OMCeO, Enti e Territori 25 luglio 2016

Medici, Cisl Napoli sulle nomine: Bene la Regione ma ora la prova dei fatti

«Ben venga la svolta impressa dal presidente De Luca con le prime nomine di direttori generali, che muovono a considerazioni diverse in relazione alla diversità delle persone che hanno ricevuto questo mandato», lo afferma, in una nota, Roberto D’Angelo, coordinatore della Cisl Medici per l’area metropolitana di Napoli. «Se della dottoressa Costantini possiamo dire che, […]

«Ben venga la svolta impressa dal presidente De Luca con le prime nomine di direttori generali, che muovono a considerazioni diverse in relazione alla diversità delle persone che hanno ricevuto questo mandato», lo afferma, in una nota, Roberto D’Angelo, coordinatore della Cisl Medici per l’area metropolitana di Napoli. «Se della dottoressa Costantini possiamo dire che, dopo un primo difficile impatto con l’ASL Napoli 3sud, complessa da gestire quanto estesa, ha dato prova di serietà e capacità di governo che fanno ben sperare per un prosieguo della sua esperienza, per quanto riguarda il dottor D’Amore lo aspettiamo alla prova dei fatti, considerato che il passaggio da commissario straordinario a manager con ampi poteri non da’ più alcun alibi circa decisioni importanti come l’adozione della contabilità per centri di costo, che oltre ad essere un obbligo di legge è un indispensabile strumento gestionale sul quale non è stato capace di andare al di là delle buone intenzioni».

Per quanto riguarda la nomina del dottor Ciro Verdoliva, «che ha portato a compimento – sottoliena la nota – i lavori per la messa in attività dell’Ospedale del Mare ed è stato nominato direttore generale del Cardarelli», D’Angelo afferma: «Abbiamo molto apprezzato il richiamo etico alla centralità del paziente, che condividiamo, ma ci è un po’ dispiaciuto che non abbia fatto alcun cenno al personale, a quelli che ‘tirano la carretta’ e senza i quali anche il suo Ospedale del Mare è un contenitore vuoto: speriamo che questo non segni la differenza critica tra un ottimo organizzatore di strutture e gare per l’acquisizione di presidi ed un efficace gestore di quel ‘capitale umano’, che è stato fino ad oggi il tesoro disprezzato della sanità campana e che le ha impedito di affondare, in tutti questi anni in un mare di melma».

Al governatore De Luca, la Cisl Medici di Napoli «aveva già chiesto, dopo la fine della stagione dei ‘commissari niente affatto straordinari’, di attivare opportuni meccanismi di controllo dell’operato dei futuri direttori generali delle strutture sanitarie e dei loro collaboratori e di aprire una nuova stagione di confronto costruttivo con le organizzazioni sindacali e con i cittadini utenti del servizio sanitario regionale».

Articoli correlati
Il record di mortalità per diabete va alla Campania
Il diabete in Italia è una malattia che presenta numeri da capogiro: 3 milioni ne sono affetti pari a circa il 6 per cento della popolazione. Oltre a ciò, si stima che circa un milione di italiani non sa di esserlo e per questo la percentuale potrebbe salire fino al 7 per cento. Le Regioni […]
Cisl Medici: «ancora aggressioni a colleghe. Troppi rischi, necessarie tutele assicurative ad hoc»
«Apprendiamo dagli organi di stampa l’episodio di violenza avvenuto in Veneto: a Conegliano (TV) una Collega di Continuità Assistenziale è stata aggredita sul luogo di lavoro; solo l’aiuto di altre due colleghe e l’istinto di difesa nel chiamare il 113 hanno evitato che accadesse il peggio! – denuncia la Cisl medici in una nota – . La collega […]
Atelier della salute 2018: open-day in dermatologia alla Federico II di Napoli
Tre giornate dedicate alla prevenzione, diagnosi e cura delle patologie della pelle, organizzate dalla Scuola di Specializzazione in Dermatologia e Venereologia dell’Università Federico II di Napoli, a partire dal 20 gennaio 2018 e fino al prossimo settembre. Questo è il programma dell’Atelier per la salute 2018, una serie di incontri informativi e visite gratuite rivolti ai cittadini che si svolgeranno presso la Dermatologia […]
Sciopero medici, Filippi (Cgil): «Non servono bonus, ma strategie di ristrutturazione del SSN e legittimazione professionisti»
Zampetti (Cisl Medici): «È stato un anno deludente per la sanità, e il 2018 si preannuncia caratterizzato da bagarre tra partiti in campagna elettorale mentre il SSN si deteriorerà sempre di più». In vista dello sciopero di febbraio, le dichiarazioni dei rappresentanti di Fp Cgil Medici e Cisl Medici
«Formazione vuol dire futuro». L’intervista a Danilo Mazzacane, neoeletto Presidente Collegio Revisori OMCeO Milano
«Il nostro Sistema è stato sempre lodato, ma possiamo ulteriormente migliorare e divenire un punto di riferimento anche per gli altri Paesi», così ai nostri microfoni il Segretario Cisl Medici Lombardia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

INTERVISTA ESCLUSIVA: «Ecco come prevederemo il cancro con una semplice analisi del sangue»

L'intervista alla Professoressa Paterlini – Bréchot: «Il metodo ISET permette di riscontrare la presenza di cellule tumorali in chi ha avuto un tumore e chi è a rischio molto prima rispetto ai me...
Salute

Centrifugati, verdure e succhi di frutta “veri”. I consigli della pediatra per salvare i bambini dall’influenza con la natura

La dottoressa Ricottini, ai microfoni di Sanità Informazione, spiega quali sono i migliori rimedi naturali per combattere e prevenire i sintomi dell’influenza. E sui “dolori della crescita”…
Politica

Firmato contratto per gli statali. Dal 2018 aumenti e tutele sanitarie aggiuntive

Incassata la prima sigla per il rinnovo dei contratti della PA: per 250mila dipendenti sono in arrivo moltissime novità tra cui tutele sanitarie aggiuntive. Si tratta di un risultato storico perché...