Pazienti 22 marzo 2017

Tutti i sintomi della pressione alta

Per pressione sanguigna s’intende la forza con cui il cuore pompa il sangue nelle arterie. Nell’adulto, i valori ottimali di pressione sanguigna si aggirano intorno ai 120/80mmHg (120 pressione massima, su 80 pressione minima millimetri di mercurio). Quando la pressione è alta (ipertensione arteriosa), il sangue si muove attraverso le arterie con più forza. Se […]

Per pressione sanguigna s’intende la forza con cui il cuore pompa il sangue nelle arterie. Nell’adulto, i valori ottimali di pressione sanguigna si aggirano intorno ai 120/80mmHg (120 pressione massima, su 80 pressione minima millimetri di mercurio).

Quando la pressione è alta (ipertensione arteriosa), il sangue si muove attraverso le arterie con più forza. Se questa condizione cronicizza, può determinare un aumento della pressione sui delicati tessuti delle arterie, con danni alle pereti dei vasi stessi.

Quali sono i sintomi dell’ipertensione arteriosa?

Valori di pressione che superano i 140/90 mmHg sono da considerarsi a rischio.

L’ipertensione può essere asintomatica fino a quando non ha causato danni significativi al cuore. Considerando che la maggior parte delle persone non hanno sintomi visibili, spesso non sanno di essere ipertesi e, quindi, sono ignari del rischio a cui possono andare incontro. Per questo motivo la pressione alta è spesso un “killer silenzioso“.

L’ipertensione cronica è, dunque, spesso asintomatica. Tuttavia durante le crisi ipertensive possono essere presenti sintomi quali:

  • Forte mal di testa
  • Nausea
  • Epistassi (sangue dal naso)
  • Emicrania accompagnata da aura (visione a zig zag e flash luminosi colorati o in bianco e nero)

Che cos’è una crisi ipertensiva?

L’ipertensione può essere una condizione cronica in alcuni soggetti i quali mantengono, dunque, valori superiori ai 140/90 mmHg. Solitamente questi soggetti (coloro che sono a conoscenza del proprio problema) controllano la loro pressione attraverso dei farmaci anti ipertensivi.

Tuttavia diversi fattori possono scatenare delle crisi ipertensive, sia nei soggetti trattati che, e soprattutto, nei soggetti non trattati. Si parla di crisi ipertensiva, quando la pressione raggiunge o supera i 180/110 mmHg.

Altri sintomi che possono essere correlati all’ipertensione ma alquanto aspecifici e, quindi, causati anche da altre condizioni, sono:

  • Macchie di sangue negli occhi, dovute a una emorragia sottocongiuntivale causata in tal caso dalla pressione alta.
  • Rossore al viso, si verifica quando i vasi sanguigni si dilatano a livello del volto. Oltre all’ipertensione, le cause del rossore al volto possono essere moltissime come l’esposizione al sole, il freddo, cibi piccanti, acqua calda, alcol, vento, bevande calde e prodotti per la cura della pelle.
  • Vertigini, anche in questo caso non sono sintomo specifico ma possono verificarsi durante una crisi ipertensiva.

Cosa fare in caso di pressione alta?

Modificare il proprio stile di vita può essere utile a controllare e abbassare i valori pressori da 4 a 9 mmHg rispetto alla media. Tra i comportamenti da adottare per provare ad abbassare i livelli pressori sono inclusi:

  • L’esercizio fisico, da 30 a 60 minuti al giorno può contribuire a ridurre i livelli della pressione sanguigna. Chi fa una vita sedentaria o non può andare in palestra potrebbe optare per una passeggiata quotidiana di almeno un quarto d’ora.
  • Seguire un’alimentazione sana a base di frutta, verdura, cereali integrali, pesce, frutta secca, riducendo cibi grassi, cibi salati e troppo dolci. Un regime dietetico corretto può contribuire ad abbassare la pressione anche di 14 mmHg.
  • Ridurre il sale, non aggiungere sale agli alimenti contribuisce ad abbassare la pressione sanguigna e a ridurre la ritenzione idrica. Non bisognerebbe aggiungere, agli alimenti, più di mezzo cucchiaino di sale al giorno diviso durante i pasti. Utilizzare spezie e limone per condire può essere utile per camuffare la mancanza del sale.
  • Perdere il peso in eccesso, che va di pari passo con la pressione alta. Più s’ingrassa più aumenta la pressione sanguigna.
  • Non fumare, la nicotina determina aumento della pressione sanguigna e malattie cardiache. Oltre a fornire numerosi altri benefici per la salute, smettere di fumare può aiutare a far tornare la pressione arteriosa alla normalità.
  • Evitare il consumo di alcol, bere un bicchiere di vino rosso a tavola può andare bene ma non bisogna superare queste quantità, infatti quantità eccessive di alcol possono causare numerosi problemi di salute, tra cui l’ipertensione.
  • Evitare situazioni stressanti, lo stress causa ipertensione arteriosa.

Quali sono rischi dell’ipertensione arteriosa?

Se non trattata, l’ipertensione può portare a gravi complicazioni di salute, tra cui ictus, attacco cardiaco, e danni renali. La prevenzione attraverso controlli periodici, monitoraggio della pressione arteriosa e uno stile di vita più sano, rappresentano comportamenti idonei a qualsiasi età, ma soprattutto dopo i cinquant’anni.

Articoli correlati
Nuove terapie post ictus, la riabilitazione si fa a tempo di musica
Marco Iosa (IRCSS Santa Lucia) presenta a Sanità Informazione il progetto di ricerca sperimentale “Sonic Hand”: «Sfruttiamo la musica per rafforzare le capacità cognitivo-motorie del paziente»
Donne ed Ictus: attenzione a pillola anticoncezionale, fumo ed emicrania
Il 55% delle morti delle donne, in Europa, è causato da cardiopatia ischemica e ictus. Dopo gli 80 anni, le donne colpite da ictus sono il 20% in più rispetto agli uomini. Ma alcune specifiche condizioni rendono il rischio molto più elevato anche nelle fasce di età più giovani. Dal punto di vista epidemiologico, ogni […]
Terremoto, l’allarme dei cardiologi ESC: «Dopo un sisma aumenta rischio malattie del cuore anche in soggetti sani»
Il punto della situazione nel corso del congresso ESC di Roma. Intervista al professor Leonardo Bolognese direttore del Dipartimento Cardiovascolare e neurologico Azienda Ospedaliera Arezzo: «Studi scientifici condotti in Giappone sul post terremoto segnalano aumento cardiopatie di 5-6 volte»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Salute

Contratto medici, partita la trattativa. Sciopero revocato, ma l’aumento deve superare gli 85 euro

Partita all'Aran la trattativa per il rinnovo del contratto dei medici. Il primo effetto concreto è stato la revoca dello sciopero fissato per il 23 febbraio. Ma per arrivare alla agognata firma atte...
Lavoro

Scadenze fiscali: slitta all’8 febbraio il termine per invio dati tessera sanitaria. Ecco le altre date…

Stefano Rigo, Presidente della Commissione Fisco FIMMG: «Gli MMG hanno un’organizzazione fiscale semplice ma pagano lo scotto della posizione tra liberi professionisti e ‘pseudo-dipendenti’». ...