Politica 28 febbraio 2014

Il nuovo premier Renzi conferma il ministro Lorenzin  e pensa ad un Ssn democratico, trasparente ed innovativo

L’appello dei sindacati: “Basta tagli e soluzioni rapide per  Rc medica e precariato”

Immagine articolo

Non deve essere un lusso, ma uno degli elementi più importanti per garantire una vera cittadinanza così come espresso dalla Costituzione Italiana”. Poco prima di essere eletto segretario del Pd Matteo Renzi aveva contenuto in questa affermazione la sua visione del Servizio Sanitario Nazionale. La sfida, che lanciava alla vigilia del Congresso era quella di un “sistema capace di produrre salute e non sanità, che si liberi dai potentati economici e che abbia il coraggio di investire in sviluppo tecnologico e ricerca”.

Assunta la carica di premier – dopo la staffetta con Letta, consumatasi la scorsa settimana – Renzi dovrebbe insomma imprimere una svolta decisiva alla sanità italiana. L’obiettivo è quello di arrivare ad un Ssn capace di essere universale, democratico, trasparente, innovativo ed efficiente. Una missione che affiderà ancora al ministro Beatrice Lorenzin, unica donna confermata del precedente Esecutivo.

A favore del ministro si erano schierati anche i sindacati con il presidente del CIMO (Coordinamento Italiano Medici Ospedalieri) Riccardo Cassi che aveva sottolineato l’importanza di: “formazione, accesso alla professione e precariato” e sottolineato l’esigenza di approvare “in tempi rapidi una legge sulla responsabilità professionale dei medici”. Il segretario nazionale dell’Anaao Costantino Troise aveva invece posto l’accento in particolare sul precariato, evidenziando che “un governo che vuole rilanciare non può non partire dal rinnovo dei contratti di lavoro”. Dal presidente di Assobiomedica Stefano Rimondi, infine, la richiesta al nuovo esecutivo di evitare innanzitutto “le politiche di spending review all’interno di un comparto che ha già dato al di là dell’immaginabile. E che anzi avrebbe bisogno di più investimenti”.

Dal governo Renzi ci si aspetta insomma quel cambio di passo di un Ssn rimasto impigliato nelle strette maglie di una Finanziaria di grandi sacrifici e frenato, nell’auspicata svolta, da troppi provvedimenti ancora fermi nelle aule del Parlamento. Beatrice Lorenzin che al termine del primo Consiglio dei Ministri aveva parlato di “un cambio di metodo” ha poi aggiunto: “Portiamo avanti il lavoro cominciato in questi mesi, con entusiasmo, impegno e determinazione. Per cambiare l’Italia”.

Articoli correlati
Chikungunya, Ministro Lorenzin: «Fondamentale disinfestazione in tutte le zone a rischio»
Aumentano i casi di Chikungunya, solo nel Lazio 64 casi. Nel frattempo l’Oms pubblica un documento con linee guida e l’Iss conferma il via in tutta Italia alle raccolte straordinarie di sangue
Obbligo vaccini: iniziano le scuole e partono le verifiche. Ecco tutte le novità per rimanere sempre aggiornati
Sono otto milioni gli studenti che tornano tra i banchi: all'avvio dell'anno scolastico scattano anche i controlli vaccini. Ecco il vademecum per genitori e figli per non incorrere in sanzioni
Intervista Lorenzin: «Investire in formazione e informazione. Vinceremo battaglia insieme a pediatri e medici di base»
Il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin parla in occasione dell’approvazione alla Camera della nuova Legge sull’obbligo vaccinale
Decreto vaccini: dopo il via libera al Senato si attende passaggio definitivo alla Camera
«In questa fase il decreto sull'obbligo vaccinale, già approvato dal Senato, non sarà cambiato». Lo afferma il Presidente della Commissione Affari sociali della Camera, Mario Marazziti. In Commissione «c'è un clima di ascolto e non di contrapposizione»
Su quale territorio può operare il medico di base?
L’assistenza medico-generica è prestata dal personale dipendente o convenzionato del servizio sanitario nazionale operante nelle unità sanitarie locali o nel comune di residenza del cittadino, e a nulla rileva il fatto che ciò sia in contrasto con gli accordi collettivi nazionali del 23 marzo 2005 e 29 luglio 2009 i quali prevedono che l’assistenza sanitaria […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Lavoro

Miraggio contratto, Cavallero (Cosmed): «Non giochiamo a Robin Hood. Grave ipotesi di un rinnovo senza aumento alla dirigenza»

Intervista al segretario generale Cosmed Giorgio Cavallero sul rinnovo contrattuale dei medici: «Speriamo che trattativa inizi presto, ma aspettiamo atto di indirizzo e Legge di bilancio. E senza fon...