Politica 13 maggio 2014

Consulcesi “a braccetto” con il Ministro: un modello all’avanguardia e d’esportazione

“Riscriviamo il futuro della professione medica”: nella targa consegnata alla Lorenzin suggellata la comunione d’intenti

Immagine articolo

Un segnale di vicinanza ai medici ma anche al mondo delle professioni che gravitano intorno alla sanità. Ha assunto questo significato la visita del ministro della Salute Beatrice Lorenzin a Consulcesi. Nella sede della maggiore realtà italiana e tra le principali in Europa nella tutela dei camici bianchi c’è stato un momento di incontro particolarmente importante.

Una giornata risultata particolarmente gradita ad entrambe le parti: da un lato, il ministro ha colto l’occasione per indicare in Consulcesi un modello da seguire se si vuol creare un “sistema salute” all’avanguardia e d’esportazione; dall’altro, i vertici della stessa Consulcesi si sono detti particolarmente felici ed onorati per la visita e le attestazioni ricevute per il lavoro svolto in questi anni: “Per Consulcesi è stata davvero una giornata speciale – ha dichiarato il Direttore Generale, Simona Gori – durante la quale abbiamo avuto la conferma che stiamo seguendo un percorso parallelo a quello istituzionale investendo nel campo dell’innovazione, della ricerca e della scienza. Un motivo in più per continuare su questa strada”.
Grande soddisfazione è stata espressa anche dal Vicepresidente di Consulcesi, Edoardo Pantano, che nel ringraziare il ministro per questa visita ha messo in evidenza l’attenzione costante che la Lorenzin riserva “ai temi più complessi del mondo sanitario. Il suo impegno sempre crescente – continua Pantano – per la soluzione dei problemi più attuali come quello dell’Rc professionale, della tutela legale o della medicina difensiva, hanno trovato infatti piena corrispondenza con le nostre attività quotidiane, che vedono oltre 350 professionisti al servizio degli oltre 50mila medici tutelati da Consulcesi”.

Insomma, una grossa soddisfazione, un importante attestato di stima proveniente dalla carica dello Stato più importante nell’ambito della sanità italiana. Una sanità che, secondo il ministro, necessita della stessa attenzione verso competenza e innovazione che ha trovato in Consulcesi e che caratterizza il suo operato da oltre vent’anni. Un impegno focalizzato anche sui diritti degli ex specializzandi, sui quali si è pronunciata anche il ministro Lorenzin durante proprio la visita proponendo “un sistema di riforme che, in modo incisivo, riequilibri il rapporto tra Stato, cittadini e anche le imprese, al fine di rimettere in moto la macchina amministrativa”.

La visita a Consulcesi si è chiusa con la consegna al ministro da parte del Vicepresidente Pantano e del Direttore Generale Gori, di una targa con su scritta la frase “Riscriviamo il futuro della professione medica”. Un messaggio che il ministro Lorenzin ha apprezzato a tal punto da volerlo far proprio: “E’ esattamente l’idea che ho io del Sistema Salute”, ha ribadito salutando tra gli applausi.

Per informazioni Consulcesi mette a disposizione il numero verde 800 122 777 e il sito www.consulcesi.it

Articoli correlati
Ex specializzandi, si riapre tutto: «La prescrizione non è mai scattata»
Il parere: «Senza normative e sentenze chiare e univoche, la prescrizione ad oggi non è decorsa». Consulcesi: «Pronta nuova azione collettiva»
Aggressioni: non solo personale sanitario ma anche scolastico. Alleanza educativa genitori-insegnanti-medici
«Non sono tollerabili le aggressioni nei confronti degli educatori, che rivestono un ruolo strategico per il futuro della nazione, e nemmeno contro gli operatori sanitari, che lavorano per la salute di tutti i cittadini» così Antonello Giannelli, Presidente dell’Associazione Nazionale Presidi (ANP)
Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»
L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai stata attuata. Ora puntiamo al riconoscimento delle differenze retributive»
Ex specializzandi ’93-2006, Stato condannato a pagare aumento triennale
La nuova sentenza consolida la giurisprudenza in materia: come già stabilito nei mesi scorsi dallo stesso Tribunale di Roma con la pronuncia 4240/17, riconosciuto un nuovo diritto negato ai tempi della formazione post-laurea
Zumba per gli anestetisti, pilates per i ginecologi, spinning per i chirurghi: l’attività fisica giusta per ogni medico
Consulcesi Club e Fitness Network Italia insieme per promuovere il fitness a misura di camice bianco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»

L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai st...
Lavoro

Silvestro (Past President FNOPI): «Copiamo i medici e introduciamo infermieri di famiglia e infermieri specialisti»

L’ex Senatrice PD descrive la figura dell’infermiere di famiglia elencandone ruoli e benefici e auspica il riconoscimento delle specializzazioni infermieristiche
Lavoro

Comparto sanità, sottoscritto in via definitiva il contratto. Sindacati soddisfatti, ma Nursing Up non firma

Se Sergio Venturi (Presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità) si dice contento del risultato e Serena Sorrentino (Segreteria generale Fp Cgil) è già al lavoro per il CCNL 2019/2021, Antonio...