Politica 15 luglio 2014

A Catania “splende il sole” dei rimborsi: altri 7 milioni agli ex specializzandi

Consulcesi, affiancata dall’OMCeO di Catania, ha consegnato assegni fino ad oltre 100mila euro a medico

Immagine articolo

Oltre sette milioni di euro consegnati. Decine e decine di assegni a sei cifre. Sono i numeri davvero impressionanti dell’ultimo evento organizzato da Consulcesi, realtà leader in ambito nazionale ed internazionale nella tutela medica, per restituire ai camici bianchi ex specializzandi quanto ingiustamente negato loro dallo Stato italiano.

Ad un mese esatto dall’ultima consegna milionaria, avvenuta a Napoli, i professionisti che non avevano ricevuto la borsa di studio prevista da alcune direttive europee per gli anni di scuola post-laurea frequentati “sono stati travolti” da una nuova valanga di rimborsi fino a 101mila euro cascuno.  Questa volta, però, a beneficiarne sono stati i medici, la maggior parte siciliani, che si sono riuniti a Catania giovedì scorso in un evento molto importante per tutta la categoria: in prima fila, infatti, oltre a Consulcesi, c’era anche l’OMCeO provinciale.

“Il risarcimento di oggi – spiega il tesoriere dell’Ordine di Catania, Antonio Biondi, dopo aver portato il saluto del presidente Massimo Buscema – riconosce l’impegno di tanti medici della provincia catanese. Questa iniziativa non è stata solo una consegna di assegni, ma certifica anche il valore della consulenza a 360 gradi che offre Consulcesi, il cui supporto è fondamentale per la nostra attività”.

Tra i tanti medici soddisfatti per i rimborsi ricevuti c’è anche il dottor Ambrogio Curiale, medico specialista in chirurgia generale ed ortopedia, il quale ci tiene a “ringraziare due volte Consulcesi, che mi ha aiutato a chiudere positivamente il mio iter ma soprattutto per aver sollevato il problema e trovato la soluzione”. Al suo fianco c’era il dottor Giuseppe Cretì, il quale ha ricevuto un importante assegno per le sue due specializzazioni in chirurgia pediatrica e urologia: “Se sono arrivato a questo risultato lo devo solo alla competenza e alla professionalità di Consulcesi, la quale rappresenta un modello da clonare ed esportare ovunque”.

L’iniziativa di Catania arriva dopo analoghe giornate – che oramai hanno una cadenza mensile – di consegne in diverse città italiane; tra queste ci sono Venezia, Milano, Torino, Genova, Firenze, Roma e, come detto, il capoluogo campano. I milioni consegnati soltanto negli ultimi mesi sono 38, quelli riconosciuti fino ad ora dai tribunali di tutta Italia addirittura 345. Si tratta però di una cifra destinata ad aumentare; è difatti in partenza anche la nuova maxi azione collettiva organizzata da Consulcesi, cui aderire entro la fine di questo mese: “Ci sono ancora migliaia di professionisti in attesa di vedersi rimborsare ciò che è loro diritto ricevere – spiega il Vicepresidente di Consulcesi, Edoardo Pantano – e, per questo motivo, per qualsiasi informazione specifica mettiamo a disposizione oltre 350 consulenti che rispondono gratuitamente al numero verde 800.122.777 e sul sito www.consulcesi.it”.

Articoli correlati
Celiachia, Alessio D’Amato (Regione Lazio): «Stop ai buoni in forma cartacea, cambiamo tutto»
La Regione Lazio approverà nella prossima Giunta una vera e propria rivoluzione nella gestione dei rimborsi e dei buoni per i prodotti per celiaci. Per garantire una maggiore sostenibilità della dieta senza glutine e consentire ai pazienti meno fortunati di vivere la propria patologia in maniera più serena, lo Stato italiano garantisce infatti ai pazienti diagnosticati l’erogazione […]
Durante il corso di medicina generale ho continuato a fare il medico di continuità assistenziale: ho diritto ugualmente al rimborso?
Durante lo svolgimento del corso la legge ritiene ammissibili solo le sostituzioni a tempo determinato (art. 19 co. 11 della l. 448/2001) dei medici di medicina generale convenzionati con il SSN e le guardie mediche notturne, festive e turistiche. Se la sua attività rientra in queste casistiche può sicuramente presentare la richiesta di risarcimento. Diversamente, […]
Ex specializzandi, a Firenze rimborsi per 15 milioni. L’avvocato Tortorella: «L’evoluzione giurisprudenziale prosegue, cause più veloci»
«Com’è giusto pagare le tasse, così è giusto che lo Stato rispetti i diritti» la voce dei medici rimborsati dopo anni di formazione specialistica non riconosciuta economicamente
Medici in corsia senza essere pagati, lo Stato li risarcisce con oltre 15 milioni di euro
Marco Tortorella, avvocato specialista del contenzioso tra lo Stato e gli ex specializzandi: «Come confermato dal recente e autorevole parere pro veritate il termine di prescrizione non è decorso, noi continuiamo nel nostro lavoro a tutela dei medici»
Ex specializzandi, a Firenze arrivano i rimborsi ai medici e nuove interpretazioni giuridiche riaprono i termini della prescrizione
Consulcesi, network legale leader in ambito sanitario, giovedì 21 giugno, consegnerà a Firenze gli assegni ai medici fiorentini e delle altre province toscane. Tra i relatori Federico Gelli, Responsabile del Rischio in Sanità di Federsanità Anci
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM, dal 2019 scattano i controlli. Anelli (FNOMCeO): «Valuteremo inadempienze». Coletto (Agenas): «Stop a ‘infiltrati’, serve verifica»

È a metà strada il triennio ECM 2017-2019: in aumento il numero di medici e operatori in regola, ma rimangono molti camici bianchi inadempienti. Controlli dal 2019. INTERVISTE AD ANELLI (FNOMCEO) E ...
Salute

Aggressioni al personale sanitario, Flori Degrassi (Asl Roma 2): «Operatori in trincea, minacciati anche con pistole»

«Abbiamo dovuto mettere le barriere al Pronto soccorso del Pertini ma l’interfono ostacola il rapporto tra paziente e operatore sanitario. E, nel nostro lavoro, la comunicazione è fondamentale», ...
Salute

Autismo e nuovi Lea, Marino (Fia): «Ancora due anni per attuazione, ma autistici diventeranno una categoria protetta»

«Grazie ai nuovi Lea i pazienti autistici potranno finalmente ricevere l’assistenza adeguata alla propria patologia, così come prescritto dalle Linee Guida per l’Autismo. Necessario mezzo miliar...
di Isabella Faggiano