tax e reddito di cittadinanza servizi sanitari a rischio». Parla la responsabile Salute PD Marina Sereni
«Dai vicepremier mai una parola per più risorse nella sanità». Così l’ex vicepresidente della Camera che poi torna sul tema dei vaccini: «Con autocertificazione strizzano occhio a movimento no vax»
Assemblea OMS, Bartolazzi (Sott. Salute): «Ottimizzare risorse per sostenibilità SSN. Intervento su ticket per ridurre spesa out of pocket»
Il Sottosegretario alla Salute ha presieduto la sessione inaugurale dell’evento a cui presenziano 53 ministri da tutta Europa. «Aumento alcol e fumo tra giovani preoccupa»
A Bari Giornata contro violenza operatori sanitari. Questionario FNOMCeO: 50% medici aggredito in ultimo anno
Tra i camici bianchi prevale rassegnazione e sfiducia. I dati del sondaggio preoccupano il Presidente Filippo Anelli: «Questo porta con sé gravi effetti collaterali come la mancata denuncia alle autorità, l’immobilismo dei decisori, ma anche il burnout dei professionisti, con esaurimento emotivo»
Stretta a spot e cibi grassi da distributori: nuove misure contro obesità infantile. D’Arrando (M5S): «Serve educazione alimentare»
Nel testo della risoluzione presentata in Commissione Affari Sociali l’idea di vietare l'utilizzo dei personaggi dei cartoon e delle trasmissioni televisive per promuovere il cibo ad alto contenuto di grassi, zuccheri e sale. E poi l’ipotesi di etichette che indichino il rischio obesità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...