Politica 15 aprile 2014

Ddl specializzandi ’94-2006 – ATTO SENATO N.1269

“Necessaria presa di coscienza delle istituzioni, nel rispetto del diritto dei medici”

Immagine articolo

Ancora consensi, da parte dei principali esponenti del mondo della sanità italiana, al recente Ddl “Atto Senato n. 1269” denominato “Estensione dei benefici normativi ai medici specializzandi ammessi alle scuole di specializzazione universitarie negli anni dal 1993 al 2005” presentato al Senato pochi giorni fa.

Questa transazione definitiva, sostenuta fortemente anche dall’Associazione Consulcesi che ne ha seguito da vicino l’iter istituzionale, rappresenta il giusto compromesso tra il rispetto del diritto dei camici bianchi ad ottenere la corretta retribuzione per gli anni di specializzazione e la tutela delle casse dello Stato che, in assenza di tale provvedimento, andrebbe incontro ad un esborso di alcuni miliardi euro. Ad esprimere il suo parere ai microfoni di Sanità Informazione è stavolta il vicepresidente FNOMCeO, Maurizio Benato.

Le istituzioni devono prendere atto che un accordo transattivo porrebbe fine all’esborso costante – si tratta già di diverse centinaia di milioni di euro – cui è tenuto lo Stato per ottemperare alle sentenze favorevoli ai medici. 

Questo è un problema incancrenitosi nel corso degli anni e che forse doveva essere affrontato prima, con una transazione che rispettasse la direttiva europea recepita in ritardo dal nostro ordinamento. Evidentemente la politica deve rispondere. Dal nostro punto di vista professionale è importante essere vicini a coloro i quali hanno visto i loro diritti calpestati.

E’ giusto che i medici chiedano il rispetto di questo diritto, come sancito dall’Unione europea? 

Penso di sì; la nostra missione e i nostri obiettivi, anche etici, ci impongono comunque un’attenta valutazione delle risorse messe a disposizione per la sanità nel Servizio Sanitario Nazionale: spostando risorse economiche da un settore all’altro, ce ne saranno alcuni in cui verranno a mancare. Questo shifting finanziario rischia di limitare ulteriormente le possibilità economiche del nostro servizio sanitario.

E infatti allo Stato conviene arrivare a un accordo transattivo, come quello proposto in questo disegno di legge, per gestire e controllare quest’esborso. 

Sì, occorre prendere in mano la situazione. Il Ministero, naturalmente, sta già valutando tutte le conseguenze di queste sentenze . La soluzione dev’essere trovata in fretta, per dare serenità a chi ha visto il proprio diritto calpestato, ma anche per chi progetta e organizza il servizio sanitario nazionale, affinché non vengano meno delle risorse fondamentali per il servizio stesso.

Per informazioni l’Associazione Consulcesi mette a disposizione il numero verde 800 122 777 e il sito www.consulcesi.it.

Articoli correlati
Ex specializzandi, parla l’esperto della vertenza: «Rimborsi anche a chi si è iscritto prima del 1983 e importi da rivedere al rialzo»
L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, con oltre 530 milioni di euro fatti riconoscere dai tribunali in favore dei medici tutelati dal network legale Consulcesi, spiega cosa cambia con la recente pronuncia della Corte di Giustizia Europea. Nel frattempo una sentenza del Tribunale di Roma conferma i rimborsi a chi ha interrotto la prescrizione prima del 20 ottobre 2017
Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»
Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gradi di giudizio, inoltre le somme riconosciute potrebbero triplicarsi e vengono meno i termini di prescrizione»
Emendamento ex specializzandi, Consulcesi: «Insistere su soluzioni di buon senso»
Massimo Tortorella, Presidente del gruppo che garantisce tutela legale dei medici, interviene sulla discussione parlamentare in corso sulla Legge di Bilancio
Ex specializzandi, Aiello e Bianconi (Ap): «Remunerazione 11mila euro per corso specializzazione, sarebbe misura di buon senso»
«Risorse che potrebbero essere immediatamente investite in sanità per settore della ricerca e farmaci innovativi» a dirlo sono i senatori di Alternativa popolare, Laura Bianconi e Piero Aiello, in riferimento all'emendamento presentato da Ap alla legge di Bilancio
Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»
«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Lavoro

Pensioni, tutte le soluzioni per aumentare l’importo con aliquota e riscatto: le scadenze al 31 gennaio

Versando una quota contributiva aggiuntiva, una volta in pensione si percepirà un importo maggiore. Ma oltre all’aliquota modulare, riservata ad alcune categorie, l’Enpam offre altri utili strume...
Lavoro

Scadenze fiscali: slitta all’8 febbraio il termine per invio dati tessera sanitaria. Ecco le altre date…

Stefano Rigo, Presidente della Commissione Fisco FIMMG: «Gli MMG hanno un’organizzazione fiscale semplice ma pagano lo scotto della posizione tra liberi professionisti e ‘pseudo-dipendenti’». ...