Politica 24 ottobre 2017

Legge Gelli: prime applicazioni giurisprudenziali. Gaudio, Rettore Sapienza: «Finalmente medico torna a fare il medico»

«La Legge Gelli ha determinato anche un grosso risparmio per il sistema, la medicina difensiva ha dei costi notevoli ed è un bene che si esca da questo terreno paludoso» lo dichiara Eugenio Gaudio, Magnifico Rettore dell’Università Sapienza di Roma

«Finalmente si esce da quel terreno paludoso della medicina difensiva, ecco il medico può tornare serenamente a fare la sua professione e dedicarsi al paziente a 360°» lo dichiara Eugenio Gaudio, Magnifico Rettore dell’Università Sapienza di Roma in occasione dell’incontro sul rischio clinico e l’attuazione della Legge Gelli organizzato di recente nelle sedi universitarie.

«La legge è un importante passo avanti perché si esca da una medicina difensiva che preoccupa il medico e di fatto lo porta a non fare scelte in piena libertà di coscienza e di non prendere sostanzialmente in carico i problemi del paziente ma attenendosi a linee guida e comportamenti stereotipati e poco produttivi» denuncia il Rettore sottolineando il concetto di ‘deresponsabilizzazione’ che le medicina difensiva in questi anni «ha generato».

«Noi tutti, cittadini e istituzioni vogliamo un medico responsabile che non abbia paura di fare il proprio mestiere e di esprimere fino in fondo la propria responsabilità nei confronti del paziente – prosegue -. Questa legge è decisiva in questo senso anche se dobbiamo attendere i decreti attuativi e poi l’applicazione dei risultati effettivi. Tuttavia mi auguro veramente che sia un passo avanti anche dal punto di vista della sostenibilità economica, perché la medicina difensiva è anche un grosso costo per la sanità».

Sul fronte dell’operatività della legge Gelli, Gaudio sottolinea che in Italia «la giurisprudenza è molto sofisticata: abbiamo tribunali fatti da giudici molto preparati che studiano tutti i cavilli delle varie situazioni, bisogna vedere se ci sarà una omogeneità di applicazione e soprattutto un’applicazione che rassicuri i medici mettendoli in condizione di fare serenamente il proprio dovere, me lo auguro».

LEGGI ANCHE: RESPONSABILITÀ SANITARIA: OLTRE 30MILA CONTENZIOSI ALL’ANNO. SALE A 50MILA EURO LA MEDIA DEI RISARCIMENTI

Articoli correlati
Il medico è responsabile per l’omessa o incompleta informazione anche se il paziente era consapevole delle conseguenze della terapia?
La Corte di Cassazione con la sentenza 7516 del 27 marzo 2018 ha specificato che il medico non può astenersi dall’informare un paziente anche quando quest’ultimo abbia le conoscenze mediche necessarie per conoscere i rischi di una terapia (nel caso di specie si trattava di un’infermiera che svolgeva le sue mansioni proprio nel reparto dell’ospedale […]
Legge Gelli: identikit del medico a rischio contenzioso. Ortopedici e ginecologi nel mirino, i più prudenti sono maschi e del Nord
Gli attesi decreti attuativi in materia assicurativa chiuderanno il cerchio normativo della Legge Gelli. Intanto medici e strutture sanitarie “affrontano il risk” puntando sulla formazione. Paola Frati, professore ordinario di Medicina legale presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”: «Adeguata e continua formazione dei professionisti sanitari è snodo centrale della nuova legge»
“Heart Navigator”, il 19 marzo all’Umberto I l’inaugurazione della nuova macchina di emodinamica
È una macchina innovativa, la seconda in Italia con queste caratteristiche, un ibrido di emodinamica ed ecocardiografia. Sarà inaugurata lunedì 19 marzo nel Padiglione 8 del Dipartimento di Scienze cardiovascolari del Policlinico Umberto I di Roma “Heart Navigator”.  Alla cerimonia saranno presenti il presidente della Fondazione Roma, Emmanuele Francesco Maria Emanuele; il rettore della Sapienza, Eugenio Gaudio; […]
Legge Gelli, De Vincentiis (Otorino): «Necessario scoraggiare medicina difensiva durante formazione specialisti»
Secondo il professore «I giovani hanno un approccio “spaventato” ma seguendo linee guida e buone pratiche si possono evitare errori». Dello stesso parere anche il collega Massimo Ralli: «Aggiornarsi è indispensabile per adeguare il proprio operato»
Elezioni, Regimenti (Lega): «Formazione professionale continua e lotta al precariato le mie priorità»
La presidente dell’associazione Medicina Legale Contemporanea è in corsa nel collegio senatoriale Fiumicino – Ostia – Ciampino. «La presenza di medici in Parlamento può migliorare la sanità italiana», afferma a Sanità Informazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Nuovi LEA, assistenza psicologica diventa diritto. Lazzari (CNOP): «Svolta per professione e cittadini»

«Grazie ai nuovi Livelli Essenziali di Assistenza, il supporto psicologico sarà garantito». Con Davide Lazzari, coordinatore della Task Force sui LEA, istituita dall’Ordine degli Psicologi, riper...
di Isabella Faggiano
Salute

Carenza medici, Anaao: «35mila specialisti via nei prossimi cinque anni». Biasci (FIMP): «Pediatri a rischio, servono risorse e strutture»

Studio rivela: dai cardiologi ai ginecologi, dieci specializzazioni a rischio estinzione. Palermo: «Aumentare le borse di studio o far accedere i giovani medici al Ssn dopo la laurea». Il Presidente...
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Lavoro

Medici in pensione, liquidato il primo cumulo e gli aumenti per inflazione. Ecco quanto crescono gli assegni

L’Enpam comunica che appena le autorità vigilanti daranno il via libera arriveranno gli adeguamenti scattati dal primo gennaio con tutti gli arretrati. Intanto arriva la liquidazione della prima pe...