OMCeO, Enti e Territori 30 dicembre 2016

Lazio, Protocollo d’intesa con Aiop per ricovero da pronto soccorso a strutture private

La Regione lazio comunica che è stato firmato questa mattina un Protocollo d’intesa con Aiop, Aris e Unindustria per disciplinare le modalità di trasferimento per ricovero da Pronto Soccorso presso strutture private accreditate. Il protocollo consente la messa a disposizione di un congruo numero di posti letto modulabile secondo i bisogni e attraverso la programmazione delle aziende territoriali. […]

La Regione lazio comunica che è stato firmato questa mattina un Protocollo d’intesa con Aiop, Aris e Unindustria per disciplinare le modalità di trasferimento per ricovero da Pronto Soccorso presso strutture private accreditate. Il protocollo consente la messa a disposizione di un congruo numero di posti letto modulabile secondo i bisogni e attraverso la programmazione delle aziende territoriali. Tale misura è finalizzata a limitare il disagio dei cittadini nei Pronto Soccorso derivato dall’iper afflusso di questi giorni causato  dalla particolare virulenza dell’epidemia influenzale che in questi giorni sta raggiungendo il picco di diffusione.

«La situazione di crisi dei Pronto Soccorso è nuovamente riemersa. Oggi abbiamo finalmente un Protocollo ufficiale tra la Regione e le Case di cura, Protocollo attraverso il quale si regolamenta la disponibilità di concreto supporto da parte delle Case di cura ai PS”. Lo afferma Jessica Veronica Faroni, presidente Aiop Lazio, Associazione Ospedalità Privata».

«Anche in assenza di un accordo – aggiunge Faroni – la disponibilità delle nostre cliniche non è mai stata negata. Il Protocollo firmato oggi, dall’AIOP insieme al Presidente dell’ARIS Michele Bellomo, è frutto di un lungo percorso condotto insieme alla Regione, che, dopo una anno, ha portato alla stipula di un accordo che soddisfa le esigenze di supporto da parte delle strutture private nei sempre più frequenti periodi di crisi dei PS della nostra Regione. E’ stata inoltre chiesto, e accordato dalle nostre Case di cura, un supporto maggiore per l’area al momento più in difficoltà, quella della RM2, e nello specifico per i Pronto Soccorso del Pertini, del Grassi, del Casilino e del S. Eugenio, che potranno contare, fino al 10 gennaio, sulle nostre strutture.  Da oggi le cose cambiano e chi certamente ne trarrà vantaggio sarà il cittadino, che troverà una maggior disponibilità di assistenza e una conseguente riduzione dei tempi di attesa. Questo, infatti, non rimarrà più ore in attesa del ricovero, ma verrà accolto presso strutture private accreditate con il Sistema Sanitario Nazionale, che vuol dire sempre senza alcun aggravio economico per il cittadino».

Articoli correlati
Niente ambulanza e il paziente muore. Procedimento disciplinare per quattro operatori del 118
A Napoli è stato avviato un procedimento disciplinare nei confronti di quattro operatori del 118 che avevano riferito dell’impossibilità di inviare un’ambulanza ad un uomo di 42 anni, malato di talassemia, che si era sentito male alla stazione e che è morto dopo circa mezz’ora di attesa. Dal sistema informatico della centrale operativa si evince invece […]
Dolore acuto e cronico: boom in Italia, in 10 milioni al pronto soccorso per questo disturbo
Tra le cause del dolore acuto troviamo i disturbi di 3 macro-aree: mal di schiena (78% di accessi al pronto soccorso), cefalea (16%) e coliche renali (5%), il focus al Meeting Salute di Rimini
S.S. Lazio, B-Academy, AMSI; UMEM e FIMMG Roma: nasce l’alleanza prevenzione e aggiornamento in medicina sportiva
Con la  supervisione del Prof. Ivo Pulcini, Direttore Sanitario della SS Lazio calcio, sono stati effettuati esami cardiologici ai calciatori della SS Lazio col nuovo Modulo Sudden Death Screening (SDS), uno strumento unico per la prevenzione della morte cardiaca improvvisa, principale causa di morte nei giovani atleti. Per il massimo comfort, il modulo SDS è […]
Legge Gelli, come gestire il “risk” nella sanità privata e con i professionisti
Assemblea Generale Aiop. Pelissero: «Più flessibilità per essere risorsa». Faraone: «Gamba privata importante per sistema salute». Miraglia: «Agire secondo best practice di Paesi avanguardia». Leonardi: «Giovani avanti con Aiop Job». Consulcesi: «Soluzioni complete per risk management da polizze a formazione»
Ex specializzandi, 628 medici Consulcesi ricevono rimborsi per 22 milioni di euro
A Milano camici bianchi provenienti dalla Lombardia e da altre regioni hanno ricevuto l’assegno di rimborso per gli anni di scuola post-laurea non retribuiti. Nel corso dell’evento si è parlato anche di responsabilità professionale e nuove opportunità lavorative: presentato il portale AIOP Job, la prima banca dati per trovare lavoro in sanità in 500 strutture
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi: 62 milioni di euro di rimborsi. Ma arriva la prescrizione…

Lavra (OMCeO Roma): «Felice per i colleghi rimborsati, Consulcesi patriottica». Andrea Tortorella (Ad Consulcesi): «Cifra emblematica, consigliamo a tutti i camici bianchi di muoversi prima della p...
Lavoro

Medici di famiglia, Lorenzin: «Sono le nostre braccia sul territorio. Più risorse da Def e fondi regionali»

«Investiamo sul capitale umano, i nostri medici di famiglia sono l’anello forte della catena» così il Ministro Lorenzin intervistata al 74° Congresso Nazionale Fimmg. Ecco le ultime novità su D...
Lavoro

«Ritardi e penalizzazioni, no a Italia senza medici» parla Noemi Lopes (FIMMG Giovani), in piazza il 28 settembre

«Un ricambio generazionale sempre più ingessato, una fuga di cervelli sempre più massiccia, crollo della medicina generale: ecco il futuro del comparto medico italiano». Bando per l’accesso alle...