Politica 17 novembre 2016

INTERVISTA | Lorenzin: «Un voto per il futuro, il Sì del cambiamento per la sanità»

Il ministro Lorenzin sul referendum costituzionale: «Serve un livello assistenziale uguale per tutti. La riforma non uccide il federalismo ma lo rende vero e attuale. Non è giusto che a pagare il prezzo dell’inefficienza siano i cittadini»

Referendum costituzionale, il 4 dicembre si vota per il Sì e per il No. Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ai microfoni di Sanità Informazione commenta il voto e i nuovi rapporti che si instaurerebbero, soprattutto in materia sanità, tra Stato e Regioni.

Ministro, in che modo la riforma della Costituzione cambierebbe la sanità?

«Questa Costituzione incide sulla vita di tutti. Con la riforma del titolo V, a cui si imputa da sempre la responsabilità delle problematiche in materia sanità, qualcosa cambierà. Il voto è per il nostro futuro: la scelta per un cambiamento. Riguardo la materia concorrente, cioè quando sulla stessa questione Regioni e Stato esprimono la loro opinione, si verificano veti e i contro veti che hanno finora caratterizzato il sistema sanitario almeno negli ultimi 17 anni. Con il Sì al referendum le funzioni di programmazione spetteranno in modo esclusivo allo Stato insieme alle disposizioni generali per il bene comune e la tutela della salute. Le Regioni si occuperanno, invece, di organizzazione. Le disposizioni le darà lo Stato, dettando quindi anche l’indirizzo generale per garantire l’accesso alle prestazioni in modo uguale a tutte le Regioni. Questo permetterà di assicurare lo stesso livello di qualità di assistenza. Questa dinamica, ad oggi, viene attuata con grande fatica e tutto deve sempre essere approvato d’intesa. Senza l’applicazione dei LEA, lo Stato ha pochissimi strumenti con cui intervenire per poter esercitare un diritto sostitutivo, cosa che invece potrà fare se passa la riforma costituzionale. Volendo fare un esempio concreto, se una persona ha il diabete e ce l’ha in una Regione in piano di rientro o una Regione del nord, con la riforma costituzionale ha diritto ad avere accesso allo stesso livello di prestazione, di diagnosi, di terapia, di device che potrà utilizzare ad uno stesso livello, che è un livello alto. Le Regioni  virtuose e efficienti potrebbero avere delle deroghe in più. Questa non è una riforma che uccide il federalismo, ma lo rende vero, attuale. Insomma chi può fare di più può farlo, ma gli altri non devono fare di meno e il prezzo delle inefficienze non lo devono pagare i cittadini».

Nel recente appuntamento “Insieme Sì Cambia per la Sanità” a cui ha partecipato insieme al ministro dell’Interno Angelino Alfano e al ministro per gli Affari Regionali Enrico Costa, è stato messo in evidenza quanto la riforma proposta dal referendum possa incidere sul rapporto tra Stato e Regioni proprio nell’ambito sanitario. 

«La maggior parte del contenzioso e delle norme che vengono impugnate per un eccesso di competenze da parte delle Regioni riguarda proprio la sanità, ma c’è anche il tema delle professioni sanitarie. Su questo tema ci sono, infatti, dei casi in cui quando in una Regione viene appunto disciplinata una professione sanitaria, non è detto che questa valga anche per le altre Regioni. Ne consegue che quella determinata professione può essere esercitata limitatamente. Questo chiaramente genera una enorme confusione. La riforma costituzionale interviene proprio su questo disordine, rendendo il percorso più agile, veloce e snello anche per semplificare la vita quotidiana dei cittadini».

Lei ha definito il Sì “un voto politico nel senso buono del termine”. Perché?

«Si tratta del voto per il nostro futuro e in questo senso è prettamente politico: è la scelta rispetto ad un cambiamento. Io spero che i cittadini sappiano bene cosa votare, bisogna leggere bene la riforma costituzionale e prendere una scelta libera ma cosciente».

Articoli correlati
Contratto, parla Carlo Palermo (Anaao): «Per firmare va sbloccata Retribuzione Individuale di Anzianità. Ecco come fare…»
Dai nodi da scogliere per arrivare a sbloccare il contratto alle soluzioni per rispondere alla carenza di specialisti, passando per le “autodimissioni” dei medici ospedalieri fino al taglio delle pensioni d’oro: l’intervista a tutto tondo al segretario nazionale di Anaao Assomed
Carenza medici, Bartolazzi (Sott. Salute): «Serve piattaforma per programmare risorse e formazione»
Il Sottosegretario alla Salute Armando Bartolazzi ha concluso in questi giorni una serie di incontri con le organizzazioni sindacali del mondo della sanità per raccogliere proposte sul tema della carenza dei medici. «Si è concluso – scrive Bartolazzi – il secondo ciclo di confronti con le organizzazioni sindacali utile alla definizione della problematica della carenza […]
Concorso per formazione MMG, FNOMCeO e FIMMG contestano la data scelta: «Regioni riaprano il bando o rischio contenziosi»
Ad agosto stabilite 860 borse aggiuntive, ma Conferenza regioni ha lasciato invariata la data del 25 settembre. Anelli: «Ingiustizia nei confronti dei neo abilitati ai quali viene impedito di poter concorrere scegliendo la Regione con un maggior numero di borse disponibili»
Giulia Grillo alle Regioni: presto l’intesa sui piani di efficientamento degli ospedali
Il Ministro ha chiesto al presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome Stefano Bonaccini di accelerare il percorso per migliorare la qualità delle cure. Da un anno il decreto è in stand by
Vaccini, Regioni pronte a ricorrere a Consulta contro rinvio obbligo. Anelli (FNOMCeO): «Parlamento rispetti scienza»
Umbria, Calabria, Campania pronte a varare leggi che mantengano obbligatorietà. Dl Milleproroghe rischia di non essere approvato prima della pausa estiva, potrebbe restare in vigore autocertificazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...