OMCeO, Enti e Territori 18 luglio 2018

Specializzandi, Lorefice (M5S): «Basta fughe di cervelli, ora priorità è cambiare il sistema di formazione post-laurea»

La Presidente della Commissione Affari Sociali della Camera plaude all’annuncio del Ministro Giulia Grillo della creazione di un gruppo di lavoro sul tema: «L’Italia che abbiamo in mente non può fare a meno delle sue migliori menti, nell’interesse di tutti»

«È assolutamente meritoria l’attenzione che il Ministro della Salute Giulia Grillo ha riposto sul percorso professionale dei giovani medici. Dopo anni di colpevole assenza sul tema da parte dei precedenti Governi, finalmente si stabilisce una priorità che è quella di dare una vera opportunità in Italia ai nostri giovani laureati in medicina». Il Presidente della Commissione Affari Sociali della Camera, Marialucia Lorefice, plaude all’iniziativa del Ministro della Salute Giulia Grillo che ieri, in un post su Facebook, aveva annunciato la creazione di un gruppo di lavoro per la revisione del sistema di formazione medica post laurea, come previsto anche dal programma di Governo. Un lavoro che dovrebbe rendere più agevole il percorso dei giovani laureati in medicina

«Il Movimento Cinque Stelle – sottolinea Lorefice – nel programma di Governo ha previsto la revisione del sistema di formazione medica post-laurea e l’indirizzo dato dal Ministro Grillo, con la predisposizione di un gruppo di lavoro che si occupi della programmazione, mira proprio a trasformare in un’opportunità di crescita quello che finora è stato un percorso pieno di difficoltà e impedimenti. Sappiamo che sono stati insufficienti i posti nei corsi di specializzazione e nella formazione in medicina generale, sappiamo dei continui problemi concorsuali: occorre invertire subito la rotta».

Lorefice ricorda i dati della Commissione Europea sulle migrazioni dei professionisti forniti a dicembre 2017: «Dal 2005 al 2015 ben 10.104 medici italiani sono stati costretti ad emigrare all’estero per ottenere considerazione e realizzarsi professionalmente. L’Italia che abbiamo in mente non può fare a meno dei suoi migliori cervelli, nell’interesse di tutti».

Articoli correlati
OMS premia ospedale da campo del Piemonte, la ‘cittadella della salute’ pronta ad operare in scenari difficili
Conferimento durante la 68esima sessione del Regional Committee for Europe. Il direttore della Maxiemergenza 118 Mario Raviolo: «Siamo gli unici in Italia ad avere la certificazione di secondo livello, sono nove in tutto il mondo»
Aggressioni, Grillo: «No a equiparazione con pubblico ufficiale, troppi oneri per i camici bianchi»
Il ministro, rispondendo ad una interrogazione della deputata Rostan, ha parlato anche di Daspo per i violenti negli ospedali. Abolizione dei superticket sulle visite specialistiche, Ministro annuncia misura che sarà finanziata ricontrattando al ribasso i prezzi dei super-farmaci acquistati dallo Stato
«Con flat tax e reddito di cittadinanza servizi sanitari a rischio». Parla la responsabile Salute PD Marina Sereni
«Dai vicepremier mai una parola per più risorse nella sanità». Così l’ex vicepresidente della Camera che poi torna sul tema dei vaccini: «Con autocertificazione strizzano occhio a movimento no vax»
Assemblea OMS, Bartolazzi (Sott. Salute): «Ottimizzare risorse per sostenibilità SSN. Intervento su ticket per ridurre spesa out of pocket»
Il Sottosegretario alla Salute ha presieduto la sessione inaugurale dell’evento a cui presenziano 53 ministri da tutta Europa. «Aumento alcol e fumo tra giovani preoccupa»
Contratto, Giulia Grillo: «Tema non scomparso dall’agenda, in settimana incontro con i sindacati»
«Siamo in contatto con le organizzazioni sindacali, proprio in settimana le incontreremo» così il Ministro della Salute a margine del summit OMS in corso a Roma
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...