Politica 1 marzo 2018

Bartolazzi, il primo discorso del candidato M5S al Ministero della Salute: «Formazione e ricerca per i medici: serve meritocrazia»

Al Salone delle Fontane dell’Eur, a Roma, il M5S ha presentato i suoi ‘candidati’ ministri. La squadra di Luigi Di Maio vede candidato al Ministero della Sanità il medico del Sant’Andrea di Roma Armando Bartolazzi.  Bartolazzi (classe 1961) è Dirigente Patologo di Primo livello con profilo di alta specializzazione sui tumori tiroidei c/o Servizio di Anatomia […]

Al Salone delle Fontane dell’Eur, a Roma, il M5S ha presentato i suoi ‘candidati’ ministri. La squadra di Luigi Di Maio vede candidato al Ministero della Sanità il medico del Sant’Andrea di Roma Armando Bartolazzi. 

Bartolazzi (classe 1961) è Dirigente Patologo di Primo livello con profilo di alta specializzazione sui tumori tiroidei c/o Servizio di Anatomia Patologica presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria Sant’Andrea di Roma. È anche Associato di ricerca del Dipartimento di Oncologia-Patologia presso il Cancer Center del Karolinska Hospital di Stoccolma.

TUTTE LE INTERVISTE E GLI APPROFONDIMENTI SULLA SANITÀ

LEGGI LO SPECIALE DI SANITÀ INFORMAZIONE SULLE ELEZIONI 2018

Ha scoperto un metodo diagnostico per la valutazione precoce del carcinoma tiroideo, metodo attualmente utilizzato in tutto il mondo. Nel 2015 è stato inserito nella lista TIS – Top Scienziati Italiani grazie all’alto impatto scientifico delle ricerche effettuate.

«I problemi della sanità in Italia – ha affermato Bartolazzi – sono molteplici e di complessa risoluzione. Per me è un dovere professionale mettere a disposizione della società le mie competenze tecniche e professionali». Bartolazzi ha dedicato un ampio passaggio del suo discorso al tema della ricerca ricordando che «in Italia la presenza di professori politicamente portati e in larga maggioranza di fama ristretta al condominio di residenza, l’assenza di meritocrazia negli accessi alle posizioni dirigenziali critiche e il degrado delle nostre università. Tutto questo è difficile da cambiare, ma questi cambiamenti sono necessari per il miglioramento del nostro Paese».

Articoli correlati
Parlamento, i ‘camici bianchi’ protagonisti della XVIII Legislatura
Ruolo decisivo per la Capogruppo M5S e medico Giulia Grillo. Beatrice Lorenzin, Ministro della Salute ancora in carica, sceglie (per ora) il Gruppo Misto: «Ma mi occuperò ancora di Sanità». Il pediatra Paolo Siani: «Vorrei dare il mio contributo in Commissione Affari Sociali e sanità». Le prime battute di tutti gli altri...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Regionali: il Lazio a Zingaretti, in Lombardia vince Fontana
L'ex sindaco di Varese doppia Giorgio Gori con il 53%. Più staccato Dario Violi (M5S) con il 19,7%. Più combattuta la corsa per la Pisana: il presidente uscente è al 34,4%, dietro di lui Parisi (30,2%) e Lombardi (26,9%)
Elezioni 2018, i risultati dei ‘camici bianchi’ collegio per collegio
Passa a Modena il ministro uscente della Salute Lorenzin (Civ). Eletti anche il medico Siani (Pd) e il farmacista Mandelli (Forza Italia). Non passa la presidente uscente della commissione Sanità De Biasi (Pd). In Parlamento i Cinque Stelle Sileri, Trizzino e Di Marzio
Elezioni 2018, vince il M5S. Centrodestra prima coalizione, tracollo PD
In corso lo spoglio dei voti. In vantaggio il partito di Luigi di Maio con oltre il 30%. Netta affermazione della Lega, stabilmente sopra Forza Italia. Dem sotto al 20%. Code ai seggi e buona affluenza.
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Vaccini, Giulia Grillo (M5S): «Obbligo giusta misura in caso di aumento contagi o crollo coperture»
La Deputata uscente, ricandidata alla Camera, entra nel dettaglio del programma sanitario del Movimento: «Maggiori risorse al comparto, sblocco del turn over e “sistema tedesco” contro l’imbuto formativo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...