Pazienti 3 maggio 2017

Salute del cuore: se la bolletta è troppo alta… respira!

Quando ricevi una bolletta troppo salata, hai problemi in famiglia o qualcuno ti fa arrabbiare in maniera troppo, ti esce il fumo dalle orecchie come succede ai personaggi dei cartoni animati? Ognuno risponde e reagisce allo stress in modo diverso. La risposta allo stress può comportare una vasta gamma di problemi di salute e questo […]


Quando ricevi una bolletta troppo salata, hai problemi in famiglia o qualcuno ti fa arrabbiare in maniera troppo, ti esce il fumo dalle orecchie come succede ai personaggi dei cartoni animati?

Ognuno risponde e reagisce allo stress in modo diverso. La risposta allo stress può comportare una vasta gamma di problemi di salute e questo è il motivo per cui è fondamentale sapere che cosa si può fare al riguardo.

Quando siamo sottoposti a stress eccessivo, può succedere di tutto alla nostra salute, dall’ipertensione arteriosa all’asma, dalle ulcere gastriche alla sindrome dell’intestino irritabile” – ha sottolineato il dr. Ernesto L. Schiffrin, professore e vice presidente della ricerca per il Dipartimento di Medicina presso la McGill University di Montreal.

Che relazione c’è tra lo stress e la salute del cuore?

Nonostante siano necessarie ulteriori ricerche per determinare quale sia il rapporto tra malattie cardiache, nervosismo e tensione, è risaputo che lo stress può causare malattie del cuore, insieme ad altri fattori di rischio quali:

  • Ipertensione arteriosa
  • Ipercolesterolemia
  • Fumo e alcol
  • Inattività fisica
  • Eccesso di cibo

In alcuni casi diventa un circolo vizioso, bere troppo alcol o fumare troppe sigarette sono comportamenti che servono a “gestire” lo stress cronico; tuttavia, queste abitudini possono determinare un aumento della pressione sanguigna e danneggiare le pareti delle arterie.

Quali sono gli atteggiamenti tipici delle persone stressate?

I soggetti stressati tendono a mangiare troppo e molto velocemente per calmarsi, bevono alcolici o fumano, lavorano troppo, dormono poco, dormono troppo o fanno entrambe le cose, sono iperattivi.

Come risponde il corpo allo stress?

La risposta fisica allo stress può essere diversa e può includere:

  • Mal di testa
  • Dolori di schiena
  • Mal di stomaco
  • Insonnia
  • Calo di energie
  • Irritabilità

Una situazione stressante innesca una catena di eventi. Il corpo rilascia adrenalina, un ormone che provoca accelerazione temporanea della respirazione e della frequenza cardiaca, reazioni utili ad affrontare una situazione di pericolo.

Quando lo stress è costante, il corpo rimane in allerta stabilmente e si trova ad affrontare un eccessivo rilascio di ormoni, come l’adrenalina, con le conseguenze che ne derivano. Anche se il legame tra stress e malattie cardiache non è ancora chiaro; lo stress cronico può indurre alcune persone a bere troppo alcol e questo, a sua volta, può fare aumentare la pressione sanguigna e può danneggiare le pareti delle arterie.

Gestire lo stress può prevenire le malattie cardiache?

La gestione dello stress è una buona idea per la salute generale, ma i ricercatori stanno attualmente studiando se la gestione dello stress è effettivamente efficace per la prevenzione delle malattie cardiache.

Gli studi che utilizzano terapie psicosociali sono promettenti nella prevenzione degli attacchi di cuore. Dopo un attacco di cuore o un ictus, i soggetti depressi, ansiosi o sopraffatti dallo stress dovrebbero parlarne con il loro medico.

Cosa si può fare per ridurre lo stress?

Fare esercizio fisico, mantenere un atteggiamento positivo, passeggiare tra la natura, non fumare, non bere troppo caffè, seguire una dieta sana e mantenere un peso sano, sono buoni modi per affrontare lo stressI” – ha suggerito Schiffrin, ricercatore alla Institute for Medical Research del Canada.

Le medicine sono utili per affrontare moltissimi problemi di salute ma, solitamente, non per gestire lo stress.

Diverse persone prendono tranquillanti per calmarsi subito, ma sarebbe molto meglio imparare a gestire lo stress attraverso comportamenti e nuovi stili di vita. Bisogna, inoltre, fare attenzione a non confondere lo stress con l’ansia, quest’ultima può essere controllata con farmaci, invece lo stress prevede un piano di trattamento basato sulla gestione delle relazioni familiari, dei rapporti di lavoro, dei problemi di qualsiasi genere.

Parlare con uno psicologo potrebbe aiutare a imparare a gestire le condizioni di stress cronico e non.

Articoli correlati
La depressione ha origine nell’infanzia: la ricerca dell’Irccs Fatebenefratelli di Brescia
Una ricerca dell’Irccs Fatebenefratelli di Brescia dimostra il legame tra geni ed eventi traumatici dell’età evolutiva nel successivo sviluppo della depressione. Annamaria Cattaneo, ricercatrice dell’Istituto, ha pubblicato su Molecular Psychiatry un articolo intitolato “FoxO1, A2M e TGFB1: tre nuovi geni che predicono la depressione come conseguenza dell’interazione tra geni di vulnerabilità’ e condizioni ambientali avverse”. Si tratta […]
Si può morire di “cuore spezzato”? «L’80% di chi ne soffre è donna»
«La sindrome insorge dopo forte stress fisico o emotivo». Così ai nostri microfoni la dottoressa Roberta Della Bona, Cardiologa del Policlinico Casilino
Quello che si nasconde dietro il prurito: le cause che non ti aspetti!
La pelle, con i tre tessuti di cui è composta (epidermide, derma e ipoderma), è l’organo più esteso ed esterno del nostro corpo. Essa assolve a molteplici funzioni fondamentali per tutto l’organismo, quali la regolamentazione della temperatura corporea, la protezione degli organi esterni da tossine, batteri e raggi ultravioletti, la produzione di vitamine, ecc. La […]
di pazienti.it
Stress da rientro? Ecco cosa fare per sconfiggerlo
«Un'alimentazione studiata e attenzione a recuperare le sane abitudini» la Dottoressa Serena Missori, endocrinologa e nutrizionista fornisce utili consigli per sconfiggere lo stress da rientro e ricominciare a carburare al meglio dopo le ferie
Mal di testa? «Non dipende dalla vista» lo spiega (e conferma) il dottor Valeriani (Bambino Gesù)
Sollecitato dalle domande dei medici nostri lettori, lo specialista chiarisce: «Dall’oculista solo per la valutazione del fondo dell’occhio, fondamentale per cause gravi di mal di testa». E se un bambino lamenta mal di testa dietro la nuca è meglio rivolgersi a uno specialista: potrebbe essere una cefalea sintomatica
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

INTERVISTA ESCLUSIVA: «Ecco come prevederemo il cancro con una semplice analisi del sangue»

L'intervista alla Professoressa Paterlini – Bréchot: «Il metodo ISET permette di riscontrare la presenza di cellule tumorali in chi ha avuto un tumore e chi è a rischio molto prima rispetto ai me...
Salute

Centrifugati, verdure e succhi di frutta “veri”. I consigli della pediatra per salvare i bambini dall’influenza con la natura

La dottoressa Ricottini, ai microfoni di Sanità Informazione, spiega quali sono i migliori rimedi naturali per combattere e prevenire i sintomi dell’influenza. E sui “dolori della crescita”…
Politica

Firmato contratto per gli statali. Dal 2018 aumenti e tutele sanitarie aggiuntive

Incassata la prima sigla per il rinnovo dei contratti della PA: per 250mila dipendenti sono in arrivo moltissime novità tra cui tutele sanitarie aggiuntive. Si tratta di un risultato storico perché...