OMCeO, Enti e Territori 11 giugno 2018

Oncologia, Bayer: con rivaroxaban tassi significativamente più bassi di recidiva di TEV

Sono stati pubblicati sul Journal of Clinical Oncology i risultati dello studio clinico Select-D, che ha valutato l’effetto di rivaroxaban, un farmaco Bayer inibitore orale del Fattore Xa, sulle recidive di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti con malattia oncologica attiva. I ricercatori hanno riscontrato percentuali significativamente inferiori di recidiva di TEV nei pazienti in terapia […]

Sono stati pubblicati sul Journal of Clinical Oncology i risultati dello studio clinico Select-D, che ha valutato l’effetto di rivaroxaban, un farmaco Bayer inibitore orale del Fattore Xa, sulle recidive di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti con malattia oncologica attiva. I ricercatori hanno riscontrato percentuali significativamente inferiori di recidiva di TEV nei pazienti in terapia con rivaroxaban rispetto a quelli in terapia con dalteparina, un’eparina a basso peso molecolare, attuale standard terapeutico.

In particolare, il tasso di recidiva di TEV a sei mesi è stato dell’11% con dalteparina e del 4% con rivaroxaban. Le percentuali d’emorragia maggiore in entrambi i bracci di studio sono state relativamente basse e in linea con quelle osservate in studi precedenti. I risultati dello studio clinico Select-D erano stati presentati al 59° Congresso Annuale della Società Americana di Ematologia (ASH) a dicembre 2017.

Chi ha una malattia oncologica attiva ha un rischio da quatto a sette volte superiore di sviluppare TEV rispetto a chi non la ha, e la chemioterapia può ulteriormente aumentare questo rischio fino a sei volte. I casi di trombosi associata a malattia oncologica sono quasi 1/5 dei casi di TEV e la gestione di questa popolazione di pazienti assorbe una quantità significativamente maggiore di risorse sanitarie.

Nello studio Select-D è stato riscontrato che la sopravvivenza complessiva a sei mesi è risultata superiore nei pazienti trattati con rivaroxaban (75%), rispetto a quelli in terapia con dalteparina (70%). Anche se è stato riscontrato un aumento relativo di sanguinamento non-maggiore, clinicamente rilevante, pari a tre volte con rivaroxaban rispetto alla dalteparina, le percentuali d’emorragia maggiore in entrambi i bracci di studio sono state relativamente basse e in linea con quelle osservate in precedenza. «La pubblicazione di questi risultati fornisce ulteriori evidenze, di cui vi era una grande necessità, su come aiutare al meglio quei pazienti con trombosi associata a malattia oncologica- ha dichiarato Michael Devoy, Responsabile Medical Affairs & Farmacovigilanza della Divisione Pharmaceuticals di Bayer – .Siamo impegnati ad esplorare migliori strategie terapeutiche per questa popolazione di pazienti e lo studio Select-D fa parte del più ampio programma CALLISTO, attraverso il quale continuiamo ad affrontare alcune delle sfide fondamentali e evidenze di lacune nel trattamento della trombosi associata a malattia oncologica».

Lo Studio Select-D

Si tratta di uno studio indipendente mirato alla valutazione della terapia anticoagulante in pazienti oncologici selezionati, a rischio di recidiva di tromboembolismo venoso, coordinato dall’Unità Studi Clinici dell’Università di Warwick, Regno Unito. Lo studio Select-D fa parte del Programma di Ricerca Clinica CALLISTO, che si compone di iniziative d’esplorazione dei potenziali benefici di rivaroxaban nella prevenzione e nel trattamento dell’embolia polmonare (EP) e della trombosi venosa profonda (TVP), note nel loro insieme come tromboembolismo venoso (TEV), in pazienti con diversi tipi di tumore, per ottenere nuove evidenze che aiutino la gestione della trombosi associata alla malattia oncologica.

Questo studio pilota condotto in UK, è uno studio multicentrico, randomizzato, in aperto, che ha reclutato pazienti con malattia oncologica attiva ed embolia polmonare sintomatica o incidentale o trombosi venosa profonda agli arti inferiori sintomatica.

Sono stati randomizzati 406 pazienti, e le terapie in studio erano rivaroxaban (15mg due volte/die per 3 settimane e successivamente 20mg una volta/die), o dalteparina, un’eparina a basso peso molecolare (200 UI pro chilo pro die per 1 mese e successivamente 150 UI pro chilo per 2-6 mesi)per un periodo di trattamento pari a sei mesi . La dalteparina viene somministrata con iniezione sottocutanea giornaliera e rivaroxaban viene assunto per via orale.

Lo scopo dello studio era valutare se rivaroxaban fosse un trattamento alternativo efficace per il TEV in pazienti oncologici. L’endpoint primario era la recidiva di TEV nei sei mesi di studio. Gli endpoint secondari erano emorragia maggiore ed emorragia non maggiore clinicamente rilevante.

Esiti di efficacia di Select-D

26 pazienti hanno avuto recidiva di TEV (18 con dalteparina, 8 con rivaroxaban).

Il tasso di recidiva di TEV a sei mesi è stato dell’11% (IC al 95% 7-16%) con dalteparina e del 4% (IC al 95% 2-9%) con rivaroxaban (hazard ratio –HR- di 0,43, IC al 95% 0,19-0,99).

E’ stato riscontrato che la sopravvivenza complessiva a sei mesi è risultata superiore nei pazienti in terapia con rivaroxaban, rispetto a quelli trattati con dalteparina, e pari rispettivamente al 75% (IC al 95% 69-81%) e al 70% (IC al 95% 63-76%).

Esiti di sicurezza di Select-D

La sicurezza è stata valutata in relazione ad emorragia maggiore ed emorragia non maggiore clinicamente rilevante.

Gli endpoint secondari erano emorragia maggiore ed emorragia non maggiore clinicamente rilevante. La percentuale cumulativa a sei mesi di emorragia maggiore è stata del 4% (IC al 95% 2-8%) con dalteparina, e del 6% (IC al 95% 3-11%) con rivaroxaban (HR 1,83, IC al 95% 0,68-4,96).

Le percentuali d’emorragia maggiore in entrambi i bracci di studio sono state relativamente basse e in linea con quelle osservate in  studi precedenti. Hanno avuto emorragia maggiore 6 pazienti in terapia con dalteparina e 11 con rivaroxaban. Hanno avuto emorragia non maggiore clinicamente rilevante ulteriori 7 pazienti in trattamento con dalteparina e 25 con rivaroxaban. La maggior parte degli eventi emorragici hanno interessato il tratto gastrointestinale o il distretto urologico, e non vi è stata alcuna emorragia cerebrale.

Il tasso di mortalità durante lo studio è stato alto in ragione della coorte di pazienti oncologici. Nei sei mesi sono deceduti 104 pazienti (56 in terapia con dalteparina, 48 con rivaroxaban) e le percentuali di sopravvivenza complessiva sono state del 70% (IC al 95% 63-76%) nel gruppo in terapia con dalteparina e del 75% (IC al 95% 69-81%) nel gruppo in terapia con rivaroxaban.

Articoli correlati
Malnutrizione in oncologia, per combatterla ‘call to action’. Muscaritoli (Sinuc): «Nessuna evidenza che digiuno diminuisca masse tumorali»
Tra i promotori dell’iniziativa anche l’oncologo Paolo Marchetti. Il 65% dei pazienti che si sottopongono a prima visita medico oncologica hanno già perso peso. Il Presidente Sinuc: «Il 20% dei malati oncologici muore per il deterioramento nutrizionale»
Sanità, l’ex Ministro De Lorenzo: «Regionalismo ha creato diseguaglianze. Occorre intervenire con poteri sostitutivi»
L’ex titolare del dicastero di Lungotevere Ripa, oggi Presidente della FAVO, chiede a Giulia Grillo interventi sulle reti oncologiche: «Bisogna attivarle in tutte le Regioni per garantire a tutti cure adeguate»
Test BRCA e tumori femminili: si chiude il ciclo di incontri organizzati da Salute Donna
Il test BRCA individua una specifica mutazione genetica – cosiddetta “mutazione Jolie” – che aumenta sensibilmente il rischio di tumore al seno e di tumore ovarico. Il ciclo di incontri organizzato da Salute Donna Onlus – che ha fatto tappa in diverse città italiane per sensibilizzare il pubblico sull’importanza del test BRCA nella diagnosi di tumori […]
Nanomedicine Roma 2018, Molinari (Iss): «Dall’ingegneria tissutale al drug delivery: le nanotecnologie “al servizio” della medicina»
«Biopolimeri in grado di dirigere la ricostruzione dei nervi, minuscole piattaforme che si assemblano e si separano al variare della temperatura o del ph del tessuto, nano vettori per il rilascio sito specifico di farmaci». Con Agnese Molinari, ricercatrice dell’Istituto Superiore di Sanità, le innovazioni presentate a “Nanomedicine Roma 2018”
di Isabella Faggiano
Al Policlinico Gemelli nasce il primo giardino pensile terapeutico d’Italia e la chemio esce dall’ospedale
Dedicato alle pazienti del Dipartimento della Salute della Donna e del Bambino, offre un nuovo modo di curare con e nella natura. All’area dedicata alla chemioterapia, si affiancano percorsi sensoriali e aree di meditazione. Inaugurato inoltre un Centro di Farmacologia Clinica di Genere dedicato alle sperimentazioni cliniche oltre che alla cura delle malattie oncologiche delle donne | GUARDA LE IMMAGINI
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM, dal 2019 scattano i controlli. Anelli (FNOMCeO): «Valuteremo inadempienze». Coletto (Agenas): «Stop a ‘infiltrati’, serve verifica»

È a metà strada il triennio ECM 2017-2019: in aumento il numero di medici e operatori in regola, ma rimangono molti camici bianchi inadempienti. Controlli dal 2019. INTERVISTE AD ANELLI (FNOMCEO) E ...
Salute

Aggressioni al personale sanitario, Flori Degrassi (Asl Roma 2): «Operatori in trincea, minacciati anche con pistole»

«Abbiamo dovuto mettere le barriere al Pronto soccorso del Pertini ma l’interfono ostacola il rapporto tra paziente e operatore sanitario. E, nel nostro lavoro, la comunicazione è fondamentale», ...
Salute

Autismo e nuovi Lea, Marino (Fia): «Ancora due anni per attuazione, ma autistici diventeranno una categoria protetta»

«Grazie ai nuovi Lea i pazienti autistici potranno finalmente ricevere l’assistenza adeguata alla propria patologia, così come prescritto dalle Linee Guida per l’Autismo. Necessario mezzo miliar...
di Isabella Faggiano