Politica 17 novembre 2016

OPINIONE | Alessandro De Angelis (Huffington Post): «Sanità, le ragioni del mio No»

Il notista politico della testata on line: «Un pasticcio. La parola magica, per capire l’impatto della riforma su ambiti cruciali come sanità e tutela della salute è “ricentralizzazione”. Le Regioni restano dei grandi centri di spesa ma vengono svuotate di contenuti»

di Alessandro De Angelis

alessandro-de-angelisPer capire il “pasticcio”, ovvero l’impatto della riforma sulla Sanità, oggi in capo alle Regioni, occorre partire da Palazzo Madama. Perché il Senato, presentato nella riforma come il Senato delle autonomie, di potere sulle autonomie ne ha poco. Anche se sarà formato da consiglieri regionali e sindaci che, una volta varcata la soglia, beneficeranno dell’immunità parlamentare. Il che non è un dettaglio, considerato che le Regioni – principali “centri” di spesa pubblica – sono state in questi anni anche i principali “centri” di scandali e inchieste. Proprio l’attuale “carica dei 102” (tanti sono gli indagati nelle attuali Regioni) nominerà i nuovi senatori senza alcun criterio vincolante: le modalità di elezione dei nuovi Senatori saranno stabilite in un futuro incerto e affidate a leggi regionali. Tradotto: fino al 2023 ci saranno Senatori nominati dagli attuali consigli. I Senatori delle autonomie si occuperanno poco delle autonomie e del loro governo, nel senso di regole e potere sulla capacità di spesa. Ugo De Siervo, ex presidente della Corte Costituzionale, spiega: «Appare davvero strano che il nuovo Senato si debba occupare di politica comunitaria ma non di come si suddividono i poteri e i finanziamenti tra Stato e Regioni».

La parola magica, per capire l’impatto della riforma su ambiti cruciali come sanità e tutela della salute, è “ricentralizzazione” rispetto alla costituzione odierna. Oggi, lo Stato ha solo la competenza sulla “definizione dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che devono essere garantiti sull’intero territorio nazionale” (2° comma, art. 117 Cost.), oltre alla fissazione dei principi fondamentali della materia sulla “tutela della salute” (3° comma, art. 117 Cost.), mentre tutto quanto attiene all’organizzazione sanitaria rientra nelle competenze regionali. La riforma cambia radicalmente questa impostazione. Elimina la competenza concorrente, ritenuta fonte di contenzioso tra Stato e Regioni, e centralizza in capo allo Stato tutte le materie di competenza concorrente, compresa la “tutela della salute”, settore nel quale il legislatore nazionale sarà sovrano. Un’impostazione frutto anche del mutato clima politico, passato in un decennio dalla moda federalista, ai tempi della Padania di Bossi, a quella centralista (anche Salvini ora tenta la via di una Lega nazionale).

Per parecchi costituzionalisti, questa centralizzazione avverrebbe in maniera eccessiva. Sostiene De Siervo: «Mentre finora le Regioni manterrebbero alcuni loro spazi legislativi ed organizzativi, ora le disposizioni generali e comuni potrebbero limitare pienamente i poteri delle regioni in materia e addirittura far rinascere una forte burocrazia statale. Poi, e qui siamo davvero al paradosso, questa ricentralizzazione non si applicherebbe alle regioni a Statuto speciale, che vengono spesso identificate come quelle più discutibili». Detta in modo grezzo, Emilia e Lombardia vengono trattate come grandi province e peggio che la Sicilia e la Sardegna, i cui sistemi sanitari sono notoriamente più carenti. Ricapitolando. I consiglieri regionali, elevati a rango di Senatori del Senato delle autonomie, non hanno poteri sulle autonomie. Al tempo stesso, queste restano dei grandi centri di spesa, con le loro burocrazie e i loro costosi contenitori, ma vengono svuotate di contenuti. Un po’ come le Province e un po’ come il Senato. Per togliere potere reale alle Regioni, l’alternativa sarebbe stata accorparle in macro-aree, ma presumibilmente il processo avrebbe alimentato resistenze dei ceti politici e dei loro apparati. Si è scelta un’altra via, che porta ad ingrossare il livello burocratico statale.

Questo intervento è tratto dalla testata Consulcesi News, n. 1, Anno 3° Ottobre 2016

 

Articoli correlati
Referendum, l’Italia ha detto No. Quale futuro per la sanità?
A rischio Lea, Ddl Gelli, rinnovo contratti e convenzioni SSN. Con il No al Referendum si aprono nuovi scenari per la sanità. Tante le domande in attesa di risposta
Referendum e sanità: perché Sì? L’opinione di Gelli e De Vincenti
A pochi giorni dal voto continua il confronto tra le i sostenitori del Sì e quelli del No. Il Responsabile Sanità del Pd: «Addio alle differenze tra Regioni e livelli essenziali di assistenza più omogenei». Il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio: «Caposaldo della Riforma è una tutela sanitaria uguale per tutti»
OPINIONE | Claudio Cerasa (Il Foglio): «Sanità, le ragioni del mio Sì»
Il direttore del quotidiano: «Se vince il Sì cambia qualcosa e cambia in meglio. Se vince il No non cambia niente. Ed è complicato dire che questa sarebbe una buona notizia per il Paese»
di Claudio Cerasa
INTERVISTA | D’Alema: «No ad una riforma che indebolisce il sistema sanità»
L’ex Premier Massimo D’Alema sulla riforma: «Una scelta che toglie potere alle Regioni e lascia poco margine d’azione ai cittadini. L’esecutivo diventa il centro assoluto, non ci sarà più un corretto bilanciamento fra le funzioni»
INTERVISTA | Lorenzin: «Un voto per il futuro, il Sì del cambiamento per la sanità»
Il ministro Lorenzin sul referendum costituzionale: «Serve un livello assistenziale uguale per tutti. La riforma non uccide il federalismo ma lo rende vero e attuale. Non è giusto che a pagare il prezzo dell’inefficienza siano i cittadini»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Formazione

Test medicina: proteste davanti atenei. Ben 124 i posti in meno rispetto al 2016, arriva interrogazione parlamentare

Anche quest’anno al via i test d’ingresso per le facoltà a numero chiuso. Ad aprire le danze Medicina e odontoiatria con 67mila domande d’iscrizione e 124 posti in meno rispetto al 2016. Intant...