Politica 28 febbraio 2014

Il nuovo premier Renzi conferma il ministro Lorenzin  e pensa ad un Ssn democratico, trasparente ed innovativo

L’appello dei sindacati: “Basta tagli e soluzioni rapide per  Rc medica e precariato”

Immagine articolo

Non deve essere un lusso, ma uno degli elementi più importanti per garantire una vera cittadinanza così come espresso dalla Costituzione Italiana”. Poco prima di essere eletto segretario del Pd Matteo Renzi aveva contenuto in questa affermazione la sua visione del Servizio Sanitario Nazionale. La sfida, che lanciava alla vigilia del Congresso era quella di un “sistema capace di produrre salute e non sanità, che si liberi dai potentati economici e che abbia il coraggio di investire in sviluppo tecnologico e ricerca”.

Assunta la carica di premier – dopo la staffetta con Letta, consumatasi la scorsa settimana – Renzi dovrebbe insomma imprimere una svolta decisiva alla sanità italiana. L’obiettivo è quello di arrivare ad un Ssn capace di essere universale, democratico, trasparente, innovativo ed efficiente. Una missione che affiderà ancora al ministro Beatrice Lorenzin, unica donna confermata del precedente Esecutivo.

A favore del ministro si erano schierati anche i sindacati con il presidente del CIMO (Coordinamento Italiano Medici Ospedalieri) Riccardo Cassi che aveva sottolineato l’importanza di: “formazione, accesso alla professione e precariato” e sottolineato l’esigenza di approvare “in tempi rapidi una legge sulla responsabilità professionale dei medici”. Il segretario nazionale dell’Anaao Costantino Troise aveva invece posto l’accento in particolare sul precariato, evidenziando che “un governo che vuole rilanciare non può non partire dal rinnovo dei contratti di lavoro”. Dal presidente di Assobiomedica Stefano Rimondi, infine, la richiesta al nuovo esecutivo di evitare innanzitutto “le politiche di spending review all’interno di un comparto che ha già dato al di là dell’immaginabile. E che anzi avrebbe bisogno di più investimenti”.

Dal governo Renzi ci si aspetta insomma quel cambio di passo di un Ssn rimasto impigliato nelle strette maglie di una Finanziaria di grandi sacrifici e frenato, nell’auspicata svolta, da troppi provvedimenti ancora fermi nelle aule del Parlamento. Beatrice Lorenzin che al termine del primo Consiglio dei Ministri aveva parlato di “un cambio di metodo” ha poi aggiunto: “Portiamo avanti il lavoro cominciato in questi mesi, con entusiasmo, impegno e determinazione. Per cambiare l’Italia”.

Articoli correlati
Decreto vaccini: via libera al Senato con 171 sì
Il Decreto Legge sui vaccini incassa il via libera del Senato. Contrari 63 e 19 gli astenuti. Il provvedimento, in scadenza il 6 agosto, ora passa alla Camera. Lorenzin: «Testo modificato ma non depotenziato». Gentiloni: «Un passo avanti per la tutela della salute»
Su quale territorio può operare il medico di base?
L’assistenza medico-generica è prestata dal personale dipendente o convenzionato del servizio sanitario nazionale operante nelle unità sanitarie locali o nel comune di residenza del cittadino, e a nulla rileva il fatto che ciò sia in contrasto con gli accordi collettivi nazionali del 23 marzo 2005 e 29 luglio 2009 i quali prevedono che l’assistenza sanitaria […]
Morbillo, Oms: «43% casi in Europa sono italiani». Lorenzin: «Recuperare intere coorti di bambini non vaccinati»
Mentre l’Organizzazione Mondiale della Salute lancia l’allarme sulla situazione italiana, il Ministro della Salute ribadisce al Senato che la priorità resta immunizzare decine di migliaia di bambini che negli ultimi decenni non sono stati vaccinati
Vaccini in farmacia ed estensione agli operatori sanitari come Ordine del Giorno al Decreto
Mentre si avvicina il via libera del Senato al Decreto, è probabile che la Commissione Bilancio dia parere negativo all’emendamento che prevede l’estensione dell’obbligo agli operatori sanitari. Come già accaduto per la disposizione sulla somministrazione delle vaccinazioni nelle farmacie, potrebbe essere ripresentato come Ordine del Giorno
Il piccolo Charlie cerca cure, Lorenzin: «Dovesse arrivare in Italia, daremmo il supporto necessario»
Il Ministro della Salute chiarisce: «Medici e famiglia faranno le loro valutazioni ma il Governo non dice nulla». Lana (Presidente Unione Forense per i Diritti dell'Uomo): «Scelta drammatica e discutibile quella di porre fine alla vita di un bambino»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...