Pazienti 20 giugno 2017

10 cibi per abbassare il colesterolo

 Tenere sotto controllo il proprio colesterolo e ridurre così il rischio di ictus e infarto è possibile. Sì, assolutamente, soprattutto se si segue un regime alimentare corretto ed equilibrato. Il colesterolo, però, non è per forza un nemico. Come parte costituente delle cellule dell’organismo, risulta indispensabile per la vita e la moltiplicazione cellulare: ciò che […]



 Tenere sotto controllo il proprio colesterolo e ridurre così il rischio di ictus e infarto è possibile. Sì, assolutamente, soprattutto se si segue un regime alimentare corretto ed equilibrato.

Il colesterolo, però, non è per forza un nemico. Come parte costituente delle cellule dell’organismo, risulta indispensabile per la vita e la moltiplicazione cellulare: ciò che dobbiamo tenere sempre sott’occhio è il rapporto tra colesterolo buono (HDL) e colesterolo cattivo (LDL), che determina il cosiddetto “rischio cardiovascolare”. La proporzione tra colesterolo totale e colesterolo cattivo deve, infatti, essere inferiore a 5 per l’uomo e a 4,5 per la donna.

Inoltre, è sempre necessario controllare anche i valori del colesterolo cattivo. È quest’ultimo, infatti, il responsabile di molte patologie, anche gravi: se è compreso tra i 70 e i 180 mg per 100 ml di plasma, il valore è normale e nulla deve farci preoccupare. Se, invece, supera questi parametri è necessario prendere alcuni provvedimenti… e cambiare regime alimentare eliminando, in primo luogo, i grassi saturi.

Vediamo insieme quali cibi prediligere per abbassare il colesterolo.

Abbassare il colesterolo con l’alimentazione: 10 cibi indispensabili

1) Pistacchi

Pistacchi… buoni e salutari. Secondo uno studio condotto dai ricercatori della Pennsylvania State University e pubblicato sulla rivista Hypertension, rappresentano il nostro miglior alleato per combattere lo stress, la pressione alta e il colesterolo “cattivo”. Ovviamente, come spesso accade, non bisogna eccedere nelle dosi e nelle quantità. Tre o quattro pistacchi al giorno aiutano però a ridurre il colesterolo cattivo e aumentare, di contro, quello buono. Rappresenta inoltre un ottimo metodo anche per aumentare i livelli di antiossidanti nel sangue. Data la loro bontà, è dunque impossibile farne a meno.

2) Mele

Una mela al giorno toglie il medico di torno: a volte anche la saggezza popolare ha qualche consiglio utile da darci. Ed è proprio questo il caso: le mele sono davvero un toccasana per la lotta contro il colesterolo cattivo. Una ricerca condotta nel Regno Unito sembra dirci che una mela al giorno potrebbe avere gli stessi benefici della statina, il farmaco generalmente prescritto per abbassare il colesterolo, riducendo le morti dovute ai rischi cardiovascolari. Buone e miracolose!

3) Avena

Fa bene al cuore, regola il peso corporeo, migliora la digestione, previene la stitichezza e… abbassa il colesterolo cattivo. La Mayo Clinic, infatti, ha affermato che l’avena contiene fibra solubile, ricca di lipoproteine e che permette di ridurre la densità di LDL. Ma attenzione! Consumate la fibra nella sua forma naturale, magari a colazione e abbinatela con mele, prugne o pere. Evitate gallette di avena, ad esempio: in questo caso, l’effetto potrebbe essere contrario.

4) Legumi

È una ricerca canadese a suggerirci che mangiando legumi tutti i giorni il nostro colesterolo potrebbe davvero beneficiarne. Non è importante quali legumi preferiate, siano essi piselli, ceci, fagioli o lenticchie. Tutti vanno bene, purché prendiate la sana abitudine di consumarli ogni giorno. Sembra che siano sufficienti 130 grammi di legumi al giorno per normalizzare i livelli di colesterolo e migliorare, dunque, la nostra salute cardiovascolare. Un alimento sano ed economico, indubbiamente da rivalutare.

5) Olio di oliva

Olio di oliva, elisir di lunga vita: protegge infatti le nostre arterie attraverso la regolazione dei livelli di colesterolo cattivo circolanti nel sangue. Non solo, quello buono, invece, non viene minimamente alterato. Dunque la spremuta d’oliva rappresenta, oltre che un gustoso condimento, un’ottima forma di prevenzione del rischio cardiovascolare. Preferite (assolutamente!) l’olio a crudo, magari 3 cucchiai al giorno – non di più!

6) Anguria

Perfetta per l’estate e alleata per il cuore: l’anguria, infatti, grazie alla presenza di citrullina, sembrerebbe ridurre i rischi cardiovascolari, abbassando il colesterolo. Ricordate, inoltre, che il cocomero è costituito per il 90-95% da acqua ed è molto ricco di sali minerali e di vitamine A e C. 100 grammi di prodotto non superano le 25-30 calorie: fa bene, non fa ingrassare ed è buonissimo, soprattutto con il sopraggiungere della stagione calda.

7) Pesce

Grazie alle proprietà legate agli omega-3, il pesce è sempre il benvenuto sulla tavola di chi vuol mangiar sano e, perché no, abbassare il colesterolo. Chi ha problemi d’ipercolesterolemia dovrebbe consumare pesce sino a 2 o 3 volte alla settimana. Preferite cotture alla grigia, al cartoccio o al vapore. È assolutamente da evitare, invece, la frittura. Per i crostacei e i molluschi, attenzione alle quantità. Il loro consumo non deve mai essere superiore ad una volta alla settimana. Per il resto, via libera a tutto il pesce!

8) Rosmarino

Chi l’avrebbe mai detto? Il rosmarino è un ottimo rimedio per abbassare il colesterolo in modo efficace, grazie alla capacità di riattivare la funzionalità epatica e aumentare la produzione di bile. È infatti attraverso la bile che il nostro corpo elimina il colesterolo in eccesso. Se non amate l’aroma come condimento, potete consumare il rosmarino in infuso, lasciando le foglioline in ammollo in acqua bollente per circa 10 minuti: fatelo due volte al giorno, è assolutamente efficace!

9) Tarassaco

Fra i rimedi naturali e fitoterapici troviamo il tarassaco (detto anche “dente di leone”), utilizzato sin dall’antichità per le sue proprietà depurative e disintossicanti. In realtà, è molto efficace anche per ridurre i livelli di colesterolo, favorendone (come il rosmarino!) l’eliminazione biliare e riducendone l’assorbimento grazie al suo contenuto di fitosteroli e fibre solubili. Potete consumarlo sotto forma di tisana, in tintura madre o, ancora, in compresse.

10) Cioccolato

È l’American Journal of Clinical Nutrition a darci questa bellissima notizia! Ebbene sì, oltre alle già famosi proprietà antiossidanti, il cioccolato può risollevare del ben 24% i valori del colesterolo buono, andando a normalizzare anche quello cattivo. Come ben saprete, è necessario preferire il cioccolato con alta percentuale di cacao, poiché ricco tre volte tanto di antiossidanti rispetto a quello al latte. Accontentiamoci!

Articoli correlati
Poca frutta e verdura, troppi zuccheri. L’allarme dei pediatri Simpe: «Il 50% dei bambini mangia male e d’estate ancora peggio»
Il provider ECM 2506 Sanità in-Formazione e il dottor Giuseppe Mele (Presidente della Società Italiana Medici Pediatri), in collaborazione con Consulcesi Club, lanciano una serie di consigli per una dieta estiva adatta a grandi e piccini, con un occhio di riguardo alla galassia delle vitamine B
«Stipsi, reflusso, colon irritabile: ecco le nuove frontiere della gastroenterologia», parla il professor Angelo Franzè
«Interventi chirurgici più specifici e nuove molecole stanno aprendo una nuova fase nella cura di queste malattie», spiega il Direttore del Dipartimento di Gastroenterologia ed endoscopia digestiva presso l’Azienda Ospedaliera di Parma. Ai giovani consiglia: «Fate il medico solo se avete voglia di sacrificarvi, di essere a disposizione dei malati»
‘Vuoi dimagrire? Ti do un consiglio…’ Troiano (ANDID): «Attenzione agli abusivi, con la salute non si scherza»
Il monito delle Presidente uscente dell’Associazione nazionale Dietisti: «Per guidare le scelte alimentari bisogna avere una formazione professionale frutto di anni di studio»
Diabete: arriva l’insulina fast-acting, più veloce contro la glicemia dopo i pasti
In Italia le persone con diabete misurano la glicemia postprandiale, ossia dopo aver mangiato, in media solo 2 volte al mese, nonostante le principali linee guida internazionali, inclusi gli Standard italiani per la cura del diabete mellito, ne raccomandino il controllo tra 1 e 2 ore dall’inizio del pasto. Il dato, che emerge da un’analisi […]
Alimentazione, il 70% degli italiani non sa mangiare. Tonelli (ANDID): «Donne più attente, anziani più in difficoltà»
«Le abitudini alimentari sane devono essere una priorità nelle politiche sanitarie e dell’istruzione, strategia fondamentale per limitare le disuguaglianze e migliorare le condizioni di salute», lo dichiara il Presidente dell’Associazione Nazionale Dietisti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM, dal 2019 scattano i controlli. Anelli (FNOMCeO): «Valuteremo inadempienze». Coletto (Agenas): «Stop a ‘infiltrati’, serve verifica»

È a metà strada il triennio ECM 2017-2019: in aumento il numero di medici e operatori in regola, ma rimangono molti camici bianchi inadempienti. Controlli dal 2019. INTERVISTE AD ANELLI (FNOMCEO) E ...
Salute

Aggressioni al personale sanitario, Flori Degrassi (Asl Roma 2): «Operatori in trincea, minacciati anche con pistole»

«Abbiamo dovuto mettere le barriere al Pronto soccorso del Pertini ma l’interfono ostacola il rapporto tra paziente e operatore sanitario. E, nel nostro lavoro, la comunicazione è fondamentale», ...
Lavoro

Tasse e contributi, come non sbagliare la dichiarazione. La guida completa alla compilazione del Modello D

Entro il 31 luglio i camici bianchi che hanno svolto attività libero professionale nel 2017 devono compilare nell’area riservata Enpam il Modello D. Ecco come scegliere le aliquote, come calcolare ...