OMCeO, Enti e Territori 6 settembre 2016

Policlinico Gemelli di Roma: apre ambulatorio di agopuntura per malattie da lavoro

Dalla collaborazione tra l’Istituto di sanità pubblica, sezione di Medicina del lavoro dell’Università Cattolica di Roma, e l’Associazione italiana agopuntura nasce il Centro di ricerca clinica Mla (Medicina del lavoro e agopuntura). Si tratta di un ambulatorio dedicato alla cura di patologie e disturbi collegati all’attività lavorativa. Attraverso l’applicazione clinica dell’agopuntura si svilupperanno terapie per […]

Dalla collaborazione tra l’Istituto di sanità pubblica, sezione di Medicina del lavoro dell’Università Cattolica di Roma, e l’Associazione italiana agopuntura nasce il Centro di ricerca clinica Mla (Medicina del lavoro e agopuntura). Si tratta di un ambulatorio dedicato alla cura di patologie e disturbi collegati all’attività lavorativa. Attraverso l’applicazione clinica dell’agopuntura si svilupperanno terapie per il trattamento di malattie correlate al lavoro, con l’obiettivo di ridurre al massimo le limitazioni nello svolgimento dell’attività professionale. Il Centro aprirà al pubblico martedì 13 settembre, al 7° piano (stanza C738) del Policlinico universitario A. Gemelli, e offrirà prestazioni extra Servizio sanitario nazionale. Sempre più spesso – si spiega in una nota dell’ateneo del Sacro Cuore – accade che negli anni successivi alla comparsa di sintomatologie invalidanti come lombalgie, cervicalgie, problematiche di tipo psicologico o cefalee i lavoratori vadano incontro a una graduale riduzione delle performance, che nei casi più estremi può limitare lo svolgimento dell’attività professionale o persino causarne la totale interruzione. «Questa collaborazione intende valorizzare importanti aspetti clinici della medicina del lavoro – afferma Ivan Borrelli, referente scientifico dell’Istituto di sanità pubblica, sezione di Medicina del lavoro della Cattolica, nonché medico agopuntore – Alcune forme morbose influiscono sostanzialmente sulle capacità lavorative e solo con il trattamento delle stesse si può riabilitare il lavoratore all’esercizio della professione». Franco Menichelli, referente dell’Associazione italiana agopuntura. aggiunge: «La possibilità di ridurre ed eliminare (in alcuni casi) l’utilizzo dei farmaci grazie all’agopuntura permette di diminuire considerevolmente i costi assistenziali e consente di ottenere benefici in relazione all’eliminazione degli effetti collaterali dei farmaci, con evidente impatto sulla sanità pubblica».

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Formazione

Test medicina: proteste davanti atenei. Ben 124 i posti in meno rispetto al 2016, arriva interrogazione parlamentare

Anche quest’anno al via i test d’ingresso per le facoltà a numero chiuso. Ad aprire le danze Medicina e odontoiatria con 67mila domande d’iscrizione e 124 posti in meno rispetto al 2016. Intant...