Pazienti 3 maggio 2017

Salute del cuore: se la bolletta è troppo alta… respira!

Quando ricevi una bolletta troppo salata, hai problemi in famiglia o qualcuno ti fa arrabbiare in maniera troppo, ti esce il fumo dalle orecchie come succede ai personaggi dei cartoni animati? Ognuno risponde e reagisce allo stress in modo diverso. La risposta allo stress può comportare una vasta gamma di problemi di salute e questo […]


Quando ricevi una bolletta troppo salata, hai problemi in famiglia o qualcuno ti fa arrabbiare in maniera troppo, ti esce il fumo dalle orecchie come succede ai personaggi dei cartoni animati?

Ognuno risponde e reagisce allo stress in modo diverso. La risposta allo stress può comportare una vasta gamma di problemi di salute e questo è il motivo per cui è fondamentale sapere che cosa si può fare al riguardo.

Quando siamo sottoposti a stress eccessivo, può succedere di tutto alla nostra salute, dall’ipertensione arteriosa all’asma, dalle ulcere gastriche alla sindrome dell’intestino irritabile” – ha sottolineato il dr. Ernesto L. Schiffrin, professore e vice presidente della ricerca per il Dipartimento di Medicina presso la McGill University di Montreal.

Che relazione c’è tra lo stress e la salute del cuore?

Nonostante siano necessarie ulteriori ricerche per determinare quale sia il rapporto tra malattie cardiache, nervosismo e tensione, è risaputo che lo stress può causare malattie del cuore, insieme ad altri fattori di rischio quali:

  • Ipertensione arteriosa
  • Ipercolesterolemia
  • Fumo e alcol
  • Inattività fisica
  • Eccesso di cibo

In alcuni casi diventa un circolo vizioso, bere troppo alcol o fumare troppe sigarette sono comportamenti che servono a “gestire” lo stress cronico; tuttavia, queste abitudini possono determinare un aumento della pressione sanguigna e danneggiare le pareti delle arterie.

Quali sono gli atteggiamenti tipici delle persone stressate?

I soggetti stressati tendono a mangiare troppo e molto velocemente per calmarsi, bevono alcolici o fumano, lavorano troppo, dormono poco, dormono troppo o fanno entrambe le cose, sono iperattivi.

Come risponde il corpo allo stress?

La risposta fisica allo stress può essere diversa e può includere:

  • Mal di testa
  • Dolori di schiena
  • Mal di stomaco
  • Insonnia
  • Calo di energie
  • Irritabilità

Una situazione stressante innesca una catena di eventi. Il corpo rilascia adrenalina, un ormone che provoca accelerazione temporanea della respirazione e della frequenza cardiaca, reazioni utili ad affrontare una situazione di pericolo.

Quando lo stress è costante, il corpo rimane in allerta stabilmente e si trova ad affrontare un eccessivo rilascio di ormoni, come l’adrenalina, con le conseguenze che ne derivano. Anche se il legame tra stress e malattie cardiache non è ancora chiaro; lo stress cronico può indurre alcune persone a bere troppo alcol e questo, a sua volta, può fare aumentare la pressione sanguigna e può danneggiare le pareti delle arterie.

Gestire lo stress può prevenire le malattie cardiache?

La gestione dello stress è una buona idea per la salute generale, ma i ricercatori stanno attualmente studiando se la gestione dello stress è effettivamente efficace per la prevenzione delle malattie cardiache.

Gli studi che utilizzano terapie psicosociali sono promettenti nella prevenzione degli attacchi di cuore. Dopo un attacco di cuore o un ictus, i soggetti depressi, ansiosi o sopraffatti dallo stress dovrebbero parlarne con il loro medico.

Cosa si può fare per ridurre lo stress?

Fare esercizio fisico, mantenere un atteggiamento positivo, passeggiare tra la natura, non fumare, non bere troppo caffè, seguire una dieta sana e mantenere un peso sano, sono buoni modi per affrontare lo stressI” – ha suggerito Schiffrin, ricercatore alla Institute for Medical Research del Canada.

Le medicine sono utili per affrontare moltissimi problemi di salute ma, solitamente, non per gestire lo stress.

Diverse persone prendono tranquillanti per calmarsi subito, ma sarebbe molto meglio imparare a gestire lo stress attraverso comportamenti e nuovi stili di vita. Bisogna, inoltre, fare attenzione a non confondere lo stress con l’ansia, quest’ultima può essere controllata con farmaci, invece lo stress prevede un piano di trattamento basato sulla gestione delle relazioni familiari, dei rapporti di lavoro, dei problemi di qualsiasi genere.

Parlare con uno psicologo potrebbe aiutare a imparare a gestire le condizioni di stress cronico e non.

Articoli correlati
Italia sempre più anziana: aumentano Alzheimer, Parkinson e sclerosi multipla. I risultati del 18° Congresso Nazionale della SIRN
La popolazione italiana ha una elevata longevità: la speranza di vita alla nascita è di 80,3 anni per gli uomini e 84,9 per le donne, superiore alla media europea, che è di 77,9 e 83,3. In Italia si registra anche la percentuale più alta di popolazione anziana, ovvero gli over 65: il 21,7% della popolazione […]
Autismo, Bambino Gesù: “Troppi paesi senza diagnosi e trattamenti”
In troppe aree del mondo, soprattutto nei Paesi a basso o medio reddito, l’autismo è ancora poco conosciuto ed è precluso l’accesso a diagnosi e trattamenti. La stessa ricerca scientifica è condotta in pochi Paesi, tutti ad alto reddito. Per reagire a questo squilibrio, segnalato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, nasce all’Ospedale Bambino Gesù, un network […]
Chi si preoccupa di chi ci cura? Women For Oncology Italy punta l’attenzione sul Burnout in ambito medico
Quando ci si rivolge al proprio medico ci si aspetta competenza e professionalità innanzitutto, ma anche la capacità di rassicurarci e di comprendere il nostro stato d’animo di pazienti. Quasi mai ci si ferma a pensare che il medico, oltre il camice, è prima di tutto un essere umano che, a differenza di quanto accade […]
Lecco, infermiera sviene per troppo lavoro. A Merate un’altra aggressione
Stress da lavoro e ancora aggressioni per i camici bianchi. Le notizie degli ultimi giorni parlano di un’infermiera dell’ospedale di Merate aggredita dai parenti dei pazienti in fila al pronto soccorso e di un’operatrice socio sanitaria del’ospedale di Lecco svenuta nei giorni scorsi al culmine di un turno estenuante di lavoro. I motivi? Non pochi. […]
La depressione ha origine nell’infanzia: la ricerca dell’Irccs Fatebenefratelli di Brescia
Una ricerca dell’Irccs Fatebenefratelli di Brescia dimostra il legame tra geni ed eventi traumatici dell’età evolutiva nel successivo sviluppo della depressione. Annamaria Cattaneo, ricercatrice dell’Istituto, ha pubblicato su Molecular Psychiatry un articolo intitolato “FoxO1, A2M e TGFB1: tre nuovi geni che predicono la depressione come conseguenza dell’interazione tra geni di vulnerabilità’ e condizioni ambientali avverse”. Si tratta […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Nuovi LEA, assistenza psicologica diventa diritto. Lazzari (CNOP): «Svolta per professione e cittadini»

«Grazie ai nuovi Livelli Essenziali di Assistenza, il supporto psicologico sarà garantito». Con Davide Lazzari, coordinatore della Task Force sui LEA, istituita dall’Ordine degli Psicologi, riper...
di Isabella Faggiano
Lavoro

«È il Far West», lo sfogo di una giovane dottoressa “sequestrata” durante una visita

«Mi ha tenuta segregata per due ore brandendo un paio di forbici» la testimonianza di Valentina Nava, medico tirocinante di Pronto Soccorso
Salute

Carenza medici, Anaao: «35mila specialisti via nei prossimi cinque anni». Biasci (FIMP): «Pediatri a rischio, servono risorse e strutture»

Studio rivela: dai cardiologi ai ginecologi, dieci specializzazioni a rischio estinzione. Palermo: «Aumentare le borse di studio o far accedere i giovani medici al Ssn dopo la laurea». Il Presidente...
di Giovanni Cedrone e Serena Santi