OMCeO, Enti e Territori 19 luglio 2018

Parte nuova campagna estiva Marevivo e Docta in difesa del mare “Vogliamo che diventi così?”

«Il mare è di chi lo abita, non della plastica». Questo lo slogan della campagna di Marevivo lanciata nell’ambito di #EmergenSea e realizzata da Docta Comunicazione.

Scopo dell’iniziativa è quello di sensibilizzare sul problema della marine litter attraverso le immagini: gli animali marini sono raffigurati come formine di plastica, di quelle con cui tutti, almeno una volta, abbiamo giocato da bambini: «Vogliamo davvero che diventino così?»

«Questa campagna – spiega Raffaella Giugni, responsabile relazioni istituzionali di Marevivo – vuole comunicare l’importanza di proteggere il mare che è il nostro Polmone blu, ci tiene in vita e non può essere utilizzato come una discarica di plastica. Ogni minuto l’equivalente di un camion di rifiuti finisce in mare. La plastica è ormai entrata nella catena alimentare arrivando sulle nostre tavole, mettendo a rischio la nostra salute. Oltre alle “Tre R”: Ricicla, Riduci, Riusa, noi di Marevivo aggiungiamo Rifiuta ciò che non puoi riutilizzare e Rispetta il pianeta.».

Docta Comunicazione, agenzia di marketing e comunicazione di Consulcesi Group, la più grande realtà medico-sanitaria d’Europa, ha contribuito convintamente alla campagna di sensibilizzazione di Marevivo. Un impegno condiviso con i suoi 100 mila medici, per rendere quanto più possibile capillare l’informazione sui rischi per la salute rappresentati dalla plastica. «Tra qualche giorno tutti saremo al mare, i più fortunati già saranno lì ad aspettarci» ironizza Matteo Mastrogiacomo, creative strategist di Docta. «Ricordiamoci allora che il mare, l’acqua, la sabbia appartengono a tutti: prima ancora che a noi, a chi ogni giorno li abita. Vogliamogli bene come facevamo da piccoli. Per loro, per noi stessi e per chi vivrà quei posti dopo di noi».

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...