Politica 28 febbraio 2014

Il nuovo premier Renzi conferma il ministro Lorenzin  e pensa ad un Ssn democratico, trasparente ed innovativo

L’appello dei sindacati: “Basta tagli e soluzioni rapide per  Rc medica e precariato”

Immagine articolo

Non deve essere un lusso, ma uno degli elementi più importanti per garantire una vera cittadinanza così come espresso dalla Costituzione Italiana”. Poco prima di essere eletto segretario del Pd Matteo Renzi aveva contenuto in questa affermazione la sua visione del Servizio Sanitario Nazionale. La sfida, che lanciava alla vigilia del Congresso era quella di un “sistema capace di produrre salute e non sanità, che si liberi dai potentati economici e che abbia il coraggio di investire in sviluppo tecnologico e ricerca”.

Assunta la carica di premier – dopo la staffetta con Letta, consumatasi la scorsa settimana – Renzi dovrebbe insomma imprimere una svolta decisiva alla sanità italiana. L’obiettivo è quello di arrivare ad un Ssn capace di essere universale, democratico, trasparente, innovativo ed efficiente. Una missione che affiderà ancora al ministro Beatrice Lorenzin, unica donna confermata del precedente Esecutivo.

A favore del ministro si erano schierati anche i sindacati con il presidente del CIMO (Coordinamento Italiano Medici Ospedalieri) Riccardo Cassi che aveva sottolineato l’importanza di: “formazione, accesso alla professione e precariato” e sottolineato l’esigenza di approvare “in tempi rapidi una legge sulla responsabilità professionale dei medici”. Il segretario nazionale dell’Anaao Costantino Troise aveva invece posto l’accento in particolare sul precariato, evidenziando che “un governo che vuole rilanciare non può non partire dal rinnovo dei contratti di lavoro”. Dal presidente di Assobiomedica Stefano Rimondi, infine, la richiesta al nuovo esecutivo di evitare innanzitutto “le politiche di spending review all’interno di un comparto che ha già dato al di là dell’immaginabile. E che anzi avrebbe bisogno di più investimenti”.

Dal governo Renzi ci si aspetta insomma quel cambio di passo di un Ssn rimasto impigliato nelle strette maglie di una Finanziaria di grandi sacrifici e frenato, nell’auspicata svolta, da troppi provvedimenti ancora fermi nelle aule del Parlamento. Beatrice Lorenzin che al termine del primo Consiglio dei Ministri aveva parlato di “un cambio di metodo” ha poi aggiunto: “Portiamo avanti il lavoro cominciato in questi mesi, con entusiasmo, impegno e determinazione. Per cambiare l’Italia”.

Articoli correlati
Contratto medici, Coletto (Agenas): «Serve sforzo per rinnovo. Sistema sanitario italiano è quello che costa meno in Europa»
Il presidente dell’Agenzia per i Servizi sanitari Regionali chiarisce: «Gli accantonamenti da parte delle Regioni sono stati fatti, si tratta solo di definire le modalità». Poi sottolinea: «Preparazione dei medici italiani è tra le migliori»
Farmaci Biosimilari, presentato Secondo Position Paper AIFA
«I medicinali biosimilari sono una risorsa terapeutica importante e un’opportunità per contribuire a garantire sempre più la risposta al bisogno di salute emergente. In sinergia con i farmaci biologici possono fornire risposte al problema del sottotrattamento per numerose patologie, garantendo l’accesso alle terapie a un numero sempre maggiore di pazienti» ha dichiarato il Direttore Generale […]
Qual è il trattamento economico e contrattuale attualmente riservato ai medici che svolgono i corsi di specializzazione?
Ai sensi dell’art. 40 del d.gls. 368/99 e successive modifiche ai medici specializzandi è richiesto un impegno per la formazione pari a quello previsto per il personale medico del SSN a tempo pieno, assicurando la facoltà dell’esercizio della libera professione intramuraria, dunque circa 38 ore settimanali. I medici stipulano un contratto di formazione e il […]
Simfer e Anisap: “Grazie all’OMCeO Roma per aver scritto insieme il patto #unitiperlariabilitazione”
La riunione del Comitato Scientifico del Convegno che si è svolto a Roma a fine febbraio si è tenuta presso l’Ordine dei Medici di Roma, circa l’Organizzazione delle Prestazioni di riabilitazione specialistica ambulatoriale nella persona del Prof. Pietro Fiore e Prof. Carlo Damiani  – rispettivamente Presidente e Segretario Regionale del Lazio della Società Italiana di Medicina Fisica […]
Consiglio Fnomceo, Anelli convoca Stati generali professione medica: «Coinvolgiamo società civile e decidiamo il nostro destino»
Il presidente denuncia le disuguaglianze nella salute tra nord e sud: «Come medico non posso accettare che un milione e duecentomila italiani abbiano rinunciato a una terapia o a un esame diagnostico perché non potevano permetterselo». Nel suo discorso un passaggio contro la violenza agli operatori sanitari e contro il ‘gender gap’ che penalizza ancora le colleghe donne
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Nuovi LEA, assistenza psicologica diventa diritto. Lazzari (CNOP): «Svolta per professione e cittadini»

«Grazie ai nuovi Livelli Essenziali di Assistenza, il supporto psicologico sarà garantito». Con Davide Lazzari, coordinatore della Task Force sui LEA, istituita dall’Ordine degli Psicologi, riper...
di Isabella Faggiano
Lavoro

«È il Far West», lo sfogo di una giovane dottoressa “sequestrata” durante una visita

«Mi ha tenuta segregata per due ore brandendo un paio di forbici» la testimonianza di Valentina Nava, medico tirocinante di Pronto Soccorso
Salute

Carenza medici, Anaao: «35mila specialisti via nei prossimi cinque anni». Biasci (FIMP): «Pediatri a rischio, servono risorse e strutture»

Studio rivela: dai cardiologi ai ginecologi, dieci specializzazioni a rischio estinzione. Palermo: «Aumentare le borse di studio o far accedere i giovani medici al Ssn dopo la laurea». Il Presidente...
di Giovanni Cedrone e Serena Santi