Pazienti 8 marzo 2017

Il medico di base: un ruolo chiave

“Prevenire è meglio che curare”, più che un semplice luogo comune dovrebbe essere la “forma mentis” alla base di ogni progetto di vita. Perché la salute è ciò che permette di realizzare qualsiasi disegno abbiamo pianificato per il nostro futuro e, quando la condizione di benessere viene meno, le priorità cambiano e i progetti di […]

Prevenire è meglio che curare”, più che un semplice luogo comune dovrebbe essere la “forma mentis” alla base di ogni progetto di vita. Perché la salute è ciò che permette di realizzare qualsiasi disegno abbiamo pianificato per il nostro futuro e, quando la condizione di benessere viene meno, le priorità cambiano e i progetti di realizzazione personale sembrano frantumarsi.

Secondo l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), la salute è uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale. Medicine e terapie sono strumenti inevitabili per combattere le malattie, ma l’espediente migliore non può che essere la prevenzione.

Il rapporto con il medico di famiglia gioca un ruolo essenziale sia nella prevenzione sia nella terapia di patologie in corso.

Qual è il ruolo del medico di base?

Il medico di famiglia (o medico di base) è un medico di Medicina Generale che ha il compito d’interpretare i sintomi riferiti dal paziente e di indirizzarlo a una diagnosi attraverso una visita, esami diagnostici, esami ematochimici, prescrizione di una terapia e, se serve, di consigliare visite specialistiche.

Ha anche il compito di prescrivere i farmaci che i suoi assistiti assumono con costanza, di fare loro certificati, vaccini, medicare ferite, misurare la pressione. Deve avere competenze tali da carpire e riconoscere un problema già dai primi sintomi, deve avere un certo grado di sensibilità e delicatezza nel dialogo con il paziente e nel comunicare anche notizie poco piacevoli. Deve essere in grado di mettere a proprio agio il paziente in ogni occasione, anche quando ha bisogno di esporre problemi più intimi.

Il medico di famiglia deve garantire, ai propri pazienti, la continuità dell’assistenza sanitaria e, nel caso in cui dovesse assentarsi, incaricare un sostituto.

E’ fondamentale che il medico di base rediga un’anamnesi dei propri assistiti. Nel suo schedario, infatti, conserva la cartella relativa a ogni paziente, aggiornandola di volta in volta, inserendo esiti di esami diagnostici, ricoveri o visite specialistiche. In tal modo, il medico di base conserva la storia clinica, completa e sempre aggiornata, del proprio assistito.

La disponibilità del medico di famiglia deve essere di cinque giorni a settimana, riceve presso il suo studio medico, all’esterno del quale devono essere esposti gli orari di visita durante la settimana. L’ambulatorio deve essere attrezzato adeguatamente.

I pazienti impossibilitati fisicamente, a causa di motivi di salute, a recarsi presso lo studio medico, possono usufruire della visita a domicilio che spetta loro di diritto.

Quali sono le prestazioni gratuite e quali quelle a pagamento?

In Italia, i medici di famiglia hanno degli assistiti che da lui si sono iscritti, attraverso l’ASL di competenza.

Tutti i pazienti iscritti presso un medico di base non dovranno pagare le sue prestazioni. Nel caso in cui un paziente non sia, invece, iscritto presso un medico di base (oppure è residente in una città diversa da quella dove il medico svolge la sua attività), e necessita di una visita, il medico dovrà visitarlo a pagamento.

Sono a pagamento le visite ambulatoriali richieste dal paziente ed eseguite nei giorni in cui è prevista la copertura della guardia medica.

Il medico di base compila sia certificati gratuiti (per i lavoratori in malattia, certificati di idoneità alle attività sportive per i giovani, certificati di morte) sia a pagamento (come quelli per le assicurazioni, per richieste di invalidità, per attività fisica non agonistica e altri i quali è stabilita una tariffa).

Assolutamente gratuita è la compilazione delle ricette nelle quali il medico richiede analisi, visite specialistiche e prescrizioni di farmaci. Tali ricette dovranno poi essere esibite in farmacia per i farmaci, o presso le strutture sanitarie per esami diagnostici, esami del sangue e visite specialistiche, sedi in cui al paziente potrà essere richiesto di pagare una quota per il ticket sanitario se previsto dal SSN.

Come scegliere il medico di base?

La scelta del medico di base è importante perché il paziente deve sentirsi a proprio agio con il medico, per questo motivo prima di scegliere sarebbe opportuno recarsi dallo stesso per conoscerlo, informarsi sulla sua disponibilità, conoscere gli orari di ricevimento e avere un primo impatto, che seppur superficiale, può ispirare la fiducia, o meno, nei suoi confronti.

Per effettuare la scelta del medico di base è possibile visionare, presso gli uffici delle ASL, gli elenchi dei medici convenzionati con il SSN. Una volta deciso il medico bisogna recarsi alla ASL di appartenenza e farsi registrare. La scelta ha validità annuale, ma viene rinnovata automaticamente se il paziente non decide di cambiare medico.

Lo stesso iter va seguito per la scelta del pediatra fino all’età di 14 anni, quando i ragazzi dovranno passare dal pediatra al medico per adulti.

Il rapporto tra medico e paziente si basa sulla fiducia e sul rispetto reciproco, in caso contrario il paziente può cambiare medico ma, anche quest’ultimo potrebbe decidere di non seguire più il proprio paziente revocandolo dalla lista dei suoi assistiti. In questo caso il paziente sarà invitato dall’ASL a scegliere un altro medico di base.

Quali sono i diritti e i doveri del paziente?

Il paziente gode di diritti e doveri fondamentali da rispettare per il corretto rapporto medico/paziente.

Diritti:

  • visite ambulatoriali nell’ambulatorio del proprio medico
  • visite domiciliari in caso di emergenza
  • tutte le prestazioni gratuite
  • prescrizione di farmaci, esami diagnostici, visite specialistiche ed esami ematochimici previsti dal SSN
  • privacy
  • disponibilità del medico
  • aggiornamento professionale del proprio medico

Doveri

  • Rispetto della professionalità del medico

Il secondo punto racchiude la maggior parte dei doveri del paziente che ha scelto consapevolmente il proprio medico:

  • Fiducia nei confronti delle scelte del proprio medico relativamente alla prescrizione, o non prescrizione, di esami diagnostici che egli ritenga opportuni e coerenti con le indicazioni delle note C.U.F.

La comunicazione tra medico di base e pazienti

La comunicazione tra medico di base e paziente è essenziale. Il paziente deve sentirsi a proprio agio e non provare imbarazzo nell’esporre i suoi problemi. Inoltre, deve essere certo che il proprio medico agisca nel rispetto della privacy.

Il medico di famiglia deve anche avere una certa empatia e capire la personalità del paziente che può essere più o meno apprensivo e disposto a conoscere in toto ciò che lo aspetta, in relazione allo stato di salute. Il coinvolgimento emotivo del medico di base è imprescindibile e fondamentale.

Articoli correlati
Policlinico Bari, arriva il casco refrigerante per la chemioterapia
Grazie alle donazioni dell’associazione Pandora Onlus, l’Unità Operativa di Oncologica Medica del Policlinico di Bari (diretta dal prof. Francesco Silvestris) ha acquistato un casco refrigeratore per prevenire l’alopecia da chemioterapia. L’iniziativa, chiamata: “Un Capello per amico!” ha permesso l’acquisto del dispositivo capace di garantire ogni giorno a due donne sottoposte a chemioterapia il trattamento gratutito preventivo. Questo consentirà alle […]
Tennis&Friends al Foro Italico: i vip scendono in campo per la prevenzione
Tennis&Friends, il torneo Celebrities che unisce Salute, Sport, Solidarietà e Spettacolo ha registrato quest’anno 6000 presenze e 850 check up gratuiti. Giorgio Meneschincheri (Gemelli): «Oltre 50mila visite specialistiche in sei anni. In Italia la percentuale di mortalità è molto più alta nelle città in cui non viene fatta prevenzione»
Regina Elena: ecco il test genetico BRCA per il tumore ovarico
Il tumore ovarico rappresenta il 30% circa dei tumori dell’apparato genitale femminile ed il 3% di tutti i tumori femminili. Nel 15-20% dei casi si riscontra un aspetto familiare o ereditario che riguarda le mutazioni dei geni BRCA1 e BRCA2. In circa 1/4 dei casi però l’alterazione BRCA non è ereditaria ma è presente solo […]
Race for the cure, Rosanna Banfi: «La ‘sorellanza’ ti salva la vita. Donne, dedicate del tempo a voi stesse: fate i controlli annuali»
Arrivata alla sua 19° edizione la manifestazione promossa dall’Associazione Komen Italia torna al Circo Massimo dal 17 al 20 maggio con sport, musica e cucina. A disposizione medici e operatori sanitari per controlli e consulti gratuiti
Oncologia e fertilità: nasce la partnership tra IVI (Istituto Valenciano di Infertilità) e Race for The Cure
L’Istituto Valenciano di Infertilità partecipa per la prima volta come partner alla Race for the Cure, la manifestazione più importante per la sensibilizzazione alla lotta ai tumori del seno in Italia e nel mondo. L’evento, organizzato dall’Associazione Susan G. Komen Italia, utilizza i fondi raccolti dal progetto per realizzare programmi di prevenzione a sostegno delle […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»

L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai st...
Lavoro

Comparto sanità, sottoscritto in via definitiva il contratto. Sindacati soddisfatti, ma Nursing Up non firma

Se Sergio Venturi (Presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità) si dice contento del risultato e Serena Sorrentino (Segreteria generale Fp Cgil) è già al lavoro per il CCNL 2019/2021, Antonio...
Lavoro

Ex specializzandi, si riapre tutto: «La prescrizione non è mai scattata»

Il parere: «Senza normative e sentenze chiare e univoche, la prescrizione ad oggi non è decorsa». Consulcesi: «Pronta nuova azione collettiva»