Politica 17 novembre 2016

INTERVISTA | D’Alema: «No ad una riforma che indebolisce il sistema sanità»

L’ex Premier Massimo D’Alema sulla riforma: «Una scelta che toglie potere alle Regioni e lascia poco margine d’azione ai cittadini. L’esecutivo diventa il centro assoluto, non ci sarà più un corretto bilanciamento fra le funzioni»

Il 4 dicembre sarà il giorno della scelta. L’Italia è chiamata al voto sulla riforma Renzi-Boschi. Il fronte del Sì spera in una centralizzazione della sanità per colmare le lacune del malridotto sistema sanitario nazionale su base regionale. Diversa l’opinione per il fronte del No che accusa la riforma di essere solo di facciata e di incoraggiare un centralismo che significherebbe un ritorno al passato. Questa la posizione di Massimo D’alema, uno dei sostenitori più convinti del No alla riforma. L’ex presidente del Consiglio ai nostri microfoni spiega il suo punto di vista.

Il 4 dicembre il Referendum costituzionale, quali le ragioni per votare No?

«Questa riforma è confusa, sbagliata, indebolisce il Parlamento e di conseguenza la sovranità e il controllo dei cittadini. Una Camera sarà nominata dai Consigli regionali, quindi una sorta di Camera di serie B, una sarà nominata in buona parte dai capi dei partiti perché tutti i capilista verranno imposti e saranno eletti d’ufficio, ex-officio. Quindi per i cittadini resterà davvero poco margine d’azione e aggiungo, la cosa che considero più preoccupante, è che questa riforma espropria completamente le Regioni dei loro poteri e questa cosiddetta Camera delle Regioni non ha il potere di discutere il bilancio dello Stato. Per esempio se il Governo decide di tagliare 2 o 3 miliardi destinati al fondo sanitario, cosa di cui si discute e cosa che porterebbe al collasso il Sistema Sanitario Nazionale che vive già grandi difficoltà, lo può fare senza che le Regioni abbiano il potere di porre un veto o di negoziare una scelta diversa. Quindi, quando si dice che questa riforma non rafforza il potere dell’esecutivo non è la verità. In realtà l’esecutivo diventa il centro assoluto non più controbilanciato né da una Parlamento autorevole né da un sistema di Regioni con un potere reale. Ora noi sappiamo quanto la sanità in Italia dipenda dalla forza delle Regioni e se le Regioni non avranno la forza di difendere il fondo sanitario questo si risolverà in un danno molto grave per i cittadini, per la medicina e per i medici».

Articoli correlati
Decreto obbligo, epidemie e la corsa ai centri vaccinali: la situazione città per città
Obbligo vaccini, come si stanno organizzando le Regioni? Le istituzioni scolastiche insieme alle aziende sanitarie locali collaborano per l’assolvimento delle indicazioni dettate dalla Legge. Ecco il quadro della situazione…
Ticket sanitari, il Ministro Lorenzin incontra i Governatori delle Regioni per fare il punto
All’attenzione del Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, la revisione del sistema dei ticket sanitari con l’idea di far pagare un pò di più alle persone più abbienti per garantire l’assistenza a tutti. Lo scrive il Corriere della Sera, spiegando che mercoledì 4 aprile il Ministro Lorenzin ne parlerà con i Governatori delle Regioni che appoggerebbero il […]
Radiazione del medico anti vaccini? “Udienza” all’OMCeO Milano: parla il Presidente Roberto Carlo Rossi
Convocato il medico 'no-vax' e un suo collega con posizioni simili. Il presidente dell’Ordine: «Sul caso specifico non posso esprimermi, ma quando un medico dice che i vaccini generano l’autismo fa un danno rilevante. Puntare su formazione»
Vaccini, in dirittura d’arrivo l’accordo sul Piano. Niente scuola senza coperture: gli obblighi Regione per Regione
In dirittura d’arrivo l’accordo sul Piano Vaccini per rendere obbligatorie tutte le coperture. Molte le Regioni che si sono già mosse, ecco la mappa degli obblighi da nord a sud…
Intersindacale disapprova modalità di calcolo Ministero-Regioni e chiede chiarimento
Nella lettera ai Ministri della Salute e dell'Economia e alle Regioni, l'Intersindacale medica, veterinaria e sanitaria (ANAAO ASSOMED – CIMO – AAROI-EMAC –FVM – FASSID (AIPAC-AUPI-SIMET-SINAFO-SNR) – CISL MEDICI – ANPO-ASCOTI-FIALS MEDICI) ha chiesto un incontro per una puntuale informazione sulla metodologia tecnica utilizzata per calcolare il fabbisogno dei medici, veterinari e sanitari del Ssn. Contestati il metodo e il merito del lavoro del gruppo Ministero-Regioni.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Formazione

Test medicina: proteste davanti atenei. Ben 124 i posti in meno rispetto al 2016, arriva interrogazione parlamentare

Anche quest’anno al via i test d’ingresso per le facoltà a numero chiuso. Ad aprire le danze Medicina e odontoiatria con 67mila domande d’iscrizione e 124 posti in meno rispetto al 2016. Intant...