Politica 13 maggio 2014

Numero chiuso e specializzazioni, soluzioni a confronto per uscire dall’impasse

Il ministro Giannini guarda al sistema francese mentre Anaao propone un registro per la programmazione

Immagine articolo

L’ accesso alle facoltà di Medicina e, successivamente, alle scuole di specializzazione è una partita che si gioca su due fronti: da un lato c’è l’esigenza di regolare con criterio il flusso di aspiranti medici affinché questi, una volta concluso il percorso di studi, possano agevolmente essere inseriti nel mondo del lavoro; dall’altro, invece, c’è la necessità di ottimizzare i parametri di accesso e di selezione.

In prima linea il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini che strizza l’occhio ad una soluzione già in uso dai cugini d’Oltralpe. In Francia, infatti, la selezione non viene operata in partenza, ma dal secondo anno in poi: solo gli studenti che superano il primo anno di corso con risultati soddisfacenti possono continuare il percorso di studi in Medicina. L’abolizione dei test è un’idea che lascia perplesso il senatore Amedeo Bianco, presidente FNOMCeO, per il quale “bisogna evitare un rimedio peggiore del male: come potrebbero le Università italiane accogliere un simile bacino d’utenza? E soprattutto, su quali basi si effettuerebbe la selezione?”

Una quadratura del cerchio è necessaria anche per risolvere il problema dell’accesso alle scuole di specializzazione: quest’anno, ad esempio, a fronte dei 10mila studenti in entrata a Medicina, in uscita c’è posto soltanto per 3500 specializzandi.  In sostanza, oltre due terzi dei medici italiani si troverebbe inoccupato e, stando alle statistiche, con buone probabilità andrebbe ad aumentare le già corpose fila dei giovani camici bianchi nostrani emigrati all’estero. Sul tema è forte la presa di posizione di Anaao Assomed, il sindacato dei medici ospedalieri che, tramite una petizione su change.org, chiede l’istituzione di un registro nazionale e pubblico di tutti i medici specialisti con l’obiettivo di una corretta programmazione del numero chiuso e dei contratti di formazione specialistica. Per il consigliere Anaao Domenico Montemurro, infatti, il nodo “non è nella selezione, ma nel sapere di quante e quali forze dispone il sistema salute, quanti escono e quanti, di conseguenza, dovrebbero entrare”.

Proposte sensate, ognuna con relativi pro e contro, nel tentativo di domare una diatriba che ogni anno, a ridosso delle inevitabili polemiche e irregolarità denunciate ai test d’ammissione, infiamma gli animi, istituzionali e non.

Articoli correlati
Numero chiuso, pubbliche graduatorie anonime. Idonei 40.447 candidati su 59.743, passa il 67,7% del totale
La percentuale di idonei più alta (78,47%) si è registrata a Pavia. Il punteggio più alto (84,3) è stato conseguito a Verona. Per i risultati nominali bisognerà attendere il 28 settembre
Numero chiuso, candidati: «Far emergere anomalie per evitare che si ripetano». E intanto pubblica graduatoria anonima
«Per i non ammessi alla facoltà di Medicina e Chirurgia la possibilità di presentare un ricorso è un diritto-dovere». La voce dei concorrenti dell’università Federico II di Napoli
di Isabella Faggiano
Test Medicina, i genitori contestano il numero chiuso: «Sia creato sbarramento durante il corso di studi»
Tanti i genitori degli aspiranti camici bianchi davanti l'Università Federico II di Napoli il giorno della prova. E c'è chi sottolinea: «Se un ragazzo è bravo deve avere la possibilità di poterlo dimostrare non in un test che dura poco più di un’ora»
di Isabella Faggiano
Numero chiuso, irregolarità? Avvocato Saurini (Consulcesi): «Vogliamo realizzare sogno di tanti giovani»
«Violazioni dell’anonimato, utilizzo di telefonini: tutti gli anni purtroppo si ripetono difformità materiali e burocratiche, ecco cosa fare» così Sara Saurini, legale del network di riferimento per la tutela dei medici
Contratto, parla Carlo Palermo (Anaao): «Per firmare va sbloccata Retribuzione Individuale di Anzianità. Ecco come fare…»
Dai nodi da scogliere per arrivare a sbloccare il contratto alle soluzioni per rispondere alla carenza di specialisti, passando per le “autodimissioni” dei medici ospedalieri fino al taglio delle pensioni d’oro: l’intervista a tutto tondo al segretario nazionale di Anaao Assomed
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...