Politica 17 novembre 2016

INTERVISTA | Lorenzin: «Un voto per il futuro, il Sì del cambiamento per la sanità»

Il ministro Lorenzin sul referendum costituzionale: «Serve un livello assistenziale uguale per tutti. La riforma non uccide il federalismo ma lo rende vero e attuale. Non è giusto che a pagare il prezzo dell’inefficienza siano i cittadini»

Referendum costituzionale, il 4 dicembre si vota per il Sì e per il No. Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ai microfoni di Sanità Informazione commenta il voto e i nuovi rapporti che si instaurerebbero, soprattutto in materia sanità, tra Stato e Regioni.

Ministro, in che modo la riforma della Costituzione cambierebbe la sanità?

«Questa Costituzione incide sulla vita di tutti. Con la riforma del titolo V, a cui si imputa da sempre la responsabilità delle problematiche in materia sanità, qualcosa cambierà. Il voto è per il nostro futuro: la scelta per un cambiamento. Riguardo la materia concorrente, cioè quando sulla stessa questione Regioni e Stato esprimono la loro opinione, si verificano veti e i contro veti che hanno finora caratterizzato il sistema sanitario almeno negli ultimi 17 anni. Con il Sì al referendum le funzioni di programmazione spetteranno in modo esclusivo allo Stato insieme alle disposizioni generali per il bene comune e la tutela della salute. Le Regioni si occuperanno, invece, di organizzazione. Le disposizioni le darà lo Stato, dettando quindi anche l’indirizzo generale per garantire l’accesso alle prestazioni in modo uguale a tutte le Regioni. Questo permetterà di assicurare lo stesso livello di qualità di assistenza. Questa dinamica, ad oggi, viene attuata con grande fatica e tutto deve sempre essere approvato d’intesa. Senza l’applicazione dei LEA, lo Stato ha pochissimi strumenti con cui intervenire per poter esercitare un diritto sostitutivo, cosa che invece potrà fare se passa la riforma costituzionale. Volendo fare un esempio concreto, se una persona ha il diabete e ce l’ha in una Regione in piano di rientro o una Regione del nord, con la riforma costituzionale ha diritto ad avere accesso allo stesso livello di prestazione, di diagnosi, di terapia, di device che potrà utilizzare ad uno stesso livello, che è un livello alto. Le Regioni  virtuose e efficienti potrebbero avere delle deroghe in più. Questa non è una riforma che uccide il federalismo, ma lo rende vero, attuale. Insomma chi può fare di più può farlo, ma gli altri non devono fare di meno e il prezzo delle inefficienze non lo devono pagare i cittadini».

Nel recente appuntamento “Insieme Sì Cambia per la Sanità” a cui ha partecipato insieme al ministro dell’Interno Angelino Alfano e al ministro per gli Affari Regionali Enrico Costa, è stato messo in evidenza quanto la riforma proposta dal referendum possa incidere sul rapporto tra Stato e Regioni proprio nell’ambito sanitario. 

«La maggior parte del contenzioso e delle norme che vengono impugnate per un eccesso di competenze da parte delle Regioni riguarda proprio la sanità, ma c’è anche il tema delle professioni sanitarie. Su questo tema ci sono, infatti, dei casi in cui quando in una Regione viene appunto disciplinata una professione sanitaria, non è detto che questa valga anche per le altre Regioni. Ne consegue che quella determinata professione può essere esercitata limitatamente. Questo chiaramente genera una enorme confusione. La riforma costituzionale interviene proprio su questo disordine, rendendo il percorso più agile, veloce e snello anche per semplificare la vita quotidiana dei cittadini».

Lei ha definito il Sì “un voto politico nel senso buono del termine”. Perché?

«Si tratta del voto per il nostro futuro e in questo senso è prettamente politico: è la scelta rispetto ad un cambiamento. Io spero che i cittadini sappiano bene cosa votare, bisogna leggere bene la riforma costituzionale e prendere una scelta libera ma cosciente».

Articoli correlati
Il 14 giugno sarà il World Blood Donor Day: in Italia, mai così pochi donatori in 10 anni
Continua a calare nel 2017 il numero dei donatori di sangue in Italia, dopo aver già toccato il record negativo dal 2009 lo scorso anno. Lo certificano i dati raccolti dal Centro Nazionale Sangue e presentati – insieme a una campagna di sensibilizzazione realizzata con il CIVIS, il Coordinamento delle Associazioni di volontari del dono […]
Ricciardi, le idee per il governo: «Sostenibilità Ssn a rischio. Fare scelte importanti per non creare cittadini di serie A e B»
Il Presidente dell'Istituto Superiore di Sanità sottolinea: «Puntiamo a prevenzione e diagnosi altrimenti curare bene tutti gli italiani sarà una sfida difficile da sostenere»
Rapporto Istat, Italia divisa in due: 1 su 4 da Sud a Nord per curarsi. A Bolzano in salute fino a 70 anni
Il documento annuale dell’Istituto di Statistica sottolinea che gli italiani si collocano al di sotto della media europea quando si considera la qualità degli anni vissuti. Molise, Basilicata e Calabria regioni con più alto tasso di mobilità ospedaliera
Fascicolo sanitario elettronico, Moruzzi (Assinter): «Ancora disparità tra Nord e Sud Italia. Regioni si adeguino»
«Undici regioni operative, nove in ritardo sull'implementazione del fascicolo; per superare questa frammentazione, proponiamo una collaborazione interregionale attraverso le nostre società in-house». L'intervista a Mauro Moruzzi, Responsabile scientifico eHealth Assinter Academy
Screening neonatali, completata la mappatura italiana dei Centri. Del Favero (ISS): «Pronti ad applicare la Legge»
«Tutto questo possibile grazie alla collaborazione preziosa delle Regioni. L’organizzazione messa in piedi ha funzionato come una vera e propria squadra a servizio della salute» dichiara Angelo Del Favero, Direttore Generale dell’Istituto Superiore di Sanità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Leucemia infantile, tra le cause anche la mancata esposizione ai microbi. La ricerca pubblicata su Nature

Il Professor Greaves, autore dello studio: «L’incidenza della leucemia linfoblastica acuta infantile è maggiore nei Paesi sviluppati, non a causa di onde elettromagnetiche o agenti chimici, ma deg...