Politica 14 giugno 2018

«Diseguaglianze, formazione ed ex specializzandi, le prime sfide del Ministro Grillo». Intervista al Presidente FNOMCeO Filippo Anelli

Tutti i nodi da sciogliere sul tavolo del nuovo Governo: «Un’Italia divisa in due, la fuga di cervelli e una programmazione da riorganizzare: la partita è aperta»

Immagine articolo

Quale sarà l’indirizzo che il nuovo esecutivo sceglierà per mettersi all’opera in campo-politico sanitario è ancora presto per dirlo. Tante ed articolate le questioni irrisolte da portare a compimento o le matasse aggrovigliate da sciogliere. Dalle diseguaglianze tra nord e sud alla fuga di cervelli, dall’annosa questione degli  ex specializzandi alla formazione: un campo di mine da disinnescare dove sapersi muovere con destrezza è la regola fondamentale. Quali sono le aspettative e i vuoti da colmare lo abbiamo chiesto a Filippo Anelli, Presidente della Federazione Nazionale dei Medici.

LEGGI ANCHE: CORRUZIONE IN SANITÀ, MACCHIA (ISPE SANITÀ): «LANCIAMO I LEA, LIVELLI ESSENZIALI ANTICORRUZIONE, PER DIFENDERE IL SERVIZIO SANITARIO»

Presidente Anelli, è arrivato il nuovo governo, un nuovo Ministro della Salute, una prospettiva che guarda avanti su tutti i temi, in particolare sulla sanità, quali le aspettative?

«Abbiamo apprezzato del Ministro Giulia Grillo le dichiarazioni sulle diseguaglianze in Sanità, la presa d’atto di due Italie diverse, di due mondi diversi e la volontà di porre in essere soluzioni e indicazioni per risolvere questo problema, tutte volontà da noi molto apprezzate».

Tantissimi i temi sul tavolo del nuovo Ministro, tante le difficoltà. In particolare la questione annosa degli ex specializzandi: importanti e recenti novità giuridiche riaprono i termini della prescrizione per avere riconosciuto il diritto. Anche questo un tema che dovrà essere affrontato con serietà.

«Abbiamo osservato negli anni scorsi le iniziative parlamentari tese a dare una risposta a questo tema che è caro a tantissimi medici. Ora le interpretazioni sul campo riaprono una prospettiva per un recupero di quelle indennità che erano dovute ai medici e che purtroppo per una serie di ragioni lo Stato italiano non ha riconosciuto».

LEGGI ANCHE: GOVERNANCE FARMACEUTICA, PROVE DI DIALOGO GRILLO-REGIONI. IL MINISTRO: «PRONTA AD INCONTRARE SAITTA»

Anche i temi della formazione sono tra quelli che saranno da affrontare dal nuovo Ministro. La formazione è essenziale per il medico e, di conseguenza, per il cittadino.

«Esiste da sempre uno squilibrio tra il numero dei laureati, le borse di specializzazione e quelle di medicina generale. I numeri non coincidono, la programmazione non è precisa e questo crea un fortissimo disagio oltre a una ingiustizia nei confronti di quei duemila laureati che non possono accedere alle borse. Chiediamo naturalmente al Ministro una maggiore attenzione sul versante della programmazione ma, anche, auspichiamo una maggiore liberalità nel sistema, in modo tale da offrire ai ragazzi soluzioni alternative che consentano in ogni caso la formazione in Italia e non la fuga all’estero».

Non rimane che augurare al nuovo governo buon lavoro?

«Sicuramente, buon lavoro al nuovo governo e auguri alla Ministra Giulia Grillo di un ottimo successo delle sue iniziative».

 

Articoli correlati
Vaccini, Grillo: «Pronto ddl su obbligo flessibile». E difende autocertificazione: «Ci sarà anche nel 2018»
La titolare della Salute conferma: «Prediligeremo il metodo della raccomandazione. Poi campagna di comunicazione». E annuncia misure contro il conflitto di interessi in ambito sanitario
Aggressioni, Cdm approva disegno di legge: prevista aggravante e osservatorio anti-violenza. Grillo: «Segnale forte»
Integrato articolo 61 Codice Penale, basta anche solo minaccia per aggravio pena. Il Ministro: «Primo ma fondamentale passo». Il Guardasigilli Bonafede: «Così tuteliamo al meglio diritto alla salute»
L’INTERVENTO | Nuovi LEA, Cartabellotta (GIMBE): «Senza adeguato finanziamento SSN saranno illusione collettiva»
«L’accessibilità alla maggior parte delle nuove prestazioni è un miraggio, dalle regioni silenzio ‘sospetto’ su copertura economica», il punto di vista del Presidente della fondazione GIMBE
di Nino Cartabellotta
Vaccini, Regioni pronte a ricorrere a Consulta contro rinvio obbligo. Anelli (FNOMCeO): «Parlamento rispetti scienza»
Umbria, Calabria, Campania pronte a varare leggi che mantengano obbligatorietà. Dl Milleproroghe rischia di non essere approvato prima della pausa estiva, potrebbe restare in vigore autocertificazione
«Per contrastare aggressioni a veterinari Ssn non siano inviati da soli ad effettuare interventi di controllo»
di Aldo Grasselli, Presidente FVM – Federazione Veterinari Medici e Dirigenti sanitari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM, dal 2019 scattano i controlli. Anelli (FNOMCeO): «Valuteremo inadempienze». Coletto (Agenas): «Stop a ‘infiltrati’, serve verifica»

È a metà strada il triennio ECM 2017-2019: in aumento il numero di medici e operatori in regola, ma rimangono molti camici bianchi inadempienti. Controlli dal 2019. INTERVISTE AD ANELLI (FNOMCEO) E ...
Salute

Aggressioni al personale sanitario, Flori Degrassi (Asl Roma 2): «Operatori in trincea, minacciati anche con pistole»

«Abbiamo dovuto mettere le barriere al Pronto soccorso del Pertini ma l’interfono ostacola il rapporto tra paziente e operatore sanitario. E, nel nostro lavoro, la comunicazione è fondamentale», ...
Salute

Autismo e nuovi Lea, Marino (Fia): «Ancora due anni per attuazione, ma autistici diventeranno una categoria protetta»

«Grazie ai nuovi Lea i pazienti autistici potranno finalmente ricevere l’assistenza adeguata alla propria patologia, così come prescritto dalle Linee Guida per l’Autismo. Necessario mezzo miliar...
di Isabella Faggiano